100 anni di Mazda, tra segni e simboli

CONDIVIDI

giovedì 17 dicembre 2020

Nel 2020 Mazda, la casa automobilistica giapponese che ha negli ultimi tempi conquistato anche il mercato italiano, ha compiuto i suoi primi 100 anni.

A un passo dalla scadenza di questo anniversario così importante, il brand ha deciso di diffondere alcune curiosità sulla sua storia e sulla sua simbologia, partendo dalla genesi dell’azienda per finire all’evoluzione del logo.

In un periodo storico in cui il termine resilienza appare una parola chiave, Mazda si pone come esempio calzante: quando, nell’agosto ’45, fu sganciata la bomba atomica su Hiroshima, devastando la città in cui sorgevano i suoi stabilimenti, l’impresa, che all’epoca era ancora una semplice fabbrica di sughero che si stava convertendo alla produzione di automezzi, dovette rimboccarsi le maniche. E, così, a soli 4 mesi dalla tragedia Mazda fece ripartire la produzione e guidò il Giappone verso la rinascita economica, costellando le sue strade di vetture su cui campeggiava l’inconfondibile logo.

A proposito del logo: dal 1936 la casa automobilistica ebbe un logo ispirato al simbolo della città di Hiroshima, l’emblema della città natale dell’azienda presenta tre linee bianche ondulate su sfondo verde che rappresentano i tre rami del delta del fiume Ota a Hiroshima. L’emblema Mazda raddrizzò progressivamente le linee e inserì una M piatta al centro di ciascuna di esse. Le tre M stavano per Mazda Motor Corporation, mentre le lunghe estensioni laterali rappresentavano le ali per l’agilità, la velocità e la capacità di raggiungere nuove vette.
Nel 1959 Mazda si preparava a presentare la sua prima autovettura e quindi approntò un logo adatto a una casa automobilistica: il simbolo diventò un semplice cerchio con al centro una M cromata e allungata ai lati in alto e in basso sino ad incontrare la circonferenza esterna.
Il desiderio di un logo sempre più identificativo tornò all’inizio degli anni ‘90 e nel 1991 Mazda introdusse una forma a diamante incastonata in un cerchio, che era stata concepita per richiamare figurativamente ali e sole in un cerchio di luce. Tuttavia, il logo è stato cambiato solo un anno dopo smussando i bordi del diamante per differenziarlo da quello similare di Renault, ed è questo il logo che diventerà familiare a molti clienti Mazda.
Nel 1997 sono stati poi aggiornati sia il marchio sia il simbolo, ed è salito alla ribalta il logo che conosciamo oggi: la foggia del paio di ali a forma di lettera M è stata concepita per rappresentare la spinta di Mazda nel perseguire miglioramenti e crescita continua con flessibilità di pensiero, creatività e resilienza.

Tag: mazda, automotive

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Caro carburanti: l'auto è ancora il mezzo preferito dagli italiani, ma cresce l'attenzione al risparmio

Gli italiani sono preoccupati per il bilancio familiare a causa del caro carburanti ma l’aumento ha impattato solo su una quota ridotta degli automobilisti nella scelta dell’alimentazione...

Turchia: le esportazioni di automobili toccano i 4,6 miliardi di dollari

In base a dati recenti  dell'Associazione degli Esportatori dell'Industria Automobilistica di Uludağ, le esportazioni di automobili della Turchia si sono avvicinate a 4,6 miliardi di dollari...

Abruzzo, Marsilio: il passaggio all’elettrico entro il 2035 rischia di travolgere la filiera automobilistica

Con la normativa europea sul clima, nel quadro del Green Deal europeo, l'Ue si è posta l'obiettivo vincolante di conseguire la neutralità climatica entro il 2050. Ciò...

Automotive, Giorgetti: ripensare modi e tempi della transizione ecologica

“A livello europeo si sta allargando il fronte dei paesi che chiedono un passaggio più graduale verso il green. Anche in altri Paesi, come la Germania, le forze politiche si stanno...

Automotive: MotorK verso l'acquisizione di WebMobil24

MotorK, azienda specializzata in soluzione SaaS-Software as a Service per il retail automotive, annuncia l’avanzamento di trattative esclusive per l'acquisizione di WebMobil24, provider tedesco...

Iveco Bus produrrà autobus di ultima generazione in Italia

Iveco Bus tornerà a produrre in Italia autobus di ultima generazione elettrici e a idrogeno. L'azienda punta ad avviare produzione e attività di ricerca che si avvarranno delle...

Turchia: la produzione automobilistica aumenta del 26%

Secondo i dati dell' Associazione dei Produttori Automobilistici (OSD), in Turchia sono stati quasi 104mila i veicoli prodotti dalle case automobilistiche locali a maggio, segnando così un...

Suzuki: nel 2021 aumenta il fatturato netto

Nell’esercizio 2021, il fatturato netto di Suzuki è aumentato mentre il risultato operativo è diminuito principalmente a causa dell'aumento dei prezzi delle materie prime. Lo ha...