Sezione: Servizi

Impegno di Volkswagen per migliori condizioni di lavoro nelle miniere di cobalto nella Repubblica Democratica del Congo

CONDIVIDI

venerdì 20 novembre 2020

Il cobalto è una materia prima fondamentale per la produzione di batterie per veicoli elettrici. Le attività di estrazione artigianali implicano rischi per l’ambiente e le persone. Unendosi all’iniziativa “Cobalt for Development”, il Gruppo Volkswagen supporta gli sforzi per minimizzare questi rischi. Il progetto pilota – spiega una nota della casa costruttrice tedesca – intende rafforzare il rispetto degli obblighi normativi e migliorare le condizioni di salute e di sicurezza così come il benessere sociale nel Sud della Repubblica Democratica del Congo, dove si trova il 70% delle risorse globali di cobalto. I primi corsi per operatori minerari e minatori sono appena cominciati. Il progetto è realizzato da GIZ e finanziato da BASF, Gruppo BMW, Google, Samsung Electronics, Samsung SDI e Gruppo Volkswagen.

“L’approvvigionamento sostenibile e responsabile di materie prime è di massima importanza per la nostra strategia sull’e-mobility – ha dichiarato Ullrich Gereke, responsabile per la strategia di approvvigionamento del Gruppo Volkswagen –. Il cobalto gioca un ruolo fondamentale, nonostante la quantità sempre minore di materia prima utilizzata nelle nuove generazioni di batterie per veicoli elettrici. Con questa iniziativa vogliamo ampliare la nostra strategia sulle materie prime sostenibili. Intendiamo rendere le operazioni di estrazione artigianale nella Repubblica Democratica del Congo una fonte di cobalto rigorosamente sostenibile, perché l’esistenza di molte comunità locali dipende da questo settore. Vogliamo avere un impatto in loco, in stretta collaborazione con partner forti”.

Al momento, il Gruppo Volkswagen non utilizza cobalto proveniente da miniere artigianali. Il progetto pilota nella “cintura del cobalto” si concentra su due aree: migliorare le condizioni di estrazione nelle miniere artigianali di cobalto così come quelle di vita delle persone nelle comunità circostanti. In entrambi i casi i passi avanti devono essere compiuti in collaborazione con le cooperative locali di minatori, le autorità e le organizzazioni della società civile.

Si dovrà intervenire migliorando la gestione del sito minerario e attraverso la formazione dei minatori su temi come salute, sicurezza e ambiente. Le comunità locali beneficeranno di un migliore accesso all’istruzione, di nuove opportunità di reddito e di opportunità formative sulla risoluzione di conflitti. Finora più di 1.800 residenti hanno già approfittato di queste iniziative.

Il programma dei corsi su condizioni di lavoro più sostenibili è in fase di elaborazione; inizialmente il training sarà proposto a 1.500 minatori di 12 cooperative a Kolwezi, nella Repubblica Democratica del Congo, e nelle sue vicinanze. L’obiettivo è testare in che condizioni l’estrazione artigianale responsabile sia possibile in un sito gestito legalmente. Finora sono state analizzate 36 miniere artigianali per individuarne una adatta allo scopo.

Nell’ambito dell’impegno per sviluppare la mobilità elettrica, il Gruppo Volkswagen promuove costantemente una maggiore responsabilità nella propria catena di approvvigionamento di materie prime per le batterie. Oltre a unirsi all’iniziativa “Cobalt for Development”, l’azienda ha stretto anche una partnership con RCS Global, specializzata nell’approvvigionamento sostenibile. Il sistema che questa ha sviluppato traccia le materie prime fino a subfornitori, raffinerie, fonderie, miniere e impianti di riciclo.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Calcio e motori: i giocatori del FC Barcellona alla scoperta di Cupra

A Barcellona calcio e motori vanno a braccetto. 
Una dimostrazione arriva dalla giornata organizzata da Cupra nel centro di formazione del FC Barcellona che, coinvolgendo ben 19 giocatori della...

Gruppo Volkswagen: l'elettrico avanza. Nel 2020 significativa riduzione di CO2 per i veicoli della flotta

Il Gruppo Volkswagen, negli ultimi anni, ha spinto sull’elettrico e i frutti di questo lavoro sono ormai lampanti. Nell’anno appena trascorso le consegne di modelli elettrici in Europa...

Scania: successo per il primo green bond. Servirà a finanziare progetti di decarbonizzazione

C’è stato grande interesse intorno al primo Green Bond emesso da Scania. Alla fine del 2020 la casa costruttrice svedese si era qualificata per l’emissione di...

Autobus: in via di sviluppo un motore a combustione interna alimentato a idrogeno

Promuovere l'utilizzo dell'idrogeno per la trazione di veicoli nel traporto pubblico. Se lo propone H2-Ice, la nuova alleanza di imprese italiane a cui aderiscono Punch Torino e AVL...

Cupra Formentor candidata al premio Car of the Year 2021

Il 2021 inizia bene per Cupra, il brand nato come costola di Seat e poi diventato indipendente nell'orbita della galassia Volkswagen. Cupra Formentor, il suv coupè del brand spagnolo, è...

Grimaldi: la flotta si arricchisce con Eco Barcellona

Il Gruppo Grimaldi inizia il 2021 con la consegna di una nuova nave: è la Eco Barcellona, destinata al trasporto merci rotabili nel mediterraneo e impiegata sulla linea regolare che collega i...

Volkswagen: presentato il prototipo del robot mobile per la ricarica dei veicoli elettrici

Si discute da qualche tempo della possibilità di ricaricare il proprio veicolo elettrico attraverso un robot e, con il recente annuncio di Volkswagen, il progetto diventa sempre più...

Leon e-Hybrid: la berlina di casa Seat diventa ibrida

Garantisce una scelta green sul piano delle motorizzazioni e si propone come un’auto giovane e dinamica: è l’ultima versione della berlina di casa Seat, la Leon...