Teramo: 4,6 milioni di fondi UE per lo sviluppo urbano sostenibile

martedì 9 luglio 2019 13:04:41

Contributi UE per 4,6 milioni di euro in arrivo a Teramo per lo sviluppo urbano sostenibile della città.

Il Comune di Teramo, infatti, è stato formalmente designato Organismo Intermedio al quale l’Autorità di Gestione Unica del POR FESR-FSE Abruzzo ha delegato le funzioni di selezione e attuazione degli interventi della propria Strategia Urbana di Sviluppo Sostenibile.

La Strategia, tracciata dal sindaco di Teramo Gianguido D’Alberto e dall’assessore Stefania Di Padova, è finanziata dal POR FESR Abruzzo 2014-2020 con 4.600.000,00 euro, ai quali si aggiungono 1.760.000,00 di risorse comunali.

Con queste risorse il Comune di Teramo installerà una rete di sensori per il monitoraggio della qualità dell’aria; migliorerà i servizi di trasporto pubblico, con la realizzazione di “fermate intelligenti” e l’acquisto di nuovi autobus a basse emissioni; favorirà la mobilità alternativa ,realizzando nuove piste ciclabili e stazioni con punti di ricarica e per le biciclette e le auto elettriche; avvierà un opera di riqualificazione funzionale del Teatro romano e di valorizzazione della relativa area archeologica.

Attività, queste, che si pongono in linea con gli obiettivi strategici posti dall’Unione Europea e con quelli ascrivibili al Piano Urbano per la Mobilità Sostenibile (PUMS) promossi dal Comune di Teramo e dalle altre città capoluogo abruzzesi.

La sottoscrizione della convenzione con il Comune di Teramo chiude una complessa fase di confronto e di raccordo interistituzionale fra le quattro città capoluogo abruzzesi e il Dipartimento della Presidenza e Rapporti con L’Europa, che ha preso avvio nel 2017.

“È con grande soddisfazione che sottoscrivo la convenzione per la delega delle funzioni di Organismo Intermedio al Comune di Teramo” -  ha dichiarato di Autorità di Gestione Unica POR FESR-FSE, Emanuela Grimaldi - “Con questo atto aggiungiamo un altro importante tassello al complesso mosaico dello Sviluppo Urbano Sostenibile delle quattro città capoluogo. Completiamo così una lunga e difficile prima fase di elaborazione strategica, procedurale e amministrativa che, solo grazie al quotidiano impegno di tutto il personale del Servizio al quale fa capo l’attuazione del POR FESR, ha consentito alla Regione Abruzzo di rispettare, al 31 dicembre 2018, i target fissati per l’Asse VII entro il quale si collocano le Strategie di Sviluppo Urbano Sostenibile. È necessario, in ogni caso che i Comuni continuino a lavorare intensamente, in raccordo con la Regione. Dovranno produrre rendicontazioni tempestive e imprimere velocità all'azione amministrativa”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Roma, Fase2 mobilità: altri 1.000 monopattini elettrici

lunedì 1 giugno 2020 12:25:24
Aumenta la flotta di monopattini elettrici a Roma. A pochi giorni dalla presentazione del nuovo servizio operato da Helbiz, arrivano altri 1.000 microveicoli...

Trasporto pubblico: dal 4 giugno Simet Bus ritorna su strada in sicurezza

lunedì 1 giugno 2020 13:21:07
Simet Bus torna su strada in sicurezza dal 4 giugno prossimo e investe nella formazione del personale.   L’azienda calabrese dei trasporti a lunga...

Verona, Fase2 mobilità: ampliate le Zone 30 per incentivare spostamenti a piedi e in bicicletta

venerdì 29 maggio 2020 12:19:42
Gli incentivi previsti con il Decreto rilancio per l’acquisto di biciclette hanno l’obiettivo di aumentare la diffusione delle due ruote tra i...

Bologna: orario estivo dei bus Tper dal 1° giugno. Intensificate le corse nelle ore di punta

venerdì 29 maggio 2020 15:17:46
Dal 1° giugno entra in vigore l'orario estivo dei bus nell'intero bacino di Bologna. Saranno intensificate le frequenze delle corse sulle principali linee...

Confcooperative Lavoro chiede un piano di rilancio per il trasporto pubblico e turistico

venerdì 29 maggio 2020 22:23:16
“Serve un piano nazionale di rilancio, che garantisca i livelli occupazionali ed eviti un pericoloso ritorno a modalità non sostenibili”. Lo...