Merci: al Nord la roccaforte del combinato ferroviario

CONDIVIDI

martedì 20 settembre 2011
In Italia il mercato del trasporto container si sviluppa in prevalenza lungo la direttrice trasversale del Nord, che unisce i porti liguri con quelli del Friuli Venezia Giulia e del Veneto passando per gli interporti di Padova e per alcuni terminal intermodali dell’Emilia-Romagna. Altre due direttrici rilevanti dove il trasporto combinato strada-rotaia prevale sono quelle situate lungo la dorsale adriatica, sfruttate dai servizi che collegano il nord della penisola alla Puglia, e lungo la dorsale tirrenica. Quest’ultima è interessata dai treni che dal settentrione puntano sul Lazio spingendosi poi verso gli interporti campani di Nola e di Marcianise. Un’altra fetta di traffico è rappresentata dai trasporti combinati destinati al porto di Gioia Tauro e alla Sicilia.
In base ai dati censiti dall’Ispi, su di un totale di 64 terminali censiti, 26 sono inseriti in interporti e 26 sono di gestione pubblica Rfi/Terminali Italia: di questi ultimi, 9 inseriti in interporti. Il terminale che ha registrato il maggior traffico sia in termini di uti (unità di trasporto intermodale) che di tonnellate movimentate è quello Hupac di Busto Arsizio, struttura privata esclusivamente dedicata al combinato strada-rotaia. Di volume poco inferiore risultano i traffici registrati a Verona Quadrante Est, che è invece una struttura pubblica ubicata all’interno di un interporto. La maggior quota di combinato viene dunque movimentata tra Verona, Milano e Novara/Busto Arsizio, che gestiscono circa i due terzi del totale (quasi tutto traffico internazionale). Interessante anche il traffico terrestre generato dal porto di Genova, che risulta dello stesso ordine di grandezza dei maggiori terminali terrestri.
Dalla fotografia dell’Ispi appare evidente la larga prevalenza di siti per il combinato localizzati nel nord del Paese; al contrario, le strutture del meridione sono in prevalenza a conduzione pubblica e il loro auspicato sviluppo dipende molto dalle politiche di Rfi, la controllata Fs per le infrastrutture. Su Gioia Tauro pende la solita incognita, perché nonostante gli sforzi della società (testimoniati da un investimento di 280 milioni) continuano a partire pochissimi treni. Per non parlare delle tormentatissime relazioni industriali con Mct. Al momento parrebbe quindi che solo i terminal “privati” di Nola e Frosinone, essendo inseriti in contesti interportuali, potranno avviare politiche di sviluppo autonome di traffici intermodali economicamente sostenibili. Il porto di Genova invece lunedì prossimo si vedrà consegnare, in Corea, la ‘ro-ro’ (roll on/roll off) portacontenitori Jolly Diamante, prima delle quattro nuove navi ordinate ai cantieri coreani Daewoo Shipbuilding Marine Engineering Ltd dal Gruppo Messina.
Vincenzo Foti

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Gioia Tauro: approvato il bilancio 2021 e il piano operativo triennale

Il bilancio 2021 e il collegato piano operativo triennale 2021 - 2023 dell'Autorità portuale di Gioia Tauro è stato approvato dal ministero delle Infrastrutture e della...

Brennero, Anita lancia l'allarme: mancano macchinisti e si riduce il trasporto combinato ferroviario

Anita segnala una riduzione della capacità del trasporto ferroviario di merci attraverso il Tirolo, in direzione Italia, a seguito delle misure limitative anti-Covid imposte dalla Germania che...

Intermodalità, attivato nuovo collegamento Bologna-Colonia: fino a 15.000 semirimorchi all’anno

Un nuovo servizio intermodale di trasporto merci tra Bologna e Colonia è operativo da metà gennaio. Il collegamento, che attraverserà la nuova galleria del Ceneri collegando...

Emilia Romagna: prorogato il termine per il contributo all'incentivo del trasporto ferroviario delle merci

Proroga del termine per la presentazione delle richieste di contributo a valere sul nuovo incentivo al trasporto ferroviario delle merci nella Regione Emilia Romagna. Ne ha dato notizia...

Ferrovie: incentivi dalla provincia di Bolzano per il trasporto combinato di merci

La Giunta della provincia autonoma di Bolzano incentiva lo spostamento del traffico merci da gomma a rotaia favorendo il trasporto combinato (accompagnato e non accompagnato) per ridurre...

Autotrasporto: investimenti 2016, ecco la modalità di erogazione dei contributi

A conclusione della fase istrutturia delle domande, il ministero dei Trasporti ha comunicato le modalità di erogazione dei contributi a favore degli investimenti relativi all’anno...

Porto Gioia Tauro: la Regione approva il progetto di sviluppo. Soddisfatta la Cisl

Buone notizie per il potenziamento del porto di Gioia Tauro in Calabria. "La Zes è un risultato molto positivo", afferma il segretario generale della Cisl Calabria, Paolo Tramont...

Camion e treno: ecco i limiti di massa per i trasporti combinati

Trasporto combinato e limiti di massa. Il ministero dell’interno (Dipartimento pubblica sicurezza) ha diffuso alle prefetture e agli organi di controllo una circolare per dare risposta a un...