Mobilità sostenibile: in Abruzzo avviato progetto per bus con miscele metano-idrogeno

venerdì 25 giugno 2021

Tua Abruzzo rinnova l'attenzione verso i temi legati all’ambiente e allo studio di soluzioni di trasporto innovative, ancor più in contesti urbani a forte criticità in tema di qualità dell’aria.

Il presidente della TUA, Gianfranco Giuliante, e il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi dell’Aquila, Edoardo Alesse hanno sottoscritto un accordo per un progetto di ricerca strategico che riguarda l’alimentazione degli autobus dell’azienda di trasporti della Regione Abruzzo con miscele metano-idrogeno.

Tale alimentazione dei motori tradizionali realizza infatti una riduzione delle interazioni dei motori a combustione con l’ambiente, particolarmente gravi soprattutto in ambito urbano. Inoltre la sperimentazione apre la strada ad un uso immediato dell’idrogeno nei motori a combustione, raccogliendo la sfida europea che assegna all’idrogeno un ruolo fondamentale nella decarbonizzazione dei vari settori industriali.

L’Istituto di Scienze e Tecnologie per l’Energia e la Mobilità Sostenibili partner strategico 

A questa importante fase di studio prenderà parte come partner strategico anche l’Istituto di Scienze e Tecnologie per l’Energia e la Mobilità Sostenibili del Consiglio Nazionale delle Ricerche CNR-STEMS di Napoli che ha, a sua volta, firmato un’apposita convenzione con TUA.

“Il progetto di ricerca raccoglie lo sforzo voluto da TUA su temi legati alla mobilità sostenibile e già manifestato attraverso la sostituzione degli autobus alimentati a gasolio con quelli alimentati a gas metano, con notevoli ripercussioni relative alla riduzione delle specie inquinanti primarie, come monossido di carbonio, ossidi di Azoto, idrocarburi incombusti e particolati fini, e alla decarbonizzazione del settore, con la riduzione delle emissioni di CO2: i primi particolarmente significativi per la qualità dell’aria in ambito urbano, il secondo per lo sforzo internazionale in tema di lotta al cambiamento climatico", ha spiegato Giuliante.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata