Iata: ad aprile cargo aereo in crescita rispetto ai valori pre-pandemia

CONDIVIDI

giovedì 10 giugno 2021

I dati dell’Associazione internazionale del trasporto aereo mostrano che la domanda di merci aviotrasportate per il mese di aprile 2021 ha continuato a sovraperformare i livelli pre-Covid (aprile 2019) con un aumento del 12%.
Poiché il confronto con i risultati mensili del 2020 risulterebbe distorto dall'impatto straordinario della pandemia, viene preso come punto di riferimento aprile 2019, che ha seguito un normale modello di domanda.

La domanda globale, misurata in tonnellate-chilometro cargo (Ctk), è aumentata del 12% rispetto ad aprile 2019 e del 7,8% rispetto a marzo 2021. La domanda destagionalizzata è ora superiore del 5% rispetto al picco di agosto 2018 pre-crisi.
Questo risultato così forte è stato guidato dai vettori nordamericani che hanno contribuito con 7,5 punti percentuali al tasso di crescita del mese. Crescita sostenuta dalle compagnie aeree di tutte le altre regioni, ad eccezione dell'America Latina.
La capacità rimane del 9,7% al di sotto dei livelli pre Covid-19 (aprile 2019) a causa della messa a terra in corso degli aerei passeggeri. Le compagnie continuano a utilizzare cargo dedicati per colmare la mancanza di capacità disponibile. La capacità internazionale dei cargo dedicati è aumentata del 26,2% ad aprile 2021 rispetto allo stesso mese del 2019, mentre la capacità di carico in stiva è diminuita del 38,5%.

Le condizioni economiche e le dinamiche della catena di approvvigionamento – sottolinea Iata – rimangono favorevoli per le merci aviotrasportate:

Il commercio globale è aumentato del 4,2% a marzo.

La competitività nei confronti del trasporto marittimo è migliorata.

Le tariffe delle merci aviotrasportate si sono stabilizzate da quando hanno raggiunto un picco nell'aprile 2020, mentre le tariffe dei container sono rimaste relativamente elevate in confronto.

Nel frattempo, i tempi di consegna più lunghi dei fornitori a seguito dell'aumento dell'attività economica rendono la velocità delle merci aviotrasportate un vantaggio recuperando parte del tempo perso nel processo di produzione.

“Il trasporto aereo di merci continua a essere la buona notizia per il settore del trasporto aereo – ha dichiarato Willie Walsh, direttore generale della Iata –. La domanda è aumentata del 12% rispetto ai livelli pre-crisi ei rendimenti sono solidi. Alcune regioni stanno superando la tendenza globale, in particolare i vettori in Nord America, Medio Oriente e Africa. Tuttavia, le buone prestazioni del trasporto aereo di merci non sono universali. La ripresa per i vettori nella regione dell'America Latina, ad esempio, è in fase di stallo".

Le compagnie dell'Asia-Pacifico hanno visto i volumi cargo internazionali aumentare del 9,2% ad aprile di quest’anno rispetto allo stesso mese 2019. Si tratta di un significativo miglioramento delle prestazioni rispetto a marzo. La capacità internazionale è rimasta limitata nella regione, in calo del 18,7% rispetto ad aprile 2019. Come anche a marzo, le compagnie aeree della regione hanno registrato il più alto fattore di carico internazionale al 77,5%.

I vettori nordamericani hanno registrato un aumento del 25,6% delle merci aviotrasportate rispetto ad aprile 2019. Questa forte performance è frutto della forte spinta dei consumatori statunitensi per i prodotti fabbricati in Asia. Anche i vettori nordamericani sono stati in grado di aumentare la loro quota di mercato, in particolare sulle rotte tra il Nord e il Sud America, grazie alle grandi flotte merci di cui dispongono. La capacità internazionale è cresciuta del 5,5% rispetto ad aprile 2019.

I vettori europei hanno registrato un aumento della domanda dell'11,4% rispetto ad aprile 2019. Un miglioramento significativo rispetto a marzo, a cui hanno contribuito il miglioramento delle condizioni operative e il recupero degli ordini dall'estero. La capacità internazionale è diminuita del 17,5% rispetto ad aprile 2019, rimanendo invariata rispetto a marzo.

I vettori mediorientali hanno registrato un aumento del 15,3% dei volumi di merci internazionali rispetto ad aprile 2019. Ancora un significativo miglioramento rispetto a marzo. I volumi destagionalizzati rimangono su una robusta tendenza al rialzo. La capacità internazionale è diminuita del 17,5% rispetto ad aprile 2019.

I vettori dell'America Latina hanno registrato un calo del 32,7% dei volumi di merci internazionali rispetto ad aprile 2019. Si tratta della peggiore performance di tutte le regioni, con un calo delle prestazioni rispetto al mese precedente. I fattori di spinta della domanda di merci aviotrasportate in America Latina rimangono relativamente meno favorevoli rispetto alle altre regioni e le compagnie aeree hanno perso quote di mercato rispetto ad altri vettori a causa della ristrutturazione finanziaria. Nonostante ciò, i volumi su diverse rotte della regione (come Europa e Centro America, Nord e Sud America) hanno registrato buoni risultati. La capacità internazionale è diminuita del 52,5% rispetto ad aprile 2019.

La domanda di merci delle compagnie aeree africane ad aprile è aumentata del 30,6% rispetto allo stesso mese del 2019, il più forte di tutte le regioni e il quarto mese consecutivo di crescita pari o superiore al 25% rispetto al 2019. La forte espansione sulle rotte commerciali Asia-Africa ha contribuito alla forte crescita. La capacità internazionale di aprile è aumentata dello 0,6% rispetto ad aprile 2019.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Vueling presenta l’offerta per l’estate 2022: 5 nuove rotte dall’Italia

Vueling presenta la programmazione per la stagione estiva 2022 che prevede cinque nuove rotte mai operate prima in estate dall’Italia. Si tratta dei voli diretti che collegheranno Parigi Orly...

Pandemia e trasporti: Giovannini, traffici in ripresa. Erogati oltre 10mld nel biennio 2020-2021

Emergenza sanitaria e situazione trasporti: questo il tema al centro della recente audizione del ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Enrico Giovannini, presso...

MIMS: al via i lavori per l'elaborazione del Piano generale trasporti e logistica

Il MIMS ha dato il via alle attività per la redazione del Piano generale trasporti e logistica, alla luce del PNRR e dei nuovi fondi previsti dalla Legge di Bilancio. In vista dei lavori...

Porti del Mare Adriatico Meridionale: bilancio positivo nel 2021 per le merci movimentate. In ripresa anche le crociere

Bilancio più che positivo nel 2021 per i porti dell’Autorità del Mare Adriatico Meridionale (AdSPMAM) che chiudono il secondo anno di pandemia con un volume complessivo di...

L’Aeroporto d'Abruzzo diventa un set cinematografico

L’Aeroporto d’Abruzzo si trasforma in set cinematografico per due giorni. Oggi e domani il banco check-in, ma anche uno dei gate dello scalo si trasformeranno nell’aeroporto Jfk di...

Assologistica: caro energia penalizza imprese di un settore cruciale per il Paese

"L'aumento del costo dell'energia è estremamente penalizzante per le attività imprenditoriali nel nostro Paese. Le imprese produttive sono penalizzate, ma altrettanto se non di...

Porti del Tirreno Centro Settentrionale: dati di traffico 2021 positivi ma il 2022 sarà un altro anno difficile

“Apriamo l’anno con un sano ottimismo, unito alla piena consapevolezza delle questioni che restano sul tappeto, a partire da quelle occupazionali per arrivare a quelle di bilancio, e del...

Dal PNRR 630 milioni di euro per le Zone Economiche Speciali per rilanciare il Sud

Si è svolta  la prima riunione degli otto Commissari delle Zone Economiche Speciali (Zes) con il ministro per il Sud e la Coesione territoriale Mara Carfagna. Al centro dell'incontr...