Terminal logistico di Brescia: via ai lavori nel 2024

CONDIVIDI

venerdì 9 dicembre 2022

Un impianto di trasbordo dotato di 5 binari di lunghezza pari a 750m, 5 corsie di sosta temporanea delle Unità di Trasbordo Intermodale quali container e casse mobili, 3 ulteriori binari di supporto, 3 gru a portale elettriche correnti su rotaie, parcheggi semirimorchi, uffici operativi, servizi per i dipendenti e magazzino per pezzi di ricambio/piccole manutenzioni.

Questi alcuni numeri del terminal la Piccola velocità di Brescia, che sorgerà nella zona Ovest del capoluogo lombardo.

Manca solo il permesso a costruire atteso entro la primavera del 2023. I lavori inizieranno nel 2024 per concludersi nel 2026.

Lo scorso 1° dicembre presso il comune di Brescia è stato siglato il protocollo di intesa tra il sindaco Emilio Del Bono e Gianpiero Strisciuglio, AD Mercitalia Logistics, società capofila del Polo Logistica del Gruppo FS Italiane, per definire i dettagli delle opere pubbliche di mitigazione e compensazione, annesse alla realizzazione dell’infrastruttura: 100 mila metri quadrati per un investimento di 60 milioni di euro.

Si partirà subito con le opere di mitigazione ambientale: 4,5 milioni per migliorare la mobilità attorno al terminal sia verso la città che in direzione extraurbana con Mercitalia Logistics che cede un’area di 30 mila metri quadri. E ulteriori 10 mila metri quadri saranno destinati a verde pubblico con attività di piantumazione.

 

Terminal tecnologicamente avanzati e a basso impatto ambientale

Il terminal di Brescia – che sarà tra i più avanzati tecnologicamente in servizio – è uno dei tre su cui si concentra l’attività di Teralp, società del Gruppo FS - Polo Logistica - partecipata dal player dell’intermodalità svizzero Hupac.

Ci sono infatti anche "Milano smistamento", in cui proseguono i lavori per la realizzazione del parco pubblico sul comune di Segrate, terminal il cui primo lotto sarà consegnato entro il 2025, e il terminal di Piacenza, che sarà funzionante entro il 2024: l’obiettivo del Governo federale svizzero e di Hupac è quello di finanziare opere che dotino il Nord Italia di nuovi terminal tecnologicamente avanzati e a bassissimo impatto sull’ambiente per gestire l’incremento dei volumi di merce che, grazie al nuovo Tunnel di Base del Gottardo, saranno trasferiti dalla strada alla rotaia e che transiteranno verso e dalla Svizzera.

A regime, i terminal di Milano, Brescia e Piacenza permetteranno di gestire un volume di traffico di circa 800mila unità di trasporto intermodali (UTI) all’anno, il cui spostamento dalla strada alla ferrovia avrà ricadute positive sull’ambiente e sulla collettività.

 

Tag: trasporto ferroviario, trasporto intermodale, ferrovie

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Nuovo collegamento intermodale tra Giovinazzo e Mortara

Un nuovo treno intermodale è in partenza dal terminal di Giovinazzo (BA) per raggiungere Mortara (PV). Il collegamento è stato attivato da Lugo Terminal e il servizio di trazione...

Terminal Intermodale di Nola: Gts aumenta i collegamenti con Piacenza

L'operatore intermodale pugliese Gts ha completato la sua presenza al Terminal Intermodale di Nola (TIN). Aggiunte 7 corse verso Piacenza, precedentemente in arrivo a Marcianise, ma...

Stazioni ferroviarie, ecco come cambierà la sicurezza nel 2023

Ferrovie dello Stato Italiane e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti stanno intensificando i loro sforzi per garantire la sicurezza dei viaggiatori sui treni italiani. Obiettivo che...

Polo Logistico Gruppo FS: Fit-Cisl, necessario un concreto rilancio del cargo ferroviario

Grande interesse è stato espresso dalla Fit-Cisl per il nuovo Piano industriale del Gruppo Fs Italiane, che prevede anche la riorganizzazione delle società in quattro Poli di...

Trenord: si aggiunge un Caravaggio sulla Milano-Lodi-Cremona-Mantova

La flotta Trenord si arricchisce con un nuovo convoglio ad alta capacità che si aggiunge a quello entrato in servizio lo scorso 14 novembre. L'azienda fa sapere che il 60% del...

FerMerci incontra il presidente della Commissione Trasporti: scenari incerti, trasporto ferroviario a rischio

I rappresentanti dell’Associazione FerMerci hanno incontrato il presidente della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati, Salvatore Deidda, per discutere della situazione attuale...

Trieste e Monfalcone, un anno da primato per i porti dell'Adriatico Orientale

Pandemia, conflitto ucraino, crisi energetica e rallentamento degli scambi globali. Lo scenario economico globale è poco incoraggiante ma tutto ciò non ha impedito...

Il Gruppo FS punta al raddoppio della quota di merci trasportate via treno

Aumentare la quota delle merci trasportate tramite ferrovia è uno degli obiettivi più ambiziosi delle politiche europee in tema di crescita sostenibile. Il Gruppo FS, attraverso la...