Telespazio ed e-GEOS presentano HERMES, per aiutare le istituzioni sanitarie contro il Covid

mercoledì 21 ottobre 2020 14:47:53

Ha preso il via nelle settimane scorse la sperimentazione di HERMES, il progetto di Telespazio ed e-GEOS per supportare ospedali e unità di primo soccorso a rispondere al meglio alle emergenze sanitarie. Al progetto, nato in risposta ad un bando dell’Agenzia Spaziale Europea e del ministero per l'Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione (MID), partecipano partner quali la Croce Rossa Italiana, l’Università Gabriele D’Annunzio di Chieti-Pescara e il Campus Bio-Medico di Roma. Prendono parte alla fase di sperimentazione anche le Forze Armate Italiane, con il coinvolgimento dell’ospedale Celio.
HERMES (Healthcare Emergency support system for the distributed Response and Monitoring of Epidemics in the Society) è un ecosistema di servizi in grado di supportare attività di screening, prevenzione, monitoraggio e logistica sanitaria in risposta a gravi emergenze come il Covid-19. Nel pieno rispetto della privacy, ad esempio, HERMES offre informazioni geo-referenziate in grado di monitorare la distribuzione statistica delle casistiche di casi infetti da coronavirus nei centri pre-triage e di screening. 
In questo modo, HERMES può fornire ad Istituzioni quali la Protezione Civile o l’Istituto Superiore di Sanità uno strumento per determinare il trend di evoluzione della pandemia nel tempo. HERMES, inoltre, fornisce supporto al coordinamento logistico sanitario per consentire così la migliore distribuzione di risorse e mezzi sul territorio e permettere un efficace contrasto al coronavirus. 

 

L’ecosistema di HERMES ha i due suoi pilastri nella infrastruttura di comunicazione ad alta velocità ibrida satellitare-terrestre (che utilizza cioè satellite, reti mobili, ecc.), fornita da Telespazio, e nel Data Center sviluppato da e-GEOS. Quest’ultimo in particolare è basato su CLEOS, la nuova soluzione Marketplace di geoinformazione recentemente lanciata sul mercato, e oltre a raccogliere tutti i Big Data diagnostici consente, grazie all’intelligenza artificiale, analisi scientifiche in grado di correlare i risultati dei test di diversi metodi ed escludere così i possibili casi sospetti. 

 

Intorno alla rete di comunicazione e al Data Center, i partner coinvolti nel progetto hanno sviluppato soluzioni e applicazioni sanitarie specifiche per attività di screening, prevenzione, monitoraggio e logistica sanitaria. Sempre grazie all’intelligenza artificiale, ad esempio, l’applicazione VoiceWise consente di effettuare un primo screening di valutazione semplicemente analizzando la voce del paziente, mentre l’applicazione creata dal Campus Bio-Medico di Roma analizza le TAC e raggi X polmonari effettuate in telemedicina e individuare così i possibili casi positivi. 

 

Oltre a specifiche applicazioni, HERMES è pensato per la gestione delle emergenze mediante infrastrutture come ospedali da campo, chioschi medici e VAN medici di nuova generazione, dotati di innovati strumenti e sensori IoT, kit di telemedicina e nuovi strumenti digitali. 

 

 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Ryanair: voli aggiuntivi in occasione del Natale

Per venire incontro all’aumento della domanda su tutto il proprio network, Ryanair annuncia ulteriori integrazioni alla sua programmazione natalizia, a partire dal prossimo 16...

Covid, Motorizzazioni: ecco l’elenco delle attività garantite dagli UMC

Con l’entrata in vigore del Dpcm 3 novembre 2020, la Direzione Generale Motorizzazione ha fornito chiarimenti in merito alle attività degli uffici della motorizzazione civile...

Transizione energetica: cresce la gamma 100% elettrica di Renault Trucks

Si arricchisce l'offerta Renault Trucks 100% elettrica. La gamma di batterie per veicoli elettrici di medio tonnellaggio si diversifica: i Renault Trucks D e D Wide Z.E. possono ora montare...