Ics: un piano per emissioni zero del trasporto marittimo entro il 2050

CONDIVIDI

mercoledì 3 novembre 2021

Per raggiungere zero emissioni di carbonio entro il 2050 è essenziale un massiccio aumento dei finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo: questo il punto centrale del rapporto “A Zero Emission Blueprint for Shipping” a cura dell'International Chamber of Shipping e della Società di consulenza in ingegneria, ambiente e strategia Ricardo, che delinea i passi urgenti per trasformare completamente l'attuale tecnologia di propulsione dominante nel settore marittimo e il panorama dei combustibili in meno di tre decenni.

Per garantire che il trasporto marittimo possa raggiungere la sua "quarta rivoluzione della propulsione", il rapporto evidenzia la necessità di un importante aumento dei finanziamenti per la tecnologia e lo sviluppo nel settore marittimo. Gli ultimi dati dell’Agenzia Internazionale dell'Energia sulla ricerca e sviluppo dei privati nel settore marittimo rivela che la spesa in ricerca e sviluppo è scesa da 2,7 miliardi di dollari nel 2017 a 1,6 miliardi di dollari nel 2019.


Necessari 4,4 miliardi di dollari per la transizione verso le emission zero nel trasporto marittimo

Lanciato prima della Cop26 e degli incontri cruciali presso l'Organizzazione marittima internazionale, il rapporto fornisce un modello per indirizzare gli investimenti di governi e industria verso l'innovazione. Ricardo ha identificato un elenco di oltre 260 esempi di progetti di ricerca e sviluppo necessari per superare le principali sfide tecniche e sistemiche e accelerare la transizione verso le emissioni zero di carbonio nel trasporto marittimo. Per finanziare questi progetti si stima sia necessario un costo di 4,4 miliardi di dollari.

In particolare 20 progetti in idrogeno, ammoniaca e alimentazione a batteria sono stati esaminati nel dettaglio e scelti come esempio di potenziale modello per progetti di ricerca e sviluppo da commissionare in futuro. Selezionati sulla base del fatto che sono ad "alta priorità" e offrono la più ampia copertura di carburante a zero emissioni di carbonio e opzioni tecnologiche disponibili per il settore. Molti dei progetti individuati impiegheranno da 1 a 6 anni per raggiungere la commercializzazione.

“Lo shipping – ha spiegato Guy Platten, segretario generale, International Chamber of Shipping – ha presentato una richiesta al suo organismo delle Nazioni Unite (Imo) per l'approvazione di un fondo di ricerca e sviluppo da 5 miliardi di dollari, creato esclusivamente dai contributi dell'industria. Questo rapporto chiarisce quanto sia essenziale questo fondo per far avanzare equamente le tecnologie e i combustibili alternativi necessari al ritmo e nelle quantità richiesti per decarbonizzare l'industria navale globale".

I governi voteranno l'approvazione del fondo in un prossimo evento all'Imo, dopo la Cop26.

“Ci sono chiaramente un gran numero di progetti necessari per consegnare navi a emissioni zero su larga scala, oltre gli attuali progetti pilota in cantiere – ha sottolineato Colin McNaught, direttore Strategic Growth & Development, Ricardo Energy & Environment –. Saranno necessari investimenti significativi a lungo termine ad alto rischio per innescare il cambiamento di passo per far avanzare i livelli di prontezza tecnologica e fornire queste tecnologie pilota".

“Abbiamo fatto i compiti e ora non ci sono scuse per la prevaricazione – ha aggiunto Platten –. Spetta ora ai governi che si riuniscono alla Cop26 e all'Imo mostrare la leadership necessaria per garantire che possa esserci un drastico aumento della ricerca e sviluppo per garantire il raggiungimento degli obiettivi climatici".

 

Tag: trasporto marittimo, sviluppo sostenibile

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Digitalizzare il trasporto marittimo: Tim e Confitarma siglano un accordo di collaborazione

Per rispondere alle sfide del PNRR il settore del trasporto marittimo deve intraprendere un percorso di sinergia tra la transizione ecologica e quella digitale, rivolgendo particolare attenzione alle...

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...

Ucraina: 500 marittimi bloccati a bordo delle navi nei porti nel Mar Nero e nel Mar d'Azov

500 marittimi sono ancora a bordo di 109 navi bloccate nei porti ucraini o nei mari vicini. Lo ha reso noto l’ICS – International Chamber of Shipping che chiede la conservazione dei...

Vado Ligure: operativa la seconda aerea di scambio del nuovo Container Terminal

A disposizione degli autotrasportatori 17 nuove postazioni e una “flotta” di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori...