Costi energetici, digitalizzazione e rinnovo della flotta: le sfide post-pandemia di Trenord per servizi migliori

CONDIVIDI

giovedì 24 novembre 2022

Il peso dei costi energetici e i lasciti del periodo della pandemia, la ripresa dei flussi di viaggiatori, le nuove sfide digitali, miglioramento dei servizi e rinnovo della flotta.

Questi i punti al centro dell’intervento dell’amministratore delegato di Trenord, Marco Piuri, durante i lavori della Commissione “Territorio e Infrastrutture” del Consiglio Regionale. L’AD di Trenord ha descritto ai consiglieri regionali lo stato dell’arte del servizio e lo scenario in cui l’azienda ferroviaria lombarda si trova a operare.

“Le performance del servizio ferroviario lombardo sono in costante miglioramento – ha spiegato Piuri – grazie al progressivo ingresso in servizio di nuovi treni e a una manutenzione più efficace, che si scontrano però con i limiti di un’infrastruttura satura. Ora è urgente che il sistema della mobilità guardi al 2030: la congiuntura internazionale e nazionale pone il settore di fronte a sfide sempre più complesse – la crisi energetica, la transizione ecologica. Solo un lavoro a livello di sistema, che realizzi una mobilità realmente integrata, calibrata sulla domanda, sostenibile dal punto di vista sociale, ambientale ed ecologico ci consentirà di uscirne vincitori”.

 

Il peso dei costi dell’energia e i lasciti del periodo Covid

L’AD di Trenord ha sottolineato nel suo intervento come la variazione dei costi di approvvigionamento dell’energia abbia già fatto sentire i suoi effetti nel 2022: per la trazione dei convogli, riscontrati aumenti con picchi fino al 400%. Per il 2023 si prevede un costo di 100 milioni di euro, 60 in più rispetto al 2021.

A questo si aggiunge l’eredità del Covid, che ha causato mancati ricavi per il calo dei passeggeri, dapprima massiccio e poi consistente. Nel solo anno 2022, si stima che i ricavi da biglietto saranno inferiori di 50 milioni rispetto al 2019.

 

La ripresa del traffico passeggeri, soprattutto nei festivi e verso l’aeroporto

Sempre più passeggeri tornano a prendere il treno: se a maggio 2022 è stato sfiorato l’obiettivo di 600mila, a ottobre il dato medio è di 610mila viaggiatori al giorno. Si prevede nel 2022 un dato annuale inferiore del 28% rispetto al 2019.

La ripresa è più consistente sulle linee regionali, su cui le frequentazioni giornaliere sono inferiori del 13% rispetto al 2019; il collegamento aeroportuale in ottobre registra un -18%, ma il calo è solo dell’1,8% se si considera il totale dei viaggiatori nell’anno. A vedere un ritorno più lento sono le linee suburbane, che contano il 23% dei passeggeri in meno rispetto al pre-Covid, cioè 100mila in meno al giorno.

Permane la tendenza a viaggiare di più in treno nei festivi: a settembre i viaggiatori hanno raggiunto il dato 2019, con 288mila passeggeri. A ottobre le frequentazioni nei festivi sono inferiori solo dell’8%, rispetto allo stesso periodo pre-Covid.

A prendere letteralmente il volo è Malpensa Express: fra gennaio e ottobre 2022 i passeggeri che hanno utilizzato il collegamento veloce verso l’aeroporto sono stati 3,23 milioni, arrivando a sfiorare il dato di 3,29 milioni registrato nello stesso periodo, nel 2019. Ma il treno guadagna passeggeri, rispetto alle altre modalità di trasporto verso l’aeroporto: pre Covid il modal share era del 13,4%; quest’anno è del 17,7%.

Le soluzioni per clienti sempre più digitali

Torna a crescere la frequenza dei viaggi durante la settimana: il dato dei passeggeri “abituali” nel 2019 era del 51%; nel primo semestre 2021 era precipitato al 34%; oggi è risalito al 44%. Nel post-Covid, la mobilità durante la giornata è tornata a distribuirsi come nel periodo pre pandemico.

Gli acquisti sono sempre più digitali: il dato dei titoli di viaggio comperati su sito web e App è più che raddoppiato rispetto al pre Covid, dal 14% al 30%.

 

Migliorare le performance

Ogni giorno in Lombardia si effettuano 2185 corse – a cui si aggiungono 220 collegamenti su bus. Nell’ultimo triennio, la puntualità ha visto un costante aumento: era del 78% nel 2018, anno in cui il servizio aveva perso regolarità e affidabilità, dell’80% nel 2019. Oggi è dell’84%.

Le soppressioni medie sono calate da 102 al giorno nel 2018 a 79 nel 2022. Il dato di quest’anno – sottolinea Trenord – è fortemente condizionato dalla sospensione della circolazione nel Passante ferroviario dagli impatti dell’eccezionale caldo estivo sulle flotte più vetuste e dal picco pandemico di gennaio.

Le linee del quadrante Nord Ovest e le linee che circolano su rete Ferrovienord mantengono un buon indice di affidabilità e puntualità soddisfacente. Si registrano performance minori sulle linee del nodo di Bergamo, del Sud della Lombardia e sulle linee che su rete Ferrovienord raggiungono la Brianza.

Nuovi treni e manutenzione più efficace

Prosegue il piano di rinnovo della flotta: a giugno si contavano 431 convogli, di cui 145 di vecchia generazione (34%); a dicembre saranno 436 convogli, di cui 111 di vecchia generazione (25%). Con i nuovi treni aumenteranno i posti offerti: da 160mila a 165mila.

A ottobre erano 76 i nuovi treni in servizio, saliti a 79 con ulteriori immissioni nel mese di novembre.

All’introduzione dei nuovi convogli si affianca anche una manutenzione più efficace: le indisponibilità di convogli per guasti nel 2022 sono state in media 4 al giorno a livello regionale, in riduzione del 48% rispetto al 2018, del 44% rispetto al 2019 e dell’11% al 2021.

Puntualità e migliori servizi

Dove circolano, i nuovi treni migliorano le performance di servizio e il confort offerto ai viaggiatori: sulla linea S8 Milano-Carnate-Lecco, su cui il servizio è effettuato per il 100% da convogli Caravaggio, dal 71% nel 2019 la puntualità è salita di 16 punti, fino all’87%. Con l’immissione dei Caravaggio, sulla S11 Rho-Milano-Como il dato è cresciuto di 12 punti, fino all’83%; sulla Milano-Gallarate-Domodossola di 21 punti fino all’84%; sulla Milano-Varese-Laveno di 11 punti, fino all’83%; sulla Milano-Brescia-Verona, di 13 punti, fino al 75%.

In seguito all’ingresso in servizio dei convogli Donizetti, è cresciuta di 30 punti la puntualità sulla linea Bergamo-Brescia, raggiungendo l’83%; di 16 punti sulla linea Bergamo-Lecco, fino all’80%. Grazie ai treni nuovi a media capacità, la linea Colico-Chiavenna viaggia al 97% di puntualità.

Entro la fine del 2022, la mappa dei nuovi treni si estenderà ancora: con il cambio orario dell’11 dicembre, la linea Milano-Pavia-Voghera-Alessandria vedrà l’ingresso di convogli Caravaggio; treni Donizetti entreranno in servizio sulle linee Milano Greco Pirelli-Treviglio-Brescia e Cremona-Treviglio.

I convogli Colleoni stanno svolgendo le corse prova in seguito all’installazione del nuovo software, resa necessaria dato che i treni realizzati dalla società svizzera Stadler hanno evidenziato inconvenienti tecnici e incompatibilità tra il software di bordo e i sistemi di terra.

 

Tag: trenord, trasporto ferroviario

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

RFI: gara da 121 milioni per nuovo collegamento ferroviario Bergamo-aeroporto Orio al Serio

A pochi giorni dall’approvazione del progetto da parte della commissaria straordinaria di Governo, Vera Fiorani, Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) ha pubblicato in Gazzetta...

L’11 dicembre inizia l’inverno di Trenitalia

Oltre 6.700 collegamenti tra Frecce, Intercity, Eurocity, Euronight e treni regionali, ai quali si aggiungono più di 13.600 corse bus in Italia. In Europa, oltre 2.400 i collegamenti...

Continua il rinnovo dei treni regionali in Piemonte: da Torino a Milano arriva il Rock

Da questa settimana nuovo treno regionale Rock di Trenitalia è attivo sui binari della linea Torino-Milano. Si tratta di un convoglio a doppio piano di ultima generazione, frutto degli...

Nuova linea Palermo-Catania-Messina: RFI pubblica gara da 1,2 miliardi

Circa 1,2 miliardi di euro, finanziati anche con i fondi del PNRR per la realizzazione di 27 chilometri di nuovo tracciato in variante rispetto alla linea attuale, con circa 3 chilometri di viadotti...

Passante e nuova stazione AV di Firenze: RFI aggiudica gara da 1,1 miliardi

Rete Ferroviaria Italiana ha aggiudicato al consorzio che vede come capofila Impresa Pizzarotti & C. e come impresa consorziata Saipem la gara da oltre 1,1 miliardi per la realizzazione del...

In treno da Mestre all’aeroporto di Venezia: RFI aggiudica bando da 428 milioni

Un nuovo collegamento ferroviario costituito da una tratta a doppio binario di circa 8 km di cui 3 o 4 in galleria che collegherà Venezia all’aeroporto Marco Polo. Punta a questo il...

Il trasporto ferroviario delle merci tra sfida energetica e PNRR: chiusa l’edizione 2022 di Mercintreno

Le nuove sfide che la crisi energetica apre per il sistema del trasporto ferroviario delle merci, il ruolo dell’innovazione come opportunità per rispondere all’aumento di domanda...

Intermodalità: dalla manovra 50 milioni per Marebonus e Ferrobonus

Un fondo di 50 milioni per il 2023 per il Marebonus e il Ferrobonus. Lo prevede uno degli articoli della bozza del testo definito dal Cdm sulla manovra.  Lo stanziamento punta allo sviluppo...