A3 Salerno-Reggio Calabria: arriva l’esercito

giovedì 10 febbraio 2011 08:42:40
Sessanta soldati del V Reggimento Fanteria Aosta per la vigilanza sulla A3 Salerno-Reggio Calabria. Contro le continue intimidazioni della ‘ndrangheta (l’ultima in un cantiere a Scilla), da oggi l’autostrada più difficile d’Italia sale al rango di ‘sorvegliata speciale’. La decisione viene dall’incontro tra il presidente dell’Anas Pietro Ciucci e il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Giuseppe Valotto. La vigilanza, programmata per 24 ore su 24, si concentrerà in particolare, su tre cantieri del tratto reggino dell'A3, di cui due nel V macrolotto (Bagnara e Scilla), e uno nel VI (Campo Calabro). In caso di azioni intimidatorie i militari non sono tuttavia tenuti a intervenire direttamente ma dovranno segnalare i fatti alle forze dell’ordine.
“Se questo Paese è costretto a chiamare l’esercito per completare i lavori di un’opera c’è da essere veramente preoccupati” si rammarica il segretario nazionale della Filt Cgil, Michele Azzola. Secondo il sindacalista “non è con l’esercito che vanno ricercate soluzioni alle manifestazioni di illegalità che si sono presentate nel corso di questi lunghissimi anni e che hanno di fatto impedito il completamento di un’opera che è il presupposto dello sviluppo del Mezzogiorno. Ci piacerebbe chiedere al Governo - prosegue Azzola - quale sia il giudizio sulla Legge Obiettivo fortemente voluta dalla stessa compagine governativa che ha dimostrato il proprio fallimento e di non essere in grado di soddisfare quelle esigenze di sviluppo”.
Sempre dalla Filt Cgil rincara la dose Franco Nasso, che consiglia al ministro Tremonti – in Calabria per un blitz sui trasporti – di “fare il viaggio di ritorno sull’autostrada Salerno Reggio Calabria” e magari di approfittare per “un giretto in Sicilia e nelle altre Regioni non trattate da questo viaggio-spettacolo”. Tanto più che, rileva Nasso, proprio Tremonti ha tagliato al tpl un terzo delle risorse spettanti, menomando la capacità delle aziende di rinnovare il parco mezzi su gomma e su ferro. E provocando, inoltre, il taglio di tratte e servizi e l’aumento delle tariffe. “I danni che il ministro ed il Governo hanno provocato - sostiene Nasso - richiedono una profonda inversione di rotta, attraverso il ripristino delle risorse tagliate, la valorizzazione della mobilità sostenibile e un piano di investimenti che può trovare concretizzazione se si pensa ad interventi nel sud, sulle ferrovie e sulle strade, invece che all’inutile e costoso Ponte sullo stretto”.
Vincenzo Foti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Toscana: al via un progetto per creare una Zona Logistica Semplificata sulla costa

lunedì 9 dicembre 2019 17:37:08
Una "Zona Logistica Semplificata" anche in Toscana. È questo l'orientamento della giunta regionale che ha deciso, in coerenza con la mozione votata dal...

Infrastrutture: calo delle temperature, al via il piano invernale di Autovie Venete

martedì 3 dicembre 2019 12:15:59
Pronto il piano neve di Autovie, con i mezzi spargisale operativi che entreranno in azione sulla A28, sulla A23, nel tratto di competenza della Concessionaria...

A6 Torino-Savona riaperta grazie ad un bypass per aggirare il crollo del viadotto

venerdì 29 novembre 2019 12:04:25
Riapre la carreggiata Sud dell’autostrada A6 Torino-Savona. Installato un bypass per aggirare il crollo del viadotto “Madonna del monte” che...

A2 Autostrada del Mediterraneo: Anas prosegue gli interventi per realizzare una smart road

giovedì 28 novembre 2019 11:12:12
  Proseguono gli interventi per l'implementazione di una "Smart Road", infrastruttura tecnologica avanzata,  sulla A2 Autostrada del Mediterraneo....

Anas, al via progetto di monitoraggio strumentale di ponti e viadotti

giovedì 28 novembre 2019 11:49:53
Anas ha pubblicato sulla Gazzetta ufficiale quattro bandi di gara da tre milioni di euro ciascuno per il monitoraggio strumentale di ponti e viadotti. Gli...