AutopromotecEDU 2015: al centro del dibattito la relazione auto-web

lunedì 25 maggio 2015 10:54:32

La seconda giornata di AutopromotecEDU 2015, l’arena di approfondimento sull'aftermarket automobilistico, si è aperta con il convegno IAAM (International Automotive Aftermarket Meeting 2015).  “Connected vehicle - connected business: opportunities and challenges for the Aftermarket”, è stato il tema dell'incontro di quest'anno.
Il convegno IAAM15 ha offerto alle aziende e ai professionisti del settore analisi approfondite e prospettive strategiche sugli aspetti tecnologici più innovativi dell’industria automobilistica, con particolare attenzione al tema delle tecnologie dell’informazione e comunicazione applicate ai veicoli, alle normative a riguardo e alle numerose sfide che queste comportano per i vari operatori del settore.

Il convegno incentrato sulla lieve ripresa del mercato in atto dal 2013 e  sull’importanza della telematica per una mobilità sempre più intelligente e sostenibile, ha visto la partecipazione di molti esperti e operatori del settore. Luca Montagner, Associate Director di ICDP Italia (International Car Distribution Programme), ha offerto un aggiornamento su volumi, operatori e quote di mercato dell’aftermarket europeo, offrendo anche un’interessante prospettiva al 2020. In termini di volumi e di valore, ad eccezione del Regno Unito, l’indagine di ICDP ha registrato una diminuzione in Europa, dal 2009 al 2012, della richiesta di operazioni legate alla riparazione e manutenzione auto, con il mercato indipendente che controlla la maggior parte di queste operazioni (eccezion fatta per la Germania). Per quanto riguarda le reti legate ai Costruttori Auto, l’Europa a 5 (Germania, Italia, Francia, Spagna e UK) conta 49.000 operatori nel 2014 e in molti di questi mercati (un’eccezione è l’Italia) é il post vendita che dà il maggior contributo alla profittabilità del dealer. Sul fronte degli indipendenti, più del 50% fa parte di Reti; degno di nota il dato globale su tutti i 5 mercati, legato al miglioramento del mercato indipendente su quello ufficiale.

Cosa si preannuncia per il 2020? La domanda di servizi legati alla riparazione e manutenzione dovrebbe decrescere in termini di volumi in media dell’8% rispetto al 2012, meno in termini di valore. Per il circolante, le previsioni sono di un aumento dell’anzianità, a causa essenzialmente della diminuzione nella vendita di auto nuove. Le officine delle reti Costruttori sono destinate, nelle previsioni, a ridursi ulteriormente di numero, così come il numero di indipendenti, che dovrebbero però incrementare la propria quota di mercato, malgrado il loro business complessivo sia previsto anch’esso in riduzione. 
In ultimo, investigato da Montagner il comportamento online dei clienti europei. Qui si ipotizza un importante aumento  di consultazione di siti internet in vista di una prenotazione di un intervento service; un aumento della vendita di pneumatici online (attualmente il 20% degli automobilisti acquista tramite web); un aumento della vendita online di parti di ricambio (circa il 30% compra via Internet), che potrebbe avere un effetto dirompente, impattando pesantemente soprattutto sul mercato indipendente.

Alberto Bernini, Regional Director South Europe Automotive Aftermarket Bosch, ha offerto un interessante sguardo sul concetto di Internet of things, l’Internet delle cose, il mondo in cui terminali e oggetti connessi a Internet sono programmati per funzionare autonomamente ed essere sempre più efficienti. Uno dei maggiori settori in cui il mondo sempre più digitale sta impattando è proprio quello dell’automobile, che vede la mobilità di un futuro prossimo caratterizzata da tre prerogative: autoelettrica, auto a guida autonoma e auto connessa. Si calcola che attualmente i dispositivi connessi in rete siano circa 7 miliardi nel mondo (all’incirca uno ciascuno, considerando che la popolazione mondiale è di 7.3 miliardi di persone). Tale quota, nel giro dei prossimi 5/7 anni dovrebbe quanto meno raddoppiare e raggiungere 14 miliardi di unità in rete. Bosch offre il suo contributo con la produzione di sensori elettromeccanici che permettono la connessione tra le cose, il cui fatturato è già di ben 1,3 miliardi di euro. Tali sensori servono proprio per trarre dati dalle cose connesse: per esempio, un sensore di un parcheggio indica preventivamente alle auto collegate dove posteggiare o aiuta il possessore di un’auto elettrica a trovare la colonnina di ricarica libera. Il veicolo del futuro non sarà solosempre più connesso, ma anche elettrificato e automatizzato e in tal senso l’obiettivo di Bosch è dimezzare il costo delle batterie (proprio com’è avvenuto anni fa per l’alimentazione Diesel, rendendola accessibile a tutti). Attraverso la connessione, infine, osservando il comportamento di guida del conducente, si potranno creare per il cliente soluzioni meglio profilate per quanto riguarda per esempio il noleggio o l’assicurazione, a patto di salvaguardare il flusso delle informazioni e il rispetto della privacy. 


© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata


Leggi anche

Leggi gli altri articoli della categoria: Prodotto

Altri articoli della stessa categoria

Misano Grand Prix Truck: appuntamento 25 e 26 maggio 2019 per la nuova edizione

mercoledì 7 novembre 2018 14:15:37
Fissata la data ufficiale: il prossimo Misano Grand Prix Truck 2019 si svolgerà il 25 e 26 maggio al circuito Marco Simoncelli. L’annuncio...

Automotive: in crescita del 2% la produzione ad aprile, chiusura quadrimestre a +5,7%

lunedì 12 giugno 2017 16:29:42
Ad aprile 2017 la produzione domestica di autovetture supera le 57.000 unità, con una contrazione dell’8% rispetto ad aprile 2016, dopo...

A novembre mercato auto in crescita del 16,5% rispetto al 2015

venerdì 2 dicembre 2016 12:27:45
Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato i dati relativi al mercato italiano dell'auto che a novembre 2016 totalizza 145.835...

Automotive: in Italia ulteriore crescita della produzione

martedì 12 luglio 2016 10:24:02
ANFIA ha diffuso i dati sulla produzione italiana del settore automotive, relativi al mese di maggio 2016, che presentano un incremento tendenziale del 6,6%...

Come viaggiano italiani, spagnoli, francesi e tedeschi? Lo spiega un sondaggio Moovit

giovedì 7 luglio 2016 13:38:20
Ha interessato gli utenti di Francia, Spagna, Germania e Italia, il sondaggio condotto da Moovit, app dedicata al trasporto pubblico locale, per approfondire...