Trenitalia: nel 2017 cresce la puntualità dei treni regionali

CONDIVIDI

martedì 7 novembre 2017

Quasi 91 treni regionali su 100 puntuali, uno su cento cancellato, nel corso dei primi 10 mesi del 2017. La puntualità reale, che include i soli treni arrivati entro i 5 minuti dall’orario previsto, è del 90,6%, l’indice di regolarità, che misura le corse effettuate rispetto alle programmate, è del 99%. Risulta superiore alla media generale l’arrivo in orario dei treni in circolazione nelle ore di punta del mattino: nella fascia 6-10 è il 92,7% ad arrivare puntuale, percentuale in linea con quella dello scorso anno.
Il trend continua a essere positivo: la puntualità reale aumenta di 3,9 punti percentuali rispetto al 2014, di 1,3 punti rispetto al 2015 e di 0,2 la regolarità del servizio dello 0,9%. Sono indici che, considerando le sole cancellazioni (0,4%) e ritardi (2,8%) imputabili direttamente a Trenitalia, salgono al 99,6% come regolarità e 97,2% per la puntualità: la riduzione rispetto al 2016 è di 0,5 punti percentuali dei ritardi di sua diretta responsabilità.

Nell’ultima indagine chiusa a settembre l’84,5% dei clienti si è dichiarato soddisfatto del viaggio nel suo complesso, portando la media cumulata dei primi 10 mesi all’82,6%, con una crescita in due anni di 6,6 punti percentuali. Il bilancio dei primi dieci mesi del 2017 tiene conto del volume di servizi prodotti in tutt’Italia, pari a un milione e 614.236 corse effettuate in tutte le Regioni e Province Autonome dove Trenitalia gestisce il servizio, percorrendo complessivamente 129 milioni e 547.430 km con 374 milioni e 292.236 passeggeri saliti a bordo.

Se da una panoramica nazionale si passa a un’analisi più dettagliata delle singole regioni si evidenzia come le migliori performance in fatto di puntualità reale, che tenendo conto di tutti i ritardi restituisce quanto effettivamente vissuto dai clienti, si registrano in Friuli Venezia Giulia, con il 94,9% dei treni puntuali, a seguire la Provincia Autonoma di Bolzano, con il 94,8%, la Provincia Autonoma di Trento con il 93,9%, l’Abruzzo con il 93,7%, poi il Veneto 93%, le Marche 92,6%, il Lazio 92%, la Toscana e la Valle d’Aosta 91,4% e l’Emilia Romagna 90,4%. Per quanto riguarda la regolarità del servizio, invece, sul podio salgono la Provincia Autonoma di Trento, le Marche, con appena lo 0,4% delle cancellazioni e l’Umbria con lo 0,5%.
Il trend della puntualità, con poche eccezioni, risulta tuttavia positivo un po’ in tutte le regioni, con punte più elevate nella Provincia Autonoma di Trento e in Liguria, a seguire Emilia Romagna, Umbria, Lazio e Basilicata. Quello della regolarità vede eccellere la Liguria, l’Abruzzo e la Puglia.

L’ultima indagine demoscopica, condotta a settembre da una società esterna al Gruppo FS Italiane, ha evidenziato un miglioramento nel giudizio che i clienti danno del servizio sia nel confronto con gli anni precedenti 2016 e 2015 (+2,7% vs settembre 2016 e +7,6% vs settembre 2015), sia con il cumulato annuo (+3,1% vs il 2016 e +6,6% vs il 2015).
Il gradimento maggiore a settembre si registra nell’ambito della preparazione del viaggio (96,2%), nella facilità di ottenimento, completezza e chiarezza delle informazioni ricevute (96,5%) e nella facilità/comodità di acquisto dell’abbonamento/biglietto (94,8%).

Per quanto riguarda la permanenza a bordo le percentuali migliori si registrano nell’illuminazione della carrozza (94,1%) e nell’aspetto, la cortesia e la professionalità del personale (94%). Rispetto a settembre 2016 i trend di maggiore crescita si hanno in: puntualità +2,8% (77,2% vs 74,4%), security +2,7% (79,4% vs 76,7%), pulizia +2,5% (69,1% vs 66,6%), informazioni a bordo +2,5% (79,8% vs 77,3%), permanenza a bordo +2,4% (84,9% vs 82,5%) e comfort +2,0% (82,6% vs 80,6%).
I clienti maggiormente soddisfatti sono quelli della Provincia Autonoma di Trento (94,3%), del Friuli Venezia Giulia (94%) e del Veneto (93,2%). A seguire la Provincia Autonoma di Bolzano, la Liguria, l’Umbria, la Toscana, il Piemonte e l’Emilia Romagna, ampiamente sopra la media nazionale. Interessante il dato sulla pulizia, che convince soprattutto i pendolari dell’Abruzzo (83%).

In termini di ripetibilità, il 91,9% degli intervistati a livello nazionale ha dichiarato che avrebbe certamente utilizzato nuovamente il treno per un viaggio. Le migliori percentuali sono quelle della Provincia Autonoma di Trento (97,8%) e del Friuli Venezia Giulia (97%), mentre il trend migliore rispetto a settembre 2016 si registra in Basilicata (+6,8%, 78,4% vs 85,1%).

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Ferrovie: Direttissima Roma-Firenze, attivato il sistema Ertms per una migliore gestione del traffico treni

Un evoluto sistema per la supervisione e il controllo del distanziamento dei treni è ora operativo fra Rovezzano e Arezzo Sud, sulla linea Direttissima Roma-Firenze. Il sistema ERTMS...

Ferrovie: Mit, Rfi e sindacati siglano un protocollo per la sicurezza dei lavoratori

Tutelare la sicurezza e i diritti dei lavoratori. Ecco l'obiettivo del protocollo d'intesa firmato oggi dalla Ministra delle Infrastrutture e Trasporti Paola De Micheli con Rete Ferroviaria Italiana...

Trasporti: l'agenda della Commissione della Camera per la settimana dal 2 al 6 novembre

Pubblichiamo l'agenda dei lavori della Commissione Trasporti della Camera per la settimana in corso.Convocazione della IX Commissione Convocazione della IX Commissione(TRASPORTI, POSTE E...

Sicilia: tre nuovi treni Pop per le linee Palermo-Messina e Messina-Siracusa

Sulle linee Palermo-Messina e Messina-Siracusa entreranno presto in servizio tre nuovi treni Pop che Trenitalia ha consegnato alla regione siciliana. Salgono così a otto i convogli di...

Marche: elettrificazione e potenziamento per la linea Civitanova-Albacina

Al via i lavori di elettrificazione e potenziamento tecnologico della linea ferroviaria Civitanova-Albacina nelle Marche. Cantieri in opera dal 29 luglio al 30 agosto: gli interventi, a cura di Rete...

Regione Lazio e Ferrovie dello Stato insieme per un piano di interventi da 18 miliardi

Un Protocollo d’Intesa tra Regione Lazio e Ferrovie dello Stato per un piano da 18 miliardi di investimenti destinato a migliorare la mobilità regionale con riflessi positivi...

Ferrovie dello Stato, l'utile 2019 sale a 584mln. Battisti: "Anno migliore della storia del Gruppo"

A fine 2019, l'utile di Ferrovie dello Stato raggiunge 584 milioni di euro, con un incremento pari a 25 milioni di euro (+4,5% sul 2018).Il Consiglio di Amministrazione di Ferrovie dello Stato...

Reggio Calabria: 23mln di euro per tre nuove stazioni ferroviarie

Tre nuove stazioni ferroviarie lungo la tratta jonica. Lo prevede una convenzione fra Governo, Comune ed Rfi che porterà alla realizzazione, attraverso il finanziamento di 23 milioni di...