Fca: al via gli studi per alimentare Fiat Panda a biogas fognario

CONDIVIDI

martedì 14 marzo 2017

Prende il via oggi un lungo test - che durerà alcuni mesi e 80 mila chilometri - per verificare l'efficacia su una Fiat Panda Natural Power del biogas prodotto dalle fognature per alimentare il motore. L'auto è stata consegnata al gruppo Cap, azienda che gestisce acquedotto, fognatura e depurazione nella Città Metropolitana di Milano, per valutare, con il contributo del Centro ricerche di Fca, quali effetti il biometano prodotto dal gruppo milanese avrà sul motore. Con questa sperimentazione sarà quindi possibile diversificare le fonti di provenienza del biometano. A consegnare le chiavi della Panda è stata Elisa Boscherini (responsabile di Institutional Relations di Fca per l'area Emea), che ha affidato la vettura ad Alessandro Russo (presidente di Gruppo Cap).

La Panda Natural Power è dotata del motore bicilindrico TwinAir di 0.9 cm3 in grado di erogare 80 cv quando alimentata a gas naturale. Commercializzata dalla fine del 2006, dall'anno successivo è stata la vettura a gas naturale più venduta in Europa e alcune settimane fa ha superato l'importante traguardo dei 300 mila esemplari prodotti. La vettura sarà alimentata con il biometano prodotto dai reflui fognari trattati nell'impianto di Niguarda-Bresso, dove il Gruppo Cap sta trasformando i suoi depuratori in bio-raffinerie in grado di produrre ricchezza dalle acque di scarto. In base agli studi di Gruppo Cap - che punta in tempi brevi ad aprire nel Milanese il primo distributore di biometano a km zero - si stima che il solo depuratore di Bresso potrebbe arrivare a produrre quasi 342 mila chilogrammi di biometano, sufficienti ad alimentare 416 veicoli per 20 mila chilometri all'anno: oltre 8 milioni 300 mila chilometri, equivalenti a oltre duecento volte la circonferenza della Terra.

Il lungo percorso di prova della Panda sarà accompagnato dall'hashtag #BioMetaNow, che guiderà l'intera sperimentazione sui social, per raccontare le tappe del progetto e i suoi sviluppi. Il biometano, gas dalle stesse caratteristiche del metano ma prodotto da fonti rinnovabili o a zero impatto, rappresenta una valida soluzione per la mobilità del futuro, con il vantaggio di essere già pronto oggi, e consente risparmi sul rifornimento fino al 56 per cento rispetto alla benzina e fino al 30 per cento rispetto al gasolio. Ma a contare veramente è l'aspetto ecologico, oltre a quello economico.

Il metano è già il carburante più pulito oggi disponibile, concreta alternativa alla benzina e al gasolio grazie alle minime emissioni nocive: dal particolato, ridotto praticamente a zero, agli ossidi di azoto e agli idrocarburi più reattivi che causano la formazione di altri inquinanti. Tutte qualità che migliorano ulteriormente con il biometano, soprattutto nel calcolo "well to wheel", cioè dal pozzo alla ruota. Per esempio, una Fiat Panda alimentata a metano ha emissioni del 31 per cento inferiori a quelle del corrispettivo modello a benzina, valore che sale al 57 cento miscelando al gas naturale il 40 per cento di biometano. In pratica, una riduzione d'inquinanti pari a quella ottenuta da una vettura elettrica ricaricata con l'attuale mix energetico europeo. Se poi - come accadrà nella sperimentazione con il Gruppo Cap - la Fiat Panda sarà alimentata al 100 per cento con biometano estratto da reflui fognari, la riduzione di emissioni di CO2 può raggiungere il 97 per cento: in sostanza quanto una vettura elettrica rifornita con "corrente" proveniente per intero da fonti rinnovabili, come l'eolico.

Tag: ecosostenibilità, biometano

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Volvo Trucks: un evento internazionale per accelerare la transizione elettrica

Un evento su scala mondiale per velocizzare il passaggio al trasporto elettrico. È quello organizzato da Volvo Trucks con l'obiettivo di dimostrare come attuare la transizione verso...

Iveco e Shell: accelerare la decarbonizzazione attraverso l'uso del biogas

Si è tenuto oggi il panel organizzato da Iveco e Shell incentrato sull’importanza del LNG e del bio-LNG nel processo di decarbonizzaizone del trasporto su strada. Alla tavola rotonda...

Rinnovabili: gara di privatizzazione per la centrale idroelettrica turca ÇAL  

Una nuova opportunità di privatizzazione nel settore delle energie rinnovabili ed in particolare nel settore idroelettrico, è stata annunciata con un bando dell’undici settembre...

Mobilità elettrica: in Ue pochi punti di ricarica

Lungo le reti stradali nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue scarseggiano punti di ricarica elettrica. Lo dicono i nuovi dati dell'Associazione europea dei produttori di automobili (Acea). I...

Gas naturale e biometano: un nuovo accordo per la promozione della mobilità sostenibile

Fare leva sul gas naturale e sul biometano per promuovere una mobilità a basse emissioni nel trasporto merci e in particolare nella logistica dell’ultimo miglio. È questo...

Slitta il Bluexperience: il salone della mobilità sostenibile si terrà a Napoli nel 2022

Il Bluexperience, il salone della mobilità sostenibile in programma alla Mostra d’Oltremare a Napoli (ne avevamo parlato qui), non debutterà quest’anno. Nonostante le...

Sostenibilità: 350 milioni per l'acquisto di veicoli più sostenibili. Al via le prenotazioni

Da oggi, 2 agosto, è possibile prenotare sulla piattaforma del ministero dello Sviluppo economico ecobonus.mise.gov.it i bonus per l'acquisto di nuovi veicoli. La conversione in legge del...

Transizione ecologica: che ne sarà dei carburanti tradizionali?

Cosa ne sarà dei carburanti tradizionali nei prossimi decenni? Cosa accadrà ai combustibili cui siamo abituati nel caso di entrata in vigore del pacchetto di proposte della Commissione...