Camion, in crescita il mercato dei veicoli industriali: a febbraio +21,6%

mercoledì 7 marzo 2018 16:27:28

Febbraio 2018 segnala un incremento delle immatricolazioni di veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5t pari al 21,6% sul febbraio 2017 (con 1.980 unità immatricolate contro 1.628). La stima arriva dal Centro Studi e Statistiche di Unrae sulla base dei dati di immatricolazione forniti dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il  ha elaborato le stime relative all’andamento del mercato per il mese di febbraio 2018.

Il consolidato dei primi due mesi del 2018 denuncia un incremento del mercato, rispetto allo stesso periodo del 2017, pari a 22,4% (4.380 veicoli immatricolati contro 3.578). Nel solo comparto dei veicoli pesanti, con massa totale a terra uguale o superiore a 16t, si è registrato in febbraio un incremento ancora maggiore, pari al 28% sul febbraio del 2017 (con 1.650 unità immatricolate contro 1.289).

Per questo comparto, il consolidato dei primi due mesi del 2018 fa registrare un incremento del 29,1% sullo stesso periodo del 2017 (3.735 unità contro 2.893). “Il mercato sembra avere un andamento ancora positivo, che probabilmente sconta ordini
raccolti nello scorso anno - ha commentato Franco Fenoglio, Presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae l’Associazione delle Case Automobilistiche estere. In questo primo scorcio di anno il settore si avvale ancora dei finanziamenti agli investimenti stanziati nel 2017, ma comunque comincia a presentare qua e là segni di rallentamento nella raccolta di ordinativi. Questo, nonostante i buoni risultati, fa scaturire qualche preoccupazione per la seconda parte dell’anno. Ci auguriamo che le disposizioni per il riparto delle risorse destinate all’autotrasporto non consentano di diminuire la quota destinata lo scorso anno agli investimenti e che la suddivisione tra le tipologie di veicoli destinatari del finanziamento rimanga inalterata. Sottolineiamo che la mancata o ridotta concessione degli incentivi agli investimenti comporterebbe un grave rallentamento nel ricambio del parco circolante che, come noto, è tra i più vecchi d’Europa, mettendo in crisi il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità e aggravando le condizioni di sicurezza della circolazione”.


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Autotrasporto

Altri articoli della stessa categoria

Eliminato il Sistri, soddisfatte le associazioni. Conftrasporto chiede un rimborso per le aziende

giovedì 13 dicembre 2018 11:21:32
Addio al Sistri: il sistema di controllo telematico sulla tracciabilità dei rifiuti speciali, nato per seguire ogni rifiuto in tutte le fasi della...

Anfia, Federauto e Unrae incontrano Di Maio: nessuna ulteriore tassazione sulle auto

mercoledì 12 dicembre 2018 16:19:10
A seguito dell’incontro tenutosi al ministero dello Sviluppo Economico alla presenza del ministro Luigi Di Maio, le associazioni della filiera...

Camion: trasporti internazionali, prorogate le autorizzazioni bilaterali fino al 2020

mercoledì 12 dicembre 2018 16:34:06
Il ministero dei Trasporti ha reso noto che le autorizzazioni internazionali al trasporto di merci relative all’anno 2019 sono valide per tutti i paesi...

Pacchetto mobilità: Mit, con l'accordo in Ue più tutele per gli autotrasportatori

mercoledì 12 dicembre 2018 17:36:09
A seguito di una trattativa a livello europeo, l'Italia ha raggiunto un'intesa sul cosiddetto "Pacchetto mobilità" nel corso della due giorni del...

Trafori Monte Bianco e Frejus: nel 2019 aumento dei pedaggi e divieto per Euro 3

martedì 11 dicembre 2018 14:51:53
Nuove tariffe per l’utilizzo dei Trafori del Monte Bianco e del Frejus dal 1° gennaio 2019 e divieto di transito ai mezzi pesanti Euro 3 al Monte...