Genova: 2 e 3 novembre confermato lo sciopero Tir

martedì 24 ottobre 2017 18:35:12

Lo sciopero dell'autotrasporto a Genova è ufficiale: giovedi 2 e venerdi 3 novembre i mezzi si fermeranno nel porto del capoluogo ligure. Lo hanno confermato le associazioni Cna-Fita, Confartigianato Trasporti, Fai-Conftrasporto e Trasportounito che hanno deciso il fermo dei servizi dei trasporti su gomma nello scalo per protesta contro i tempi di attesa e le code “insostenibili”. "Così non è possibile lavorare – hanno denunciato i rappresentanti di categoria - l'esasperazione è troppo forte e la sensazione di non avere alcuna forma di attenzione da parte della comunità portuale è inaccettabile".

C’è un lungo elenco di problematicità messe in evidenza: insostenibili tempi di attesa al carico, lunghe code nei pre-gate terminalistici, blocchi d'area estemporanei, fermi camion tassativi per cambi turno. Secondo le associazioni, "vi sono limiti operativi che, in molte aree del porto di Genova, e nei terminal di cornice, stanno causando danni e rallentamenti alle imprese di autotrasporto che non riescono a programmare viaggi e consegne, con gravissime perdite di produttività e la diffusione irresponsabile di irregolarità sui tempi di guida e di riposo e della sicurezza stradale".

La decisione di fermare per due giorni l'attività nel porto di Genova, arriva quindi dopo una serie di mancate risposte agli operatori e alle associazioni di categoria. Le difficili condizioni di lavoro degli autotrasportatori presso il porto di Genova si trascinano ormai da decenni. E relativamente allo sciopero confermato del 2 e del 3 novembre prossimo, si prevedono già forti disagi che si ripercuoteranno sul traffico.

All’annuncio dello sciopero, le associazioni di categoria associano un appello all'Autorità Portuale "affinché intervenga per risolvere le problematiche che affliggono la categoria. I problemi – hanno concluso - non si risolvono da soli e l’impegno ad eliminare le attese, i blocchi ed il congestionamento di camion deve essere condiviso responsabilmente da tutti gli operatori della port community, perché l’attività degli autotrasportatori è fondamentale per lo sviluppo dei traffici e dell’economia del nostro Porto e non è più ammissibile che le nostre aziende siano costrette ad operare in questo modo, nel più importante scalo italiano, cresciuto e affermatosi in virtù della sua efficienza operativa".


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Camion: 2018 positivo per autocarri (+5,1%) e autobus (+36,7%), flessione per i trainati

venerdì 18 gennaio 2019 16:43:14
A dicembre 2018, sono stati rilasciati 2.263 libretti di circolazione di nuovi autocarri (-18,1% rispetto a dicembre 2017) e 1.288 libretti di circolazione di...

Camion, obiettivi Ue CO2: mancano i punti di ricarica per i veicoli ad alimentazione alternativa

giovedì 17 gennaio 2019 10:14:42
In Ue è grave la mancanza di infrastrutture di ricarica e rifornimento per veicoli elettrici e di altro tipo in tutta l'UE. Lo comunica l'Associazione...

Cartello camion: le associazioni avviano azione per ottenere il risarcimento

mercoledì 16 gennaio 2019 12:13:16
Un'azione risarcitoria collettiva per il recupero del sovrapprezzo imposto dal cartello dei produttori di autocarri, già sanzionati il 19 luglio 2016...

Camion, revisioni officine private: per Anfia, Federauto e Unrae direzione giusta

martedì 15 gennaio 2019 10:28:29
Secondo Anfia, Federauto e Unrae la Legge di Bilancio 2019, di recente approvazione, interviene positivamente sulla materia delle revisioni dei veicoli pesanti...

Lahutte lascia Iveco

martedì 15 gennaio 2019 16:28:01
Pierre Lahutte si è dimesso dal ruolo di Brand President Iveco. Lo ha annunciato CNH Industrial con un comunicato."La Società ringrazia Pierre...