Parkin’ Station: presentato il nuovo hub di sosta multimodale della Stazione di Napoli

CONDIVIDI

mercoledì 13 luglio 2022

Uno spazio capace di ospitare fino a 360 auto, dotato di servizi per l’interscambio tra vari mezzi di trasporto anche condivisi e collettivi per favorire una mobilità multimodale, connessa e sostenibile.

È un vero e proprio hub per la mobilità integrata il nuovo Parkin’ Station realizzato in prossimità della Stazione di Napoli da Grandi Stazioni Rail, società del Polo Infrastrutture del Gruppo FS e co-finanziato dal ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, con un investimento complessivo di oltre 13 milioni di euro.

Il Parkin’ Station di Napoli si sviluppa parallelamente al binario 5 e a Corso Meridionale, per circa 180 metri nei riqualificati locali dell’ex Officina di Carica Accumulatori, ormai dismessa e demolita. Un’area di 9.500 metri quadri, che potrà ospitare autoveicoli e motocicli distribuiti su tre piani, oltre 100 posti dedicati ai servizi di mobilità condivisa, come car sharing e noleggio auto. Disponibili da subito, inoltre, 12 postazioni di ricarica per auto elettriche, destinate a crescere nel tempo, otto stalli riservati alle persone con ridotta mobilità e 7 posti rosa.

Nell’area d’ingresso, inoltre, sono stati individuati degli spazi open air, dedicati alla mobilità dolce, prevedendo delle rastrelliere per le biciclette e monopattini, senza escludere, in prospettiva, la realizzazione di una velostazione dotata di varchi controllati.

Un’infrastruttura che – come sottolineato dall’AD del Gruppo FS, Luigi Ferraris – ha l’obiettivo di rendere più semplice la scelta del treno come mezzo di trasporto privilegiato in quanto “mezzo green per eccellenza, sostenibile anche dal punto di vista economico e sociale”.

Riqualificazione e recupero di aree in disuso

Un nuovo modo di vivere le stazioni e le città con un ulteriore elemento virtuoso: quello della riqualificazione di un’area come quella dell’ex Officina di Carica Accumulatori da molti anni in disuso.

“Un’operazione – ha spiegato Ferraris – coerente con la nostra strategia generale, affidata soprattutto al nostro Polo Urbano, che rientra nell’ambito dell’economia circolare, perché riutilizza e trasforma asset e aree ferroviarie che hanno perso nel tempo la loro originaria destinazione e funzione e ne individuano e realizzano una nuova e di grande utilità”.

Il Parkin’ Station di Napoli è aperto dalle cinque del mattino all’una di notte, con la possibilità di tariffe orarie, giornaliere e abbonamenti mensili: 2,50 euro per la sosta oraria (per ogni ora o frazione) e 22 euro per la giornaliera; 1 euro all’ora per la moto e 8 euro per la giornaliera; 2 euro per la notturna (dalle ore 1:00 alle ore 5:00). Previsto anche l’abbonamento auto mensile a 150 euro, che scende a 120 euro se si possiede anche un abbonamento ferroviario.

Sarà possibile prenotare la sosta attraverso il sito parkinstation.it o l’omonima app Parkin’ Station, pianificando in anticipo i propri spostamenti. Nell’ottica di una integrazione tra biglietto del treno e servizi, sarà possibile prenotare la sosta anche tramite l’acquisto di biglietti ferroviari.

Tag: ferrovie, intermodalità

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Infrastrutture, energia e rigenerazione urbana: per il Gruppo FS la sostenibilità crea valore

“Bisogna cercare di muovere persone e merci usando la modalità ferroviaria, che è un tipo di trasporto collettivo e green”. Così l’amministratrice delegata di...

Trasporto intermodale: FerMerci e UIRR insieme per una mobilità più connessa, sostenibile e sicura

Rilanciare il trasporto intermodale in Italia e in Europa. L’associazione FerMerci e UIRR, the International Union for Road-Rail Combined Transport, hanno siglato un memorandum d'intesa per una...

Gruppo Fs: intensificati i treni merci tra Verona e Giovinazzo, l’offerta cresce del 50%

Dal 17 ottobre passano da 12 a 18 i treni merci settimanali che collegano Verona e Giovinazzo. Si intensificano quindi le relazioni commerciali tra Quadrante Europa e il terminal pugliese, uno dei...

Decarbonizzazione: dalla Legge di Bilancio 2mld di euro per trasporti più sostenibili

Rinnovo degli autobus in senso ecologico, acquisto di treni a idrogeno, realizzazione di piste ciclabili, sviluppo dell’intermodalità nel trasporto delle merci, adozione di carburanti...

Ferrovie: dal Pnrr 55mln di contributi alle aziende per un trasporto merci più sostenibile e sicuro

In arrivo fondi pubblici del Piano Nazionale Complementare per incentivare l’acquisto di mezzi per il trasporto ferroviario delle merci conformi agli attuali standard ecologici in termini...

Ferrovie: dall'Ue un investimento di 101mln per l'asse Palermo-Catania-Messina

Un investimento di oltre 101 milioni di euro per ammodernare  l'asse ferroviario Palermo-Catania-Messina in Sicilia. Lo ha approvato la Commissione Ue. Lo stanziamento rientra nel Fondo europeo...

Nuovo trasporto intermodale dalla Puglia al Belgio: 2SeasTrain di Gts operativo dall'11 ottobre

Partirà da Bari per raggiungere il porto di Zeebrugge a/r viaggiando per oltre 2 mila km in sole 48h 2SeasTrain, il nuovo treno arrivato in casa Gts Rail. Si tratta del servizio...

Trenord: 7mln di viaggiatori hanno scelto il treno per visitare la Lombardia

Il treno può rappresentare uno strumento utile per favorire un turismo sostenibile di prossimità, una tendenza ereditata dalla pandemia destinata a restare. Lo confermano i dati di...