S.O.S camionisti, lunga carenza dalla metà degli anni 2000

CONDIVIDI

giovedì 16 settembre 2021

Persiste la carenza globale di conducenti di camion, con prevedibili conseguenze gravi per l’economia. Gli analisti affermano che il problema ha origini lontane, precisamente sin dalla metà degli anni 2000.

Da consumatori, diventa sempre più facile accorgersi che nei negozi mancano le merci, ma da un punto di vista logistico ed industriale, manca l’accesso alle forniture e diventa sempre più difficile raggiungere i porti per le esportazioni. Passaggi questi, ulteriormente frenati dallo stallo imposto dalla recente emergenza sanitaria.

L'aumento della domanda di merci durante la pandemia infatti ha aumentato i volumi da trasportare e la crescita accelerata nel settore dell'e-commerce ha accentuato le pressioni.

Le testimonianze dal settore

André LeBlanc, vicepresidente delle operazioni di Petroleum Marketing Group, un distributore di carburante con sede negli Stati Uniti, ha affermato che le stazioni di servizio fornite hanno esaurito alcuni prodotti circa 1.200 volte da metà giugno a causa della carenza di conducenti.

Bob Costello, capo economista dell'American Trucking Associations, ha affermato che il numero di conducenti di merci negli Stati Uniti è sceso a 430mila, in netto in calo rispetto alle 465mila persone registrate all'inizio del 2020.

Keith Newton, segretario generale del Chartered Institute of Logistics and Transport International, ha affermato che i membri in Australia e in Asia centrale hanno segnalato una carenza di conducenti di veicoli pesanti del 20%.
"Il commercio globale sta diventando sempre più complesso, i consumatori vogliono consegne più rapide e non ci sono abbastanza autisti di mezzi pesanti qualificati per gestire questa domanda in tutto il mondo"- ha affermato Newton.

Girteka, uno dei più grandi trasportatori d'Europa, prevede di assumere 7000 nuovi autisti quest'anno e sostiene che sono necessari più dipendenti, in grado di consentire ai conducenti di camion la possibilità di trascorrere più tempo a casa.

Ulteriori fattori di stallo

Altro fattore importante che contribuisce alla carenza di autotrasportatori sembra essere la forza lavoro, che è ormai invecchiata (con un’età media stimata intorno ai 55 anni).

Sempre più posti di lavoro inoltre sono ormai diventati home based o computer based. Alcuni paesi poi, come nella fattispecie il Regno Unito, con una una carenza stimata di 100.000 conducenti, sono stati ulteriormente limitati anche da riforme della legislazione fiscale, che hanno ridotto drasticamente i redditi.

Nel Regno Unito, il settore logistico non si arrende e spinge per una soluzione temporanea per i conducenti dei paesi dell'UE che ricevono visti temporanei. Tuttavia, ci sono difficoltà pratiche poiché laddove fosse possibile reclutare conducenti dall'Unione Europea, la carenza persiste anche all’interno della stessa.

Tag: trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Green Pass autotrasporto: Conftrasporto, estenderlo agli autisti esteri che entrano in Italia

Oltre una settimana fa era arrivata una circolare dal MIMS e dal ministero della Salute (ne avevamo parlato qui), che esenta gli autotrasportatori provenienti dall’estero dall’obbligo del...

Green pass, porto di Genova: protesta ai varchi per chiedere tamponi gratutiti

Continuano le proteste collegate alle nuove misure che impongono l'obbligo di Green pass per l'accesso ai luoghi di lavoro. Stamattina, al porto di Genova è stato messo in atto uno sciopero...

Nel 2021 crescita record per Turkish Cargo: intervista esclusiva con Turhan Özen, chief cargo officer

Nonostante la grave crisi sanitaria ed economica che ha attanagliato il mondo intero, Turkish Cargo - brand della compagnia di bandiera nazionale Turkish Airlines - ha continuato a operare senza...

Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, camionisti esentati

In arrivo Green pass sui luoghi di lavoro anche in Austria, ma probabilmente i camionisti non saranno sottoposti alla misura. Mentre tornano a salire i contagi di covid-19, le autorità...

Porto di Trieste: traffico ferroviario in ripresa, 20 treni manovrati rispetto ai 5 del giorno precedente

In aumento l’operatività del porto di Trieste. Termometro della ripresa, il traffico ferroviario gestito da Adriafer che ieri ha operato a regime con 2 squadre e 20 treni manovrati...

Divieti Brennero, ANITA, FAI e FEDIT: nessun provvedimento dall'Ue, attivato team legale

La questione divieti al Brennero torna al centro dell'attenzione delle associazioni dell'autotrasporto italiano. ANITA, FAI e FEDIT hanno deciso di intraprendere un’azione di messa in mora...

ASTRE Italia: una rete in evoluzione che crea valore per le imprese dell’autotrasporto

Etica, professionalità, innovazione. Sono questi i valori alla base di ASTRE, la rete europea di piccole e medie imprese nata per creare valore nei settori trasporti e logistica. Tali valori...

Ecco cosa offre Amazon Relay ai trasportatori in cerca di opportunità

Una cosa è certa: negli ultimi anni Amazon è cresciuta e oggi, a maggior ragione dopo aver gestito in modo impegnativo l’emergenza sanitaria, è pronta ad effettuare...