Un polo di mobilità integrata e servizi per la città: il progetto della nuova stazione di Bergamo

CONDIVIDI

giovedì 22 settembre 2022

La stazione ferroviaria si trasforma in un nodo di mobilità integrata e in un polo di servizi per la città.

Lo prevede il progetto di Fattibilità Tecnica ed Economica del “Nuovo Hub di riconnessione urbana e mobilità sostenibile della stazione di Bergamo”, che verrà sviluppato – spiegano Comune di Bergamo e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) – in un contesto di trasformazione urbana che interessa una vasta area della città, a cavallo dell'asse ferroviario e della stazione, e che coinvolge anche le aree dello scalo ferroviario di Bergamo denominate “Porta Sud".

Il progetto potenzia il ruolo della stazione come nodo trasportistico, assicurandone l’integrazione nel nuovo Polo Intermodale previsto nell’ambito del programma di rigenerazione urbana e ridisegnandone i fronti di accesso nord e sud. Si rafforza così la centralità della stazione anche quale polo di attrazione per lo sviluppo sostenibile del territorio, con nuove funzioni e servizi per i viaggiatori.


Il Protocollo di Intenti per la riqualificazione di Bergamo Porta Sud

Il progetto di ristrutturazione della stazione ferroviaria trae origine dal “Protocollo d’Intenti per la riqualificazione di Bergamo Porta Sud” sottoscritto nel 2018 tra Provincia di Bergamo, Comune di Bergamo, Ferrovie dello Stato Italiane, RFI e FS Sistemi Urbani.

In particolare, il progetto prevede:

• due nuovi “Fabbricati Ponte” che racchiudono tutte le funzioni primarie della stazione;

• sistemi di accesso agli edifici di stazione ed alle banchine passeggeri, tramite scale, scale mobili e ascensori;

• nuovi sovrappassi pedonali coperti che costituiscono accesso ai Fabbricati di Stazione e percorsi di attraversamento pedonale e ciclabile, con aree verdi e funzioni che definiscono un vero e proprio spazio nuovo.

Un investimento di oltre 80 milioni di euro, di cui 50 con risorse PNRR.

 

 

Tag: rfi, trasporto ferroviario

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Infrastrutture, energia e rigenerazione urbana: per il Gruppo FS la sostenibilità crea valore

“Bisogna cercare di muovere persone e merci usando la modalità ferroviaria, che è un tipo di trasporto collettivo e green”. Così l’amministratrice delegata di...

La strategia del Gruppo FS per una mobilità integrata e sostenibile

Transizione energetica, progettazione sostenibile delle infrastrutture e rigenerazione urbana: questi i tre principi alla base della strategia del Gruppo FS per cambiare la mobilità del nostro...

Discutere le criticità dell’ultimo miglio ferroviario grazie a FerMerci in Terminal

Promuovere incontri nei terminal sul territorio nazionale, con la partecipazione dei principali stakeholder del trasporto ferroviario, per cogliere da vicino possibili soluzioni alle criticità...

Ammodernamento della ferrovia Palermo-Catania-Messina: dalla Commissione Ue via libera a 101 milioni

Ridurre i tempi di percorrenza e aumentare la frequenza dei collegamenti, contribuire alla costruzione di gallerie e viadotti per facilitare l'attraversamento di zone collinari e dissestate, alla...

Investimenti, stazioni, persone a ridotta mobilità: RFI incontra le associazioni dei consumatori

Continuano i periodici confronti tra il management delle Ferrovie e i rappresentanti delle organizzazioni che tutelano i diritti dei consumatori con cui il Gruppo FS punta a rendere partecipi gli...

Innovazione e ricerca: pubblicato il nuovo bando del programma ferroviario Europe’s Rail

Europe’s Rail lancia la seconda call for proposal del 2022 per proseguire nel programma di ammodernamento e interoperabilità delle ferrovie europee. Il valore complessivo del bando...

Gruppo FS: 83 milioni di passeggeri in treno nell'estate 2022

Durante l’estate appena terminata oltre 83 milioni di persone hanno scelto i treni del Gruppo FS per gli spostamenti. Numeri che sembrano indicare la volontà di molti viaggiatori di...

Rfi: gara da 970 milioni per la Circonvallazione Ferroviaria di Trento

Un’opera dal valore di circa 970 milioni di euro, di cui 930 milioni finanziati con i fondi del Pnrr, finalizzata a incentivare lo shift modale su ferro del trasporto merci, anche in vista...