A3 Salerno-Reggio Calabria: arriva l’esercito

giovedì 10 febbraio 2011 08:42:40
Sessanta soldati del V Reggimento Fanteria Aosta per la vigilanza sulla A3 Salerno-Reggio Calabria. Contro le continue intimidazioni della ‘ndrangheta (l’ultima in un cantiere a Scilla), da oggi l’autostrada più difficile d’Italia sale al rango di ‘sorvegliata speciale’. La decisione viene dall’incontro tra il presidente dell’Anas Pietro Ciucci e il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Giuseppe Valotto. La vigilanza, programmata per 24 ore su 24, si concentrerà in particolare, su tre cantieri del tratto reggino dell'A3, di cui due nel V macrolotto (Bagnara e Scilla), e uno nel VI (Campo Calabro). In caso di azioni intimidatorie i militari non sono tuttavia tenuti a intervenire direttamente ma dovranno segnalare i fatti alle forze dell’ordine.
“Se questo Paese è costretto a chiamare l’esercito per completare i lavori di un’opera c’è da essere veramente preoccupati” si rammarica il segretario nazionale della Filt Cgil, Michele Azzola. Secondo il sindacalista “non è con l’esercito che vanno ricercate soluzioni alle manifestazioni di illegalità che si sono presentate nel corso di questi lunghissimi anni e che hanno di fatto impedito il completamento di un’opera che è il presupposto dello sviluppo del Mezzogiorno. Ci piacerebbe chiedere al Governo - prosegue Azzola - quale sia il giudizio sulla Legge Obiettivo fortemente voluta dalla stessa compagine governativa che ha dimostrato il proprio fallimento e di non essere in grado di soddisfare quelle esigenze di sviluppo”.
Sempre dalla Filt Cgil rincara la dose Franco Nasso, che consiglia al ministro Tremonti – in Calabria per un blitz sui trasporti – di “fare il viaggio di ritorno sull’autostrada Salerno Reggio Calabria” e magari di approfittare per “un giretto in Sicilia e nelle altre Regioni non trattate da questo viaggio-spettacolo”. Tanto più che, rileva Nasso, proprio Tremonti ha tagliato al tpl un terzo delle risorse spettanti, menomando la capacità delle aziende di rinnovare il parco mezzi su gomma e su ferro. E provocando, inoltre, il taglio di tratte e servizi e l’aumento delle tariffe. “I danni che il ministro ed il Governo hanno provocato - sostiene Nasso - richiedono una profonda inversione di rotta, attraverso il ripristino delle risorse tagliate, la valorizzazione della mobilità sostenibile e un piano di investimenti che può trovare concretizzazione se si pensa ad interventi nel sud, sulle ferrovie e sulle strade, invece che all’inutile e costoso Ponte sullo stretto”.
Vincenzo Foti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Incontro al MIT, sul tavolo Passante di Bologna e Bretella Campogalliano-Sassuolo

mercoledì 20 marzo 2019 16:25:21
Emilia Romagna e progetti infrastrutturali, Passante di Bologna e Bretella Campogalliano-Sassuolo: fruttuoso l’incontro con il ministro alle...

Conftrasporto, Uggè: tra Via della Seta e Tav legame pericoloso

lunedì 18 marzo 2019 19:25:38
Tra la Via della Seta che vede protagonista la Cina e la via dell’alta velocità che vede al centro la questione Tav ci sarebbe un legame...

Fs Sistemi Urbani presenta a Cannes i progetti di rigenerazione urbana

venerdì 15 marzo 2019 11:45:21
Il bando di gara per la vendita del lotto edificabile C1 di Roma Tiburtina, dove sarà possibile realizzare hotel e spazi commerciali; la rigenerazione...

Roma, il 24 marzo torna #Vialibera: circuito ciclo-pedonale da San Lorenzo al Corso

mercoledì 13 marzo 2019 12:47:27
Torna domenica 24 marzo l'iniziativa #VIALIBERA. Terza edizione della manifestazione che coincide con la quinta domenica ecologica. Il circuito ciclo-pedonale...

#StradeNuove a Roma: anche via Casal del Marmo nel progetto

lunedì 11 marzo 2019 14:31:25
Si lavora sull’asfalto e su tratti casa-scuola con l'operazione strade e marciapiedi sicuri su Via di Casal del Marmo a Roma. La via si aggiunge al ...