FlixBus, primo operatore a testare l’uso di pannelli solari sugli autobus per ridurre l’impatto ambientale

giovedì 6 febbraio 2020 14:32:34

FlixBus accelera sul trasporto green. Avviato un nuovo progetto pilota basato sull’installazione di pannelli solari sugli autobus per ridurre ulteriormente il proprio impatto sull’ambiente.

Il progetto è reso possibile dalla collaborazione tra FlixBus, l’operatore olandese Kupers Touringscars, responsabile dell’operatività della linea Dortmund-Londra, e TRAILAR, società britannica specializzata nella produzione di applicazioni volte a ridurre l’impatto ambientale dei veicoli commerciali, che ha creato i pannelli solari flessibili impiegati per il test.

“Con questo progetto intendiamo contribuire a rendere accessibili a un numero sempre maggiore di passeggeri nuove forme di mobilità innovative ed ecocompatibili. Sulla base dei risultati, valuteremo la possibilità di estendere il progetto a più autobus o addirittura a tutti i mezzi della nostra rete”, dichiara Jesper Vis, Managing Director di FlixBus BeNeLux.

Primo test positivo

Effettuato un test sulla linea internazionale Dortmund-Londra – che collega cinque Paesi, fermando ad Eindhoven (Paesi Bassi), Anversa e Bruges (Belgio) e Calais (Francia). Incoraggianti i risultati che dimostrano una riduzione del 7% di carburante grazie all’impiego dell’energia generata dai pannelli solari, con una conseguente diminuzione delle emissioni di CO2.

In fase di test, è stato registrato un risparmio medio di 1,7 litri di carburante ogni 100 km. Se si considera la lunghezza della linea Dortmund-Londra (600 km percorsi quotidianamente), si può calcolare una riduzione nel consumo di carburante di circa 10 litri al giorno.

Grazie a un regolatore di carica interno all’autobus, i pannelli solari installati sul tetto comunicano infatti con l’alternatore, che normalmente caricherebbe la batteria del veicolo utilizzando soltanto carburante. Grazie alla tecnologia, questo processo può avvenire in larga parte grazie all’energia solare, portando all’alleggerimento dell’alternatore e a una riduzione del consumo di carburante.

L’energia solare generata dai pannelli contribuisce inoltre ad alimentare le funzionalità presenti a bordo dell’autobus, caratteristiche di tutta l’offerta FlixBus: porte USB, prese di corrente, aria condizionata e Wi-Fi. In questo modo, anche i passeggeri si avvalgono di energia rinnovabile per ricaricare i propri device e connettersi alla rete.

L’autobus dotato di pannelli solari opera attualmente la linea due volte a settimana, e aumenterà la frequenza a partire dal mese di aprile fino a effettuare corse giornaliere in alta stagione.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Città/Tpl

Altri articoli della stessa categoria

Verona, Fase2 mobilità: ampliate le Zone 30 per incentivare spostamenti a piedi e in bicicletta

venerdì 29 maggio 2020 12:19:42
Gli incentivi previsti con il Decreto rilancio per l’acquisto di biciclette hanno l’obiettivo di aumentare la diffusione delle due ruote tra i...

Bologna: orario estivo dei bus Tper dal 1° giugno. Intensificate le corse nelle ore di punta

venerdì 29 maggio 2020 15:17:46
Dal 1° giugno entra in vigore l'orario estivo dei bus nell'intero bacino di Bologna. Saranno intensificate le frequenze delle corse sulle principali linee...

Confcooperative Lavoro chiede un piano di rilancio per il trasporto pubblico e turistico

venerdì 29 maggio 2020 22:23:16
“Serve un piano nazionale di rilancio, che garantisca i livelli occupazionali ed eviti un pericoloso ritorno a modalità non sostenibili”. Lo...

Bari, Fase2 mobilità: presentato “Open Space”

giovedì 28 maggio 2020 10:38:53
Il lockdown degli ultimi mesi ha determinato una crisi generalizzata di carattere economico, culturale e sociale, che è prevedibile produca effetti...

Mobilitaria 2020: il lockdown ha ridotto traffico e inquinamento. Adesso la sfida è tornare a muoverci senza inquinare e congestionare le città

giovedì 28 maggio 2020 13:18:52
Presentato “MobilitAria 2020”, studio annuale di Kyoto Club e Istituto sull’Inquinamento Atmosferico del Consiglio Nazionale delle Ricerche...