Sezione: Aeroporti

ACI Europe: dall’inizio della pandemia scomparse 6.000 rotte aeree in Europa

CONDIVIDI

martedì 29 dicembre 2020

L’ultimo rapporto sulla connettività dell’industria aeroportuale pubblicato da ACI Europe rivela il collasso sistemico della rete e della connettività aerea a causa della crisi Covid-19.
Pubblicati ogni anno dal 2014, questi rapporti non misurano i volumi di passeggeri, ma la misura in cui gli aeroporti europei e le loro comunità sono collegati e accessibili dal resto del nostro continente e dal mondo, utilizzando una serie di indici di connettività diretta, indiretta e hub.
In particolare il rapporto 2020 evidenzia la dura realtà di oltre 6.000 rotte aeree precedentemente gestite dagli aeroporti europei che non sono ancora state ripristinate 9 mesi dopo l'inizio della crisi Covid-19.
Gli aeroporti dell’UE/Regno Unito sono stati i più colpiti, con la loro connettività diretta quasi scomparsa ad aprile, per poi registrare una debole ripresa durante il picco estivo del mese di agosto a -55% prima di scendere di nuovo a settembre (-62%).
Tra i più grandi aeroporti dell’UE/Regno Unito, a registrare una maggiore riduzione della connettività diretta sono stati Madrid-Barajas (-71%), Roma-Fiumicino (-70%), Monaco (-68%), Londra-Heathrow (-68%) e Francoforte (-67%). Nel frattempo, gli aeroporti regionali più piccoli hanno spesso visto la loro connettività diretta ancora più decimata, come dimostrano Linz (-96%), Treviso (-95%), Vaasa (-91%), Quimper (-87%), Newquay (-86%), Shannon (-83%) e Burgas (-82%).
Al contrario, la connettività diretta negli aeroporti russi e turchi si è dimostrata più resiliente, sia per le dimensioni che per la relativa dinamica del loro mercato interno. Ciò ha comportato perdite di connettività diretta più contenute per Mosca-Domodedovo (-12%), San Pietroburgo (-26%), Mosca-Vnukovo (-28%) e Istanbul-Sabiha Gökçen (-33%).
La connettività hub è stata ancora più colpita della connettività diretta, con i 6 Majors che hanno recuperato solo il 16% della loro connettività hub entro settembre. Monaco (-93%) e Londra-Heathrow (-92%) hanno registrato le perdite maggiori in termini di connettività hub, seguiti da Francoforte (-89%), Istanbul (-85%), Parigi-CDG (-81%) e Amsterdam-Schiphol (-70%).
Questa, afferma ACI Europe in un chiaro messaggio rivolto ai governi nazionali, è l'entità del danno collegato direttamente alle misure adottate per contenere il virus - l'approccio della "quarantena globale" ancora in atto in molti Paesi.
“Il danno è così sistemico che fare affidamento esclusivamente sulle forze di mercato per ripristinare la connettività aerea non sarebbe realistico. L'UE e i governi di tutta Europa devono intervenire con urgenza per contribuire a farla ripartire – ha commentato Olivier Jankovec, direttore generale di ACI Europe –. Abbiamo bisogno di un quadro di ripristino per l'aviazione che includa "Schemi di riavvio della connettività aerea" simili a quelli visti a Cipro, con contributi finanziari temporanei volti a sostenere il riavvio delle rotte aeree su base non discriminatoria. La connettività aerea è una parte essenziale della capacità produttiva delle nostre società, con un aumento del 10% della connettività aerea diretta che genera un aumento dello 0,5% del Pil pro capite. È ciò che tiene unita l'Europa, consentendo lo sviluppo economico locale, gli investimenti interni e il turismo. Non ci sarà ricostruzione e completa ripresa senza ripristinare la connettività aerea".

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Obbligo di tampone negativo per ingresso negli Usa: Delta aiuta i passeggeri a localizzare centri dove effettuare i test

A partire da martedì 26 gennaio tutti i passeggeri di età superiore ai due anni che arrivano negli Stati Uniti da una destinazione internazionale devono poter esibire un test Covid...

Ernst & Young: come il Covid-19 ha cambiato la mobilità italiana

Il Covid-19 ha indubbiamente cambiato la mobilità. Lo ha confermato recentemente anche Ernst & Young, il network mondiale di servizi di consulenza, nel suo terzo White Book, il rapporto...

Calcio e motori: i giocatori del FC Barcellona alla scoperta di Cupra

A Barcellona calcio e motori vanno a braccetto. 
Una dimostrazione arriva dalla giornata organizzata da Cupra nel centro di formazione del FC Barcellona che, coinvolgendo ben 19 giocatori della...

Trasporto pubblico locale: Consip annuncia un bando per la fornitura di 1000 autobus urbani

Nuova gara per la fornitura di 1000 autobus urbani di diverse dimensioni – corti, medi, lunghi – e alimentazione – diesel, metano, mild-hybrid, full-hybrid e full-electric –...

Il mercato veicoli industriali e autobus chiude in negativo il 2020

Il mercato degli autocarri e dei rimorchi e semirimorchi ha risentito in maniera pesante degli effetti dell’emergenza Covid. Nel 2020, le misure di contenimento della pandemia hanno generato un...

Veicoli Commerciali: 2020 anno record per Ford in Italia con uno share del 15,4%

Nonostante la pandemia, l'anno 2020 è stato per Ford un anno record nel mercato europeo. L’Ovale Blu ha registrato la quota di mercato record del 14,6% per il settore commerciali, in...

Ue, presentata la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN

Il Commissario europeo ai Trasporti, Adina Valean, ha presentato la strategia per la mobilità sostenibile e intelligente alla commissione TRAN del Parlamento europeo. Confartigianato Trasporti...

DAF: al via la produzione del nuovo LF Electric, ideale per la città

DAF implementa la sua gamma di veicoli industriali elettrificati con il nuovo LF Electric, il veicolo pensato per la distribuzione urbana a zero emissioni. Il nuovo elettrico della casa di Eindhove...