Trento: un progetto per l'uso del biometano per gli autobus cittadini

CONDIVIDI

lunedì 8 maggio 2017

E' stato illustrato un nuovo ciclo virtuoso per la mobilità sostenibile nella sede dello stabilimento di BioEnergia Trentino. "E' il primo progetto in Italia che anticipa e valorizza le normative europee sull'utilizzo delle fonti rinnovabili per i trasporti, attivando un sistema di economica circolare a tutto vantaggio dell'ambiente e del territorio" ha commentato l'assessore Mauro Gilmozzi presentando il progetto che ha forte capacità innovativa nel campo del recupero del rifiuto. Il sistema infatti parte dalla filiera della raccolta differenziata che in Trentino viaggia intorno all’80%. All'appuntamento erano presenti anche l'amministratore delegato di BioEnergia Trentino Andrea Ventura, la presidente della Trentino Trasporti Monica Baggia, la vicesindaco del Comune di Faedo Viviana Brugnara e dalla responsabile di settore della Fondazione Mach Silvia Silvestri.

Provincia autonoma di Trento, BioEnergia Trentino, Trentino Trasporti, Fondazione Mach e Comune di Faedo portano a compimento un sistema che permetterà di cedere il biometano al trasporto pubblico trentino, attraverso la rete nazionale gas della Snam. Dal rifiuto umido alla produzione di energia rinnovabile, non fossile, biometano, per l'alimentazione degli autobus cittadini, con enorme risparmio economico e in termini di emissioni nocive per l'ambiente

Attraverso la lavorazione del rifiuto umido BioEnergia Trentino produce un ammendante di qualità che viene utilizzato nell’intera Valle dell’Adige per la concimazione dei vigneti e dei meleti sostituendo i concimi chimici con un prodotto biologico. Inoltre con la fermentazione del rifiuto umido si produce il biogas, che altro non è che una miscela di metano e altri gas, che consente di produrre energia elettrica rinnovabile e calore.

Ad oggi BioEnergia tratta i 2/3 del rifiuto trentino, quasi 34.000 tonnellate all’anno e produce circa 8.500.000 di kwh elettrici.
La previsione, in seguito all'ampliamento dello stabilimento (già in via di conclusione), è di poter trattare il 100% del rifiuto umido trentino (in sinergia con l’impianto provinciale di Rovereto) e di supportare l’accordo sui rifiuti stipulato dalla Provincia autonoma di Trento e da quella di Bolzano. In particolare, come già noto, Bio Energia Trentino accoglierà una parte dell’umido di Bolzano a fronte del conferimento di una parte di rifiuto secco trentino all’inceneritore di Bolzano.

Attraverso questo incremento delle quantità trattate e la chiusura della filiera dell’umido trentino Bio Energia riesce a produrre energia elettrica rinnovabile e compost di qualità e, forte della sinergia attivata con tutti gli altri partner del progetto, avvia anche questa nuova e innovativa filiera industriale: la produzione del biometano per autotrazione in favore della flotta degli autobus cittadini che, a progetto ultimato, passeranno da 42 (già alimentati a metano) a 64 (alimentati a biometano).

Il biogas fermentato sarà infatti purificato e inserito nella rete di trasporto del metano che passa a 100 metri dall’impianto di Cadino in direzione nord. Il metanodotto Snam con pressione a 70 bar consentirà di gestire tutta la produzione attuale e futura portando il metano biologico fino all’autorimessa di Trentino Trasporti di Gardolo a solo 10 km dall’impianto di produzione.

Il biometano prodotto da BioEnergia Trentino sarà utilizzato dalla Trentino Trasporti per alimentare, appunto, i mezzi di trasporto a metano che funzioneranno con metano rinnovabile sostituendo quindi il metano fossile attualmente in uso.
A Trentino Trasporti sarà fornito da BioEnergia il 100% del fabbisogno per l'alimentazione della flotta degli autobus cittadini e il trasporto pubblico di fondovalle. Tutto ciò partendo dalla filiera della raccolta differenziata che intercetta l’umido lo trasforma in energia e lo purifica in biometano per alimentare la mobilità alternativa. Un progetto innovativo - fanno sapere - che vedrà il suo comletamento entro il 2018.

Nella foto da sinsitra: Monica Baggia, Mauro Gilmozzi, Andrea Ventura e Viviana Brugnara.

Tag: biometano, energie rinnovabili, mobilità sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Sostenibilità: Eridania, con Mercitalia Rail risparmiate oltre 400 tonnellate di CO2 nel 2021

Eridania, marchio della dolcificazione italiana, si affida al trasporto su ferro e con Mercitalia Rail (Gruppo Fs Italiane) ha tolto dalla strada in un anno 547 camion con un conseguente...

Trasporto passeggeri: Anav, il presidente designato Biscotti presenta le linee programmatiche 2022-2026

ll comparto del trasporto passeggeri, in via di ripresa dopo la crisi pandemica, traccia il percorso per il pieno recupero del settore in linea con le nuove esigenze di sostenibilità. Le...

Presentato il primo Piano della mobilità ciclistica per l'Alto Adige

“Vogliamo che la bicicletta diventi ancora di più il mezzo di trasporto della quotidianità e innalzare al 20% la quota del traffico ciclistico, perché andare in bicicletta...

Volvo Trucks apre la prima fabbrica di batterie in Belgio

Inaugurato il primo impianto per l'assemblaggio delle batterie di Volvo Trucks. Situato a Gent, in Belgio, lo stabilimento fornirà batterie pronte per l'installazione sui veicoli Volvo Trucks...

Metano: nel 2021 crescono i consumi rispetto al 2020 (+6,6%)

Nel 2021 l’erogato di metano per auto (CNG, BioCNG, GNL e BioGNL) ha ripreso a crescere, facendo segnare consumi attorno al miliardo di metri cubi, con un aumento del 6,6% rispetto al 202...

Mobilità sostenibile: dopo i monopattini Dott porta a Palermo anche 500 e-bike

Prosegue l'evoluzione della mobilità nelle nostre città verso forme sempre più sostenibili per l'ambiente e in grado di contribuire al traffico e alla congestione in particolare...

Daimler Truck acquista una partecipazione in Manz per sviluppare batterie innovative

Sviluppare una tecnologia innovativa per le batterie per autocarri e autobus. A questo scopo Daimler Truck acquisirà una partecipazione di circa il dieci per cento nella società di...

Scania: 110 autocarri elettrici per l’azienda Einride

Il più grande ordine di veicoli pesanti elettrici per Scania: l’azienda svedese di trasporto merci Einride potenzia la sua flotta con 110 autocarri elettrici Scania, in consegna a...