Interporto di Rovigo, CNA sollecita le Istituzioni per trovare una strategia di rilancio

venerdì 12 febbraio 2016 14:11:40

La CNA Rovigo rilancia la necessità di individuare una strategia per l'Interporto, sottolineando, in una nota, come, invece, in questi anni, si sia operato “a vista”, con la costante diminuzione dei ricavi, con i bilanci in perdita e con l’erosione continua del capitale sociale.

"Mentre Sistemi Territoriali ha pubblicato l’avviso pubblico per raccogliere manifestazioni di interessi per la vendita delle proprie quote azionarie nell’Interporto di Rovigo, pari ad oltre il 32% del capitale sociale, l’Autorità portuale di Venezia ingloba anche il porto di Chioggia nell’ambito del decreto di riorganizzazione dei porti italiani ed a Mantova si sta rafforzando il modello di sistema portuale garantendo flessibilità di servizio per migliorare le capacità di risposta alle domande delle imprese. La prospettiva, quindi, che logistica e intermodalità potevano rappresentare una opportunità per il territorio polesano sta venendo meno.

Ancor più disarmante - prosegue la nota CNA - è apprendere che a fine dicembre 2015 il Tribunale di Rovigo abbia dichiarato aperta la procedura di concordato preventivo della Società Allibo Adriatico Srl, società partecipata da Interporto, avviata nel 2012 e per la quale già nel 2013 Interporto aveva dovuto svalutare integralmente la propria partecipazione detenuta in Allibo Adriatico spa, a seguito della riduzione ad euro zero del capitale sociale e successivamente abbia esercitato il diritto di opzione di sottoscrivere il successivo aumento.

Come CNA Rovigo avevamo fortemente osteggiato nel 2012 la partecipazione dell’allora Camera di Commercio di Rovigo, nonostante varie pressioni, alla Allibo Adriatico, perché non erano chiari i presupposti della società, il business plan derivante dall’acquisto di un ramo di azienda da una multinazionale che lo considerava non più conveniente, ed anche al Presidente di Interporto avevamo espresso le perplessitàsu una eventuale adesione.

L’impressione è che l’Interporto si stia insabbiando rispetto ad una mancanza di strategia, vanificando le opportunità iniziali che hanno comportato consistenti investimenti pubblici, con il rischio di 'svendere' l’opzione intermodalità/logistica in un’ottica di ripresa del sistema economico nel nostro territorio".

In conclusione, la CNA Rovigo ritiene che "il Comune di Rovigo debba assumere un proprio ruolo per la strategia e la prospettiva, affinché non si assista ad una 'svendita', ma si colga l’occasione per rafforzare sinergie con altri territori, nell’ottica di progettualità di area vasta, in particolare con quello veronese considerato che il Consorzio ZAI di Verona è presente nel consiglio di amministrazione di Interporto con il proprio Presidente".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Autotrasporto: a rischio i tagli sulle accise per i camion

Diverse associazioni dell'autotrasporto e della logistica hanno lanciato un appello contro i possibili aumenti del gasolio. La sollecitazione nasce a seguito della consultazione pubblica...

Caro navi: assemblea Cna Fita Sardegna, a rischio molte aziende di autotrasporto

Autotrasportatori sardi a confronto nell'assemblea di categoria Cna Fita a Tramatza, insieme ai vertici regionali (Francesco Pinna e Valentina Codonesu) e al responsabile nazionale (Mauro Concezzi)...

Porto di Civitavecchia, passi avanti per i collegamenti con l’interporto e il Polo logistico di Santa Palomba

Si continua a lavorare per realizzare un collegamento funzionale tra il porto e l’interporto di Civitavecchia e il Polo logistico di Santa Palomba. Presso la sede...