Assoporti: nel 2021 è iniziata la risalita dei porti italiani

CONDIVIDI

martedì 1 febbraio 2022

La crescita del trasporto marittimo mondiale, in termini di tonnellaggio, è attesa al 3,4% nel 2022: ad avanzare sono soprattutto i porti di Medio Oriente e Nord Africa, riducendo il gap con gli scali dell'Europa settentrionale.

Rimane elevata la dipendenza italiana dal commercio internazionale via mare: un terzo dell'import-export di tutte le Regioni italiane avviene via nave, e nel Mezzogiorno il dato sale fino al 60%. Dopo il calo del 17% che ha interessato il 2020, il primo semestre dell'anno scorso ha mostrato segnali di miglioramento con un incremento del 33%: sono nove le Regioni italiane che superano gli 8 miliardi di euro di import-export marittimo, con in testa Lombardia ed Emilia-Romagna.

Questi i principali dati contenuti in Port Infographics, nuovo format della newsletter di Assoporti e Studi e ricerche per il Mezzogiorno (Srm), centro studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo, che vuole offrire agli operatori uno spaccato sul Mediterraneo e sulla valenza del trasporto marittimo e della portualità a livello globale, nonché il posizionamento dell'Italia, alla luce dei cambiamenti strutturali seguiti alla pandemia, con i riflessi sul commercio internazionale.

“I dati – spiega il direttore generale di Srm, Massimo Deandreis – dimostrano che i porti italiani crescono e questa tendenza è destinata a rafforzarsi anche grazie al Pnrr che assegna ai nostri scali quasi quattro miliardi di euro. Un sistema portuale forte e resiliente è una componente fondamentale per un Paese che vuole essere competitivo e attrattivo sotto il profilo commerciale e giocare il ruolo che gli compete negli scenari e nelle sfide geo economiche del Mediterraneo".

Oltre a fornire i principali dati di traffico, la pubblicazione si sofferma anche su fenomeni che caratterizzano il settore marittimo, e che impatteranno sulla competitività delle infrastrutture portuali, come l'impennata dei noli, la ridotta affidabilità dei servizi di trasporto, il container shortage (carenza di container). Previsti focus specifici dedicati alla sostenibilità e all'occupazione femminile in ambito marittimo, che si prevede ricoprirà un ruolo sempre più rilevante.

Nel 2021 il Mediterraneo è tornato ad avere un ruolo strategico

L’anno appena concluso ha messo in luce la fragilità delle catene di fornitura globali: l'impennata dei noli caratterizza lo shipping su tutte le principali rotte, e si rileva una minore qualità del servizio di trasporto containerizzato (a novembre 2021 solo il 34% delle navi è arrivato in orario nel porto di destinazione).

Nel 2021, in ogni caso, inizia la risalita dei porti italiani: i primi nove mesi indicano una ripresa del 10%, pari a oltre 345 milioni di tonnellate: buoni ritmi per gli investimenti in sostenibilità, mentre cresce il business del bunker e sale l'occupazione femminile.

"Illustrare possibili scenari e prossime sfide è importante perché conoscere è essenziale per decidere", ha spiegato il presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, aggiungendo che i porti sono in una fase di trasformazione sotto molto punti di vista e il Mediterraneo è tornato ad avere un ruolo centrale e strategico per i traffici mondiali.

Tag: assoporti, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assologistica e Assiterminal: un accordo per efficientare il sistema portuale

Assologistica e Assiterminal rappresentano componenti fondamentali della catena del valore e concordano sulla necessità di sviluppare sinergie in grado di efficientare il sistema portuale...

Porti della Calabria: tasse di ancoraggio ridotte per le navi commerciali

Abbattere il gap di concorrenza con i porti che operano nel circuito internazionale del Mediterraneo e mantenere il primato nazionale nel settore del transhipment. Con questi obiettivi...

Porti, aumento dei costi energetici e contrazione dei traffici: Assiterminal chiede l'intervento del Governo

Aumento costi energetici e indicizzazione dei canoni concessori demaniali, Assiterminal chiede l'intervento del Governo: "In arrivo la tempesta perfetta". Si sono svolti in questi giorni iniziative e...

Porti e crisi energetica: l'appello di Uniport in un incontro alla Camera

Misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti. L'appello di Uniport, l’associazione che rappresenta le imprese che operano in ambito portuale, è stato...

Assarmatori: modal shift a rischio in caso di tempi e modalità diverse dell'ETS tra mare e strada

Appello di Assarmatori ai negoziatori UE in vista dell’accordo provvisorio di compromesso che dovrebbe essere raggiunto questa sera sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS...

La Puglia protagonista delle Autostrade del mare grazie a Gruppo Grimaldi

Avviare un confronto finalizzato a individuare punti di forza, criticità, potenzialità e strategie per favorire e accrescere l’attrattività e la competitività dei...

Traffico in crescita nei terminal italiani: pubblicata l’analisi economico-finanziaria di Fedespedi

Analizzare le performance economico-finanziarie realizzate lo scorso anno dalle società di gestione di 13 importanti terminal italiani, per restiuire la fotografia di un comparto che gioca un...

Navi green: prorogato il termine per la presentazione delle richieste di contributo

La decarbonizzazione e l’abbattimento delle emissioni sono ormai imprescindibili per tutte le modalità di trasporto nel percorso verso il raggiungimento degli stringenti obiettivi...