Porti: i sindacati proclamano uno sciopero per il 17 dicembre

venerdì 26 novembre 2021

Il prossimo 17 dicembre è stato proclamato uno sciopero di 24 ore per le lavoratrici e i lavoratori dei porti. Lo annunciano i segretari generali di Filt-Cgil Stefano Malorgio, Fit-Cisl Salvatore Pellecchia e Uiltrasporti Claudio Tarlazzi.

Le ragioni dello sciopero

"Nonostante l'interlocuzione aperta con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile - spiegano - in merito alle nostre proposte, sui Porti il Governo sta andando in direzione decisamente opposta alle nostre richieste, non favorendo affatto il settore. Sui Porti, così come sul trasporto aereo e sul trasporto pubblico locale - sottolineano i tre segretari - si è appunto aperto un dialogo con il Mims, ma come se l'interlocuzione non fosse tuttora in corso, sono giunti interventi normativi che stanno andando nella direzione opposta a quella delle nostre richieste, a sostegno all'intera catena produttiva portuale".

Secondo le sigle il rischio è quello di indebolire il sistema portuale italiano, "accumulando nuovi ritardi e senza alcuna elaborazione di un piano strategico per un rilancio concreto della portualità del Paese. Questa prima azione di sciopero - concludono Malorgio, Pellecchia e Tarlazzi - è dunque la logica conseguenza di una tale miopia. Ci auguriamo un immediato ripensamento da parte del Governo o non potranno che seguire altre proteste".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata