La sicurezza delle gallerie: una sfida che richiede un approccio multidisciplinare

CONDIVIDI

giovedì 24 febbraio 2022

La sicurezza delle gallerie è una questione complessa, che richiede un approccio multidisciplinare e la collaborazione tra soggetti in ambiti molto diversi, che assicurino le professionalità necessarie dal punto di vista legislativo, di analisi e progettazione, di gestione tecnica delle infrastrutture.

In particolare una gestione sicura delle gallerie è una sfida per un Paese come l’Italia, dove si trovano 458 delle 1004 gallerie presenti sulla totalità della rete stradale transeuropea (TERN) e in molti casi si parla di strutture con numerosi anni sulle spalle, che quindi necessitano di interventi di messa a norma e adeguamento.

Queste le premesse di partenza del webinar promosso da ANAS e PIARC per riunire tutti i principali attori coinvolti e fare il punto sui più recenti sviluppi nel campo della sicurezza in galleria, alla luce delle nuove tecnologie e delle nuove prospettive di gestione del traffico, in un momento storico in cui, sulla spinta dei fondi del PNRR, il nostro Paese sarà interessato da una mole senza precedenti di interventi per l’avanzamento infrastrutturale.

All’incontro hanno partecipato rappresentanti delle Istituzioni, Università, aziende, tecnici, proprio per far emergere le molte sfaccettature in cui si articola la gestione delle gallerie, che richiede un approccio multidisciplinare e un costante confronto che faccia andare di pari passo aggiornamenti normativi e progressi tecnologici.

 

ANAS: oltre 2.000 gallerie su 32.000 km di rete stradale

Una questione, la sicurezza delle oltre 2.000 gallerie presenti sui circa 32.000 km della propria rete, su cui ANAS è impegnata attraverso molti fronti, particolarmente sentita in questo momento “per la necessità di assicurare una rete di trasporti efficiente e operativa di cui la ripresa, la ripartenza economica del nostro Paese ha bisogno”, come sottolineato dal presidente Edoardo Valente in apertura del suo intervento.

Un obiettivo che si raggiunge attraverso tre passaggi fondamentali:

  • potenziando la collaborazione istituzionale, ad esempio con Ansfisa e con il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, per rafforzare le attività di vigilanza e controllo;

  • avviando un’interlocuzione con partner scientifici e tecnologici qualificati e aggiornati per intercettare le ultime novità dal punto di vista della gestione e della diagnostica delle infrastrutture;

  • cercando un contatto e un dialogo sempre più stretto con università e poli di formazione per intercettare nuove professionalità su cui ANAS vuole investire per una continua crescita e aggiornamento delle competenze e dei saperi.

Negli ultimi quattro anni i progetti di manutenzione approvati sono aumentati del 245%, passando dai 142 progetti del 2018 a 818 progetti nel 2021.

Nel 2021 l'investimento per progetti di manutenzione delle gallerie sulla rete ANAS è stato di 104 milioni di euro; la previsione per il 2022 è di 201 milioni.

ANAS - ha spiegato Matteo Castiglioni, direttore Operation e Coordinamento Territoriale di Anas Sicurezza in galleria - applica un controllo trimestrale di tipo visivo eseguito dal proprio personale su tutte le gallerie di competenza mediante APP. Le campagne ispettive sono cresciute dal 67% di copertura nel primo trimestre 2019 al 98% di copertura nel quarto trimestre 2021.

Il sistema ispettivo ANAS prevede tre fasi: il censimento di tutte le opere e delle loro caratteristiche principali; descrizione delle effettive condizionidell'opera e dell'ambiente circostante (schede di difettosità); definizione di Classi di Attenzione relativamante ai diversi fattori di rischio. 

Per le gallerie in Classe di Attenzione Alta, si procederà all'ispezione approfondita  (attraverso prove e indagini strumentali).

Nell'ambito dei progetti dedicati alla gestione, manutenzione ed esercizio degli impianti tecnologici volti all'incremento della sicurezza e alla gestione dell'emergenza rientra il Telecontrollo degli impianti in galleria (STIG), attualmente presente su 137 gallerie, controllate da una Sala Situazione, localizzata presso la Direzione Generale di Roma.

Il Sistema permette la gestione da remoto della galleria, l'attivazione di scenari di emergenza, fornisce un supporto alla gestione anagrafica e alla manutenzione degli impianti. 

 

L’incendio nel Traforo del Monte Bianco

C’è una data spartiacque che segna il momento di acquisizione di consapevolezza in merito all’importanza della sicurezza delle gallerie – ha spiegato Domenico Crocco, dirigente ANAS e primo delegato e segretario generale di PIARC Italia – ovvero il 24 marzo 1999, l’incendio nel Traforo del Monte Bianco nel quale morirono 39 persone. Furono necessarie 53 ore per domare l’incendio.

Prima di allora gli incidenti erano stati sporadici e con pochissime vittime.

Da quell’incidente, e da quelli che nel giro di un paio di anni interessarono altri tunnel, tra cui il Frejus, si è messo in moto l’iter che ha portato all’emanazione della Direttiva europea del 2004, che definisce le misure da adottare per fornire un adeguato livello di sicurezza delle gallerie stradali, introducendo nuovi criteri e procedure per la gestione della sicurezza.

 

La Commissione Permanente Gallerie

A questo punto entra in gioco il problema cruciale dei controlli e della vigilanza, tra le mansioni svolte dalla Commissione Permanente Gallerie, recentemente collocata presso Ansfisa (fino alla fine del 2021, invece, all’interno del Consiglio Superiore Lavori Pubblici).

La Commissione assicura il rispetto da parte dei gestori di tutti gli aspetti di sicurezza di una galleria; approva i progetti per l’attuazione di misure di sicurezza; può sospendere o limitare l’esercizio di una galleria qualora i requisiti di sicurezza non siano rispettati.

Una novità molto importante recentemente introdotta però stabilisce, tra i compiti della Commissione, il fatto che possa promuovere anche un’attività di studio, ricerca e sperimentazione, anche di natura prototipale, in materia di sicurezza delle gallerie. In questo senso la Commissione si pone come luogo dove operatori, tecnici, istituzioni possono incontrarsi, “fare sistema", cosa che – come evidenziato da Giuseppe Cantesani (Università Sapienza di Roma) – in passato non è stato molto facile mettere in atto.

 

Le nuove sfide: l’idrogeno e l’elettrico

La sicurezza delle gallerie è resa oggi ancora più complessa dall’emergere dei veicoli ad alimentazione alternativa, che pongono i gestori delle infrastrutture di fronte a nuovi problemi e un’ulteriore complessità.

L’Università di Salerno – ha spiegato Ciro Caliendo – sta lavorando su questo aspetto, mettendo a punto sistemi di analisi del rischio che tengano conto ad esempio delle caratteristiche dell’idrogeno – che in quantità sempre maggiori dovrà essere trasportato all’interno di autocisterne verso i punti di stoccaggio e distribuzione – o del rischio che si sviluppi un incendio da una batteria di un veicolo elettrico, magari di grandi dimensioni come un autobus.

La sfida ulteriore sarà dunque coniugare la sicurezza alla progressiva decarbonizzazione del trasporto, condividendo i saperi di aziende, istituti di ricerca e gestori delle infrastrutture.

 

Il ruolo della tecnologia

La tecnologia ha permesso un avanzamento significativo negli ultimi anni nei processi di monitoraggio e verifica in tempo reale della situazione delle infrastrutture, permettendo anche interventi più rapidi in caso di gestione delle emergenze.

Autostrade per l’Italia gestisce la propria rete di gallerie attraverso una Sala Radio, che supervisiona gli eventi sulla propria rete gestendo le comunicazioni con le risorse operative interne (operatori viabilità ASPI, manutentori) e con i Servizi di pronto intervento esterni.

In particolare il Centro Monitoraggio Impianti (CEM) rappresenta il centro di monitoraggio remoto della funzionalità degli impianti tecnologici attraverso un sistema di telegestione composto da unità di telecontrollo collegate in rete al Supervisory Control and Data Acquisition.

Il sistema di telecontrollo gallerie mette a disposizione della Sala Radio uno strumento denominato Monitor Allarmi, in grado di raggruppare, visualizzare e gestire allarmi generati da varie tipologie di sensori presenti in galleria riguardanti: allarmi da telecamere, allarmi da sensori rilevamento incendi, allarmi di estrazione estintori, allarmi di apertura porte, allarmi di rilevamento fumi.

ASPI ha in sperimentazione nuove tecnologie hardware e software per il rilevamento automatico incendi e incidenti con telecamere dotate di software basati su intelligenza artificiale.

In sperimentazione anche algoritmi predittivi al fine di intervenire tempestivamente al verificarsi di condizioni che possano condurre a guasti e di migliorare ulteriormente l’affidabilità degli impianti.

Tag: anas, infrastrutture

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Anas, Ferragosto: traffico intenso ma senza criticità

Nella giornata di oggi, lunedì di Ferragosto, si prevede un consistente flusso di traffico al mattino per le consuete gite fuori porta della giornata festiva verso le aree marittime e montane...

Esodo estivo: previsto nuovo fine settimana di traffico intenso sulla rete Anas

Già dalla giornata di oggi gli italiani si sono messi in viaggio per raggiungere le località di villeggiatura: segnalato traffico da bollino rosso in diversi tratti autostradali....

Approvato il decreto Mims: nuove misure per infrastrutture e trasporti più efficienti e sostenibili

Migliorare il sistema infrastrutturale e la qualità dei servizi di mobilità per rispondere in modo innovativo alle esigenze delle persone, delle imprese e dell’ambiente.  Il...

Liguria: Free To X attiva una nuova stazione di ricarica elettrica sulla A12

Free To X, società del gruppo Autostrade per l’Italia, dedicata allo sviluppo di servizi avanzati per la mobilità,  attiva una nuova stazione di ricarica ad alta potenza per...

Garantire sicurezza e continuità di strade e infrastrutture: accordo MIMS-ENEA-INGV

Mettere in campo le tecnologie più avanzate per rafforzare la sicurezza di strade e ferrovie del nostro Paese e garantire la continuità delle infrastrutture nazionali e dei servizi di...

Dal Cipess via libera a investimenti per 23mld: tra i progetti anche il potenziamento della linea adriatica

''Con il solo contratto di Programma Rfi sblocchiamo investimenti da qui al '26 per oltre 23 miliardi di euro con l'obiettivo di garantire al Paese rilancio, lavoro, mobilità sostenibile e...

Emergenza siccità: assegnati 27mln di euro alle Autorità di Bacino e alle Zone Economiche Speciali

Via libera alla ripartizione di 27 milioni di euro tra le Autorità di Bacino distrettuale e le Zone Economiche Speciali (ZES) per la realizzazione di opere idriche per fare fronte...

Esodo estivo: grandi partenze nel weekend, registrato traffico intenso

 Il fine settimana appena trascorso, contrassegnato dal bollino rosso, è stato caratterizzato dalle grandi partenze di fine luglio per gli spostamenti di media e lunga...