Anfia: il mercato degli autocarri torna positivo a settembre. In crescita anche gli autobus

mercoledì 20 ottobre 2021

A settembre, il mercato degli autocarri torna a segnare un rialzo a doppia cifra dopo il risultato negativo registrato ad agosto, mentre i veicoli trainati proseguono il trend di ripresa dei mesi precedenti grazie ai buoni risultati del comparto dei semirimorchi; flessione a due cifre, invece, per i rimorchi.

In crescita autocarri e veicoli trainati

Analizzando nel dettaglio i dati elaborati da Anfia, a settembre 2021 sono stati 1.796 i libretti di circolazione di nuovi autocarri (+13,7% rispetto a settembre 2020) e 1.185 i libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (+43,3%), suddivisi in 95 rimorchi (-11,2%) e 1.090 semirimorchi (+51,4%). Nei primi nove mesi dell’anno sono 19.061 i libretti di circolazione di nuovi autocarri, il 32,6% in più rispetto allo stesso periodo del 2020, e 11.546 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (+44,3% rispetto a gennaio-settembre 2020), così ripartiti: 1.078 rimorchi (+37,5%) e 10.468 semirimorchi (+45%).

Per quanto riguarda le alimentazioni, nei primi 9 mesi dell’anno la quota di mercato dei veicoli a gas risulta del 6% (era del 5,2% a gennaio-settembre 2020), per un totale di 1.143 unità, mentre gli autocarri elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano appena lo 0,2% del totale (era 0,3% a gennaio-settembre 2020).

“L’evoluzione del quadro normativo ha impresso un’accelerazione alla transizione tecnologica che investe il comparto dei veicoli industriali, ma alla velocità del cambiamento e alla gamma di nuove tecnologie che la filiera industriale si è impegnata a offrire sul mercato fa da contraltare la necessità di velocizzare lo svecchiamento del parco circolante”, ha commentato Luca Sra, delegato Anfia per il trasporto merci, sottolineando che “a fine 2020, il 51% del parco autocarri e il 34% dei trattori stradali circolanti in Italia risulta ante-Euro 4. Per dare una spinta al mercato, che vede gradualmente crescere la penetrazione delle alimentazioni alternative, e in particolare la quota dei veicoli alimentati a gas naturale, giocano un ruolo chiave le misure a supporto dello sviluppo del biometano, in termini di disponibilità dello stesso, e degli investimenti delle aziende di autotrasporto”.

 

Continua la tendenza positiva del mercato autobus

Il mercato degli autobus con ptt superiore a 3.500 kg totalizza a settembre 375 nuove unità, con un incremento del 63% rispetto a settembre 2020. Nel nono mese del 2021, riportano un rialzo a tripla cifra gli autobus e midibus turistici (+271,4%) e gli scuolabus (+112,1%), mentre gli autobus adibiti al Tpl registrano una variazione positiva del 31,7% (risultante da una crescita del 31,7% sia per il segmento urbano che per il segmento interurbano). Crescono anche i minibus (+38,2%).

Nel periodo gennaio-settembre 2021, i libretti di autobus rilasciati sono 2.623 (+18,2%, rispetto a gennaio-settembre 2020). Ancora in lieve calo gli autobus e midibus turistici (-0,7%) e i minibus (-11,9%), mentre chiudono positivamente i primi nove mesi dell’anno gli autobus adibiti al Tpl (+19,8%; pur con una flessione dell’11,4% per gli interurbani) e gli scuolabus (+89,8%).

La quota di mercato degli autobus alimentati gas è del 5,9% nei primi nove mesi del 2021 (contro il 7,8% di gennaio-settembre 2020), mentre gli elettrici e ibridi gasolio/elettrico rappresentano il 9,2% (4% a gennaio-settembre 2020).

 

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata