Wizz Air: in crescita il network e gli investimenti sugli aeroporti pugliesi

CONDIVIDI

mercoledì 18 maggio 2022

Previsto l’avvio a breve di tre nuove destinazioni da Bari, Olbia, Skiathos e Creta (Chania), che si aggiungeranno a quelle già operative. Un risultato importante, costruito nel tempo e consolidato lo scorso anno con i due aerei basati a Bari che hanno rappresentato un investimento significativo per la rete aeroportuale e per il territorio, creando oltre 40 posti di lavoro diretti e oltre 500 posti di lavoro indiretti, a sostegno di settori strategici quali aeronautica, trasporti, ospitalità e turismo. 

I futuri programmi di sviluppo della compagnia WizzAir e le modalità con cui il vettore può contribuire alla ripresa del traffico aereo in Puglia sono stati al centro di un incontro nella sede della Presidenza della Regione Puglia, al quale hanno partecipato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile, l'assessore al Turismo della Regione Puglia, Gianfranco Lopane, il presidente di WizzAir, Robert Carey e il capo di Gabinetto della Regione Puglia, Claudio Stefanazzi.

“Wizzair è un partner commerciale di assoluto valore. Il difficile periodo della pandemia, che ci auguriamo sia ormai definitivamente alle spalle, ha permesso di consolidare ancor di più i già eccellenti rapporti – ha dichiarato il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile –. Oggi più che mai, Aeroporti di Puglia e WizzAir, con la costante vicinanza della Regione Puglia, vogliono unire le proprie forze e le proprie capacità imprenditoriali per consolidare una ripresa che si preannuncia molto marcata, sia in termini di crescita del traffico, sia in termini di potenziamento del network. Con il rinnovo del contratto fino al 2026, abbiamo dato ulteriore forza alla ripresa, alla rinascita, alla voglia di tornare in pista più forti di prima. Con WizzAir abbiamo voluto sigillare, attraverso il rinnovo, non solo un rapporto di collaborazione e sinergia, ma anche, e soprattutto, ribadire il desiderio di riprendersi dopo uno stop forzato a causa della pandemia”.

Con oltre 262.000 passeggeri trasportati nei primi quattro mesi di quest’anno, di cui circa 39mila su Brindisi e 223mila su Bari, e con 29 destinazioni servite in Puglia, WizzAir, che per numero di destinazioni e presenza di mercato è il secondo vettore in Puglia, sta contribuendo in maniera consistente alla ripresa del traffico. Un risultato frutto del lavoro costante e sinergico con la Regione Puglia e le sue agenzie, finalizzato al raggiungimento di risultati che portassero allo sviluppo e alla crescita del territorio.

“Lo scorso anno siamo cresciuti tanto – ha sottolineato il presidente di WizzAir, Robert Carey – e abbiamo aperto 7 basi in Italia, una delle quali a Bari. Siamo lieti di essere il secondo vettore in Puglia. Il nostro obiettivo ora è quello di raddoppiare entro il 2025 la nostra flotta fino a 50 aeromobili. Il nostro successo in Puglia è stato ottenuto anche grazie alla sinergia con Aeroporti di Puglia e la Regione Puglia”.

“Per il futuro – ha concluso il Presidente di Aeroporti di Puglia – puntiamo all’ampliamento del network internazionale, fiduciosi che WizzAir, raccolga la sfida. L’auspicio è che quanto prima possano riprendere collegamenti strategici, già operati con successo in passato dalla compagnia, su Vilnius, Riga e Tbilisi, rotta, quest’ultima, fondamentale per la numerosa comunità georgiana presente a Bari, così come l’avvio del volo su Tel Aviv già previsto e annunciato lo scorso anno. Ma non vogliamo fermarci qui: con il vettore stiamo valutando l’avvio di nuove rotte con un buon potenziale verso l’aerea balcanica, verso il Regno Unito e il nord Africa. Siamo pronti, qualora i piani di espansione lo prevedano, ad ospitare un terzo aereo di base a Bari o aprire una base operativa anche nell’aeroporto del Salento di Brindisi”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Volvo Trucks: veicoli per la distribuzione nelle città più guidabili ed efficienti

I modelli Volvo FL e FE,  dedicati alla distribuzione nelle città e nelle aree urbane, sono stati aggiornati con nuove trasmissioni in grado di offrire una maggiore efficienza e una guida...

La figura della logistica entra per la prima volta nel Codice civile

Per la prima volta nella storia della Repubblica viene introdotta la figura della logistica all’interno del Codice civile. La Camera ha approvato in via definitiva il D.L 36/2022 sul PNRR (A.C....

Dalla Torino-Lione al Brennero: in arrivo fondi dall'Ue per 11 progetti italiani

Undici progetti italiani rientrano tra i 135 progetti di infrastrutture di trasporto che riceveranno fondi Ue. Tra questi quello relativo alla galleria di base Lione-Torino, con 10.713.000 euro a...

Il nuovo Scania Touring in anteprima a IBE 2022

All’edizione 2022 di IBE Intermobility and Bus Expo, in programma dal 12 al 14 ottobre alla Fiera di Rimini, sarà presente anche Scania. In un’area dedicata l’azienda...

Intermodalità e flessibilità: le strategie della logistica per affrontare la crisi internazionale

Covid, aumento del costo dei noli, difficoltà di approvvigionamento, guerra in Ucraina: negli ultimi due anni il settore trasporti e logistica ha dovuto fronteggiare difficoltà...

Digitalizzazione dei trasporti: smeup investe in Cargoful

smeup, azienda del settore informatico, ha deciso di investire in Cargoful con un aumento di capitale di 250mila euro guidato da S2Capital. Le nuove risorse supporteranno Cargoful nel consolidamento...

Fit for 55, Cingolani: una sfida enorme ma oltre all’elettrico puntare sui biocarburanti

Il Consiglio Europeo ha adottato l’orientamento generale su punti importanti del pacchetto Fit For 55, che permetterà all'Ue di ridurre le emissioni nette di gas serra di almeno il 55%...

Boeing pubblica il Report sulla sostenibilità 2022

Fornire aerei commerciali in grado di volare con combustibili sostenibili al 100% entro il 2030; sostenere il settore dell’aviazione commerciale per raggiungere emissioni nette di CO2 pari a...