Confetra alla Genoa Shipping Week: appuntamenti a partire dal 4 ottobre

giovedì 30 settembre 2021

Anche quest’anno Confetra parteciperà alla Genoa Shipping Week, l'evento biennale che riunisce operatori portuali, marittimi e logistici provenienti da tutto il mondo, in scena dal 4 al 10 ottobre.

Il programma di Confetra alla Genoa Shipping Week

Si inizierà lunedì 4 con l'intervento del Direttore Generale Ivano Russo al Seminario promosso da CISCO e dedicato alla sicurezza del trasporto merci. Russo interverrà anche il 6 pomeriggio, al Convegno promosso da Assiterminal, su La Riforma “tradita”, un bilancio sull’attuazione della Legge Delrio a cinque anni dal 
suo varo nel 2016. 

Il Presidente Nicolini prenderà invece parte alla Conferenza di apertura il 6 mattina, insieme ai Ministri Giovannini e Di Maio, per riflettere sulle prospettive della portualità e della logistica italiana nel contesto geoeconomico mediterraneo. 



Il 7 mattina, dagli Studi di Primo Canale, evento pubblico promosso da Confetra 
Liguria: il Sistema Confederale regionale discuterà con Francesco Benevolo, 
Vincenzo Macello, Paolo Emilio Signorini e Mario Sommariva di PNRR, Logistica 
e Liguria, concluderanno i lavori Lella Paita e Giacomo Giampedrone.

Shipping: lo stato dell'arte secondo Nicolini



“Siamo a Genova per rimarcare, anche attraverso questo evento tanto 
autorevole e ascoltato, che per la logistica occorre un cambio di passo. Dopo 
aver dedicato alle opere pubbliche ben quattro provvedimenti negli ultimi tre 
mesi - individuazione opere prioritarie, nomina Commissari, riforma Codice 
Appalti, Allegato Infrastrutture - è giunto il momento di aprire un vero e proprio 
“Tavolo Software”. Le imprese logistiche aspettano politiche industriali da anni: 
a partire dagli incentivi per gli investimenti digitali e per la transizione
energetica. C'è un altro tema enorme che riguarda i termini di resa nelle 
spedizioni internazionali, dove il Paese perde oltre 100 miliardi di fatturato l'anno 
perché logistica e manifattura ancora non riescono a trovare un terreno 
strategico e strutturato di incontro, sia in import che in export. E poi mancano 
20 mila autisti per l'autotrasporto, e ci sarebbe pure da fare un check serio sulle 
dimensioni medie del nostro tessuto produttivo per capire come agevolare 
processi di consolidamento e crescita delle dimensioni medie di impresa. 
Questi sono solo alcuni dei dossier, lato impresa, sui quali vorremmo un 
confronto serrato col Governo. 

Infine, tutto il tema amministrativo: SuDoCo, riforma del codice civile per le 
spedizioni internazionali, omogeneità delle procedure per i controlli, 
superamento del doppio controllo Dogane - Finanza sulle merci in transito, 
adozione della lettera di vettura elettronica, definizione delle verifiche 
radiometriche. 
Anche qui, solo per citarne alcune. Speriamo che non si continui a utilizzare il 
tema “opere pubbliche” come una grande arma di distrazione di massa, animata 
dalla antica e fallace speranza che più si accresce l'offerta di nuove 
infrastrutture, più arriverebbero nuovi traffici. Vanno completate le opere utili, 
grandi o piccole che siano, già tra l'altro ampiamente elencate in Connettere 
l'Italia e in Italia Veloce. Punto. 

Ora passiamo anche ad altro, almeno che non si punti a fare dell'Italia un grande 
nastro trasportatore di flussi che non generano ricchezza per le imprese e per il 
Paese”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata