A3 Salerno-Reggio Calabria: arriva l’esercito

giovedì 10 febbraio 2011 08:42:40
Sessanta soldati del V Reggimento Fanteria Aosta per la vigilanza sulla A3 Salerno-Reggio Calabria. Contro le continue intimidazioni della ‘ndrangheta (l’ultima in un cantiere a Scilla), da oggi l’autostrada più difficile d’Italia sale al rango di ‘sorvegliata speciale’. La decisione viene dall’incontro tra il presidente dell’Anas Pietro Ciucci e il Capo di Stato Maggiore dell'Esercito Giuseppe Valotto. La vigilanza, programmata per 24 ore su 24, si concentrerà in particolare, su tre cantieri del tratto reggino dell'A3, di cui due nel V macrolotto (Bagnara e Scilla), e uno nel VI (Campo Calabro). In caso di azioni intimidatorie i militari non sono tuttavia tenuti a intervenire direttamente ma dovranno segnalare i fatti alle forze dell’ordine.
“Se questo Paese è costretto a chiamare l’esercito per completare i lavori di un’opera c’è da essere veramente preoccupati” si rammarica il segretario nazionale della Filt Cgil, Michele Azzola. Secondo il sindacalista “non è con l’esercito che vanno ricercate soluzioni alle manifestazioni di illegalità che si sono presentate nel corso di questi lunghissimi anni e che hanno di fatto impedito il completamento di un’opera che è il presupposto dello sviluppo del Mezzogiorno. Ci piacerebbe chiedere al Governo - prosegue Azzola - quale sia il giudizio sulla Legge Obiettivo fortemente voluta dalla stessa compagine governativa che ha dimostrato il proprio fallimento e di non essere in grado di soddisfare quelle esigenze di sviluppo”.
Sempre dalla Filt Cgil rincara la dose Franco Nasso, che consiglia al ministro Tremonti – in Calabria per un blitz sui trasporti – di “fare il viaggio di ritorno sull’autostrada Salerno Reggio Calabria” e magari di approfittare per “un giretto in Sicilia e nelle altre Regioni non trattate da questo viaggio-spettacolo”. Tanto più che, rileva Nasso, proprio Tremonti ha tagliato al tpl un terzo delle risorse spettanti, menomando la capacità delle aziende di rinnovare il parco mezzi su gomma e su ferro. E provocando, inoltre, il taglio di tratte e servizi e l’aumento delle tariffe. “I danni che il ministro ed il Governo hanno provocato - sostiene Nasso - richiedono una profonda inversione di rotta, attraverso il ripristino delle risorse tagliate, la valorizzazione della mobilità sostenibile e un piano di investimenti che può trovare concretizzazione se si pensa ad interventi nel sud, sulle ferrovie e sulle strade, invece che all’inutile e costoso Ponte sullo stretto”.
Vincenzo Foti
© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Infrastrutture

Altri articoli della stessa categoria

Veneto: 15 milioni di euro per viabilità e sicurezza stradale

mercoledì 24 giugno 2020 14:24:27
Ammonta a 15 milioni di euro il programma di investimenti per la mobilità, la sicurezza stradale e l’adeguamento della rete viaria, approvato...

Infrastrutture, Marche: accordo con Anas per ammodernare tratto della statale 433

lunedì 22 giugno 2020 13:59:51
Firmata la convenzione tra la Regione Marche e Anas (Struttura territoriale Marche) per ammodernare un tratto fermano della Strada Statale 433 “Val...

Anas, bando da 280 mln di euro per la nuova barriera spartitraffico centrale in calcestruzzo

lunedì 22 giugno 2020 14:01:59
Anas (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il bando relativo a un accordo quadro quadriennale, del valore complessivo di 280 milioni...

Stati Generali Economia, Legambiente: tre proposte al Governo per semplificazioni, infrastrutture, mobilità

lunedì 22 giugno 2020 15:06:29
Prevedere interventi normativi che puntino alle semplificazioni per combattere la burocrazia o i “tappi” che bloccano gli investimenti green, dare...

Anas: via alla progettazione per il miglioramento del tracciato della SS3 “Flaminia” tra Spoleto e Terni

giovedì 18 giugno 2020 16:19:14
Anas ha affidato le attività di progettazione dei lavori di miglioramento del tracciato della strada statale 3 “Via Flaminia” tra Spoleto e...