Veicoli rimorchiati: mercato in calo costante, primo semestre 2019 chiude a -5,4%

venerdì 19 luglio 2019 12:03:07

Nel primo semestre del 2019 calo del 5,4% per il mercato dei Rimorchi e Semirimorchi con massa totale a terra superiore a 3,5 t rispetto allo stesso periodo del 2018 (8.581 unità immatricolate contro 9.073), con giugno a -3,5% rispetto allo stesso mese del 2018. Lo comunica il Centro Studi e Statistiche di UNRAE, sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

"Il calo costante del mercato avviene in presenza di una situazione oggettiva di obsolescenza del parco che è tra le più pesanti d’Europa, e lascia intendere come tale condizione non si sta avviando verso alcun miglioramento -scrive Unrae -. Non potendo contare su un sistema strutturale di sostegno al rinnovo del circolante, e con ritardi e incertezze nella concessione degli incentivi esistenti - già insufficienti e non adeguatamente finalizzati - il quadro è destinato a deteriorarsi, con conseguenze soprattutto in termini di sicurezza del trasporto e della circolazione sulle strade nazionali"

"UNRAE sta chiedendo da tempo una revisione della disciplina del settore che sia indirizzata verso un percorso di crescente sostenibilità economica ed ambientale e dia ai committenti le necessarie garanzie di qualità e affidabilità complessiva del trasporto, impedendo che il mercato dei veicoli rimorchiati si rivolga verso l’usato estero senza controllo".

"UNRAE sta anche chiedendo all’Amministrazione dei trasporti un’attenzione particolare a quei settori del trasporto specifico, in particolare quello del trasporto in regime di temperatura controllata, il cui mercato si trova oggi in difficoltà per l’applicazione di procedure complesse relative alla omologazione e immatricolazione dei veicoli dedicati. Stiamo lavorando con gli uffici competenti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per la ricerca delle migliori possibili soluzioni, attraverso proposte per un aggiornamento delle procedure che possa superare le oggettive difficoltà del presente. Siamo convinti che alcune norme contenute nella riforma del Codice della Strada in Parlamento, nonché la concessione alle officine private della revisione periodica dei veicoli pesanti (tra i quali devono essere considerati anche quelli rimorchiati) possa liberare risorse della Pubblica Amministrazione, ma si tratta di procedure lunghe, mentre le criticità del settore sono attuali ed è necessario trovare subito una soluzione, per quanto provvisoria".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Industriali

Altri articoli della stessa categoria

Scania debutta a Samoter con uno stand di 800 mq

giovedì 20 febbraio 2020 12:52:29
Scania annuncia la sua partecipazione a Samoter, in programma a Verona dal 21 al 25 marzo. La presenza al salone internazionale delle macchine movimento...

Mercato autocarri e trainati ancora in calo a gennaio 2020. Bus in recupero (+17%)

giovedì 20 febbraio 2020 15:49:50
A gennaio 2020, sono stati rilasciati 2.088 libretti di circolazione di nuovi autocarri (-9,3% rispetto a gennaio 2019) e 1.160 libretti di circolazione di...

Mercato dei veicoli industriali, Unrae: continua il trend negativo, a gennaio -3,2%

venerdì 14 febbraio 2020 11:17:52
Il mercato dei veicoli industriali continua ad avere un trend negativo. Nel mese di gennaio 2020 immatricolati 2.123 veicoli industriali con massa totale a...

Scania, maggiore sicurezza sui mezzi con il nuovo sistema di rilevamento laterale

giovedì 13 febbraio 2020 11:06:17
Il trasporto a bordo dei mezzi Scania si fa sempre più sicuro grazie al nuovo sistema di rilevamento laterale (ADAS) che aiuta a evitare o mitigare la...

F-Max di Ford Trucks: a marzo le prime consegne in Italia

giovedì 6 febbraio 2020 16:04:01
“Dal lancio in Italia a dicembre del F-Max, il pesante di casa Ford, l’attività si è ora concentrata su quello che ci sta più...