Grimaldi Armatori. Storia di una Famiglia e di un’impresa: un libro per celebrare 70 anni di attività

venerdì 2 dicembre 2016 11:02:57

Il viaggio lungo 70 anni di una grande famiglia di armatori, che ha fatto la storia della navigazione italiana dal dopoguerra ad oggi. Lo racconta il libro “Grimaldi Armatori. Storia di una Famiglia e di un’impresa”, scritto dai giornalisti Bianca d’Antonio e Justin Stares e nato da un’idea dei fratelli Gianluca e Emanuele Grimaldi: i figli del fondatore Guido Grimaldi, che oggi guidano l’azienda insieme al cognato Diego Pacella.

Da 70 anni la famiglia Grimaldi è a capo di un gruppo armatoriale italiano, che oggi dà lavoro a 13.000 persone e che nel 2015 ha trasportato in tutto il mondo via mare tre milioni di auto e tre milioni di passeggeri, grazie a una flotta di 130 navi di età media inferiore ai 12 anni. Nonostante le dimensioni globali, il Gruppo Grimaldi è ancora un’eccellenza esclusivamente italiana e saldamente legata a Napoli.

Il libro racconta la storia di questa famiglia, le cui radici affondano nel Medioevo e, in particolare, nella Genova del XIV secolo. Sin dall’inizio la vera forza dell’azienda risiede nella famiglia, da sempre coesa e unita di fronte alle difficoltà. E’ quanto emerge nel libro dal racconto di Donna Paola, vedova del fondatore Guido Grimaldi e madre degli attuali armatori Gianluca e Emanuele, nonché di Consuelo, Cosimo ed Amelia, che rievoca la lunga vita del marito – scomparso nel 2010. 

I cinque fratelli Grimaldi debuttano sin da subito nel traffico merci a cui presto abbineranno il trasporto passeggeri di linea: sono infatti gli anni del secondo dopoguerra, caratterizzati da una forte crescita dell’emigrazione, e la concorrenza del trasporto aereo – che in un secondo tempo li spingerà a convertire le navi passeggeri di linea in navi da crociera – è ancora lontana.

L'intuizione risale alla fine degli anni ’60, quando Guido Grimaldi inventa i collegamenti marittimi a corto raggio (antenati delle attuali Autostrade del Mare) per trasportare veicoli tra l’Italia e il resto dell’Europa. Gli anni successivi, fino ad oggi, sono un lungo percorso di espansione per un’azienda che ha superato eventi storici che hanno spesso sconvolto l’economia mondiale, quali la chiusura del Canale di Suez, l’innalzamento del costo del petrolio o la crisi dei noli.
Il libro è edito da Grimaldi & C. Editori.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Mare

Altri articoli della stessa categoria

Rilancio porto di Civitavecchia: banchina 24 multipurpose e Piano di Sviluppo alla Regione

giovedì 28 maggio 2020 10:15:01
In campo azioni per il rilancio del comparto commerciale del porto di Civitavecchia per far fronte alla devastante crisi derivante dall’emergenza...

Dalla Regione Emilia Romagna 3 milioni per incentivare lo sviluppo dei servizi merci ferroviari e fluvio-marittimi

mercoledì 20 maggio 2020 13:38:25
Nell’ottica di ridurre inquinamento e congestione del traffico, via libera della Giunta regionale dell’Emilia-Romagna alla graduatoria di un bando...

Una copertura radar europea a tutela delle aree marine protette

mercoledì 20 maggio 2020 14:32:45
Il progetto europeo Impact aggiunge alle proprie attività il potenziamento della rete transfrontaliera di misura e monitoraggio delle correnti...

La Spezia Container Terminal: Alfredo Scalisi è il nuovo AD

venerdì 15 maggio 2020 20:07:51
Alfredo Scalisi è stato nominato amministratore delegato di La Spezia Container Terminal S.p.A. Alfredo Scalisi ricopriva, dal 1 luglio 2019 la...

Crociere, Federlogistica-Conftrasporto: necessario intervento per far ripartire il settore

giovedì 14 maggio 2020 12:15:17
Necessario un intervento a favore del settore crocieristico, in vista anche del fondamentale apporto che può dare al turismo e al commercio di...