Sezione: Prodotto

100 anni di Mazda, tra segni e simboli

CONDIVIDI

giovedì 17 dicembre 2020

Nel 2020 Mazda, la casa automobilistica giapponese che ha negli ultimi tempi conquistato anche il mercato italiano, ha compiuto i suoi primi 100 anni.

A un passo dalla scadenza di questo anniversario così importante, il brand ha deciso di diffondere alcune curiosità sulla sua storia e sulla sua simbologia, partendo dalla genesi dell’azienda per finire all’evoluzione del logo.

In un periodo storico in cui il termine resilienza appare una parola chiave, Mazda si pone come esempio calzante: quando, nell’agosto ’45, fu sganciata la bomba atomica su Hiroshima, devastando la città in cui sorgevano i suoi stabilimenti, l’impresa, che all’epoca era ancora una semplice fabbrica di sughero che si stava convertendo alla produzione di automezzi, dovette rimboccarsi le maniche. E, così, a soli 4 mesi dalla tragedia Mazda fece ripartire la produzione e guidò il Giappone verso la rinascita economica, costellando le sue strade di vetture su cui campeggiava l’inconfondibile logo.

A proposito del logo: dal 1936 la casa automobilistica ebbe un logo ispirato al simbolo della città di Hiroshima, l’emblema della città natale dell’azienda presenta tre linee bianche ondulate su sfondo verde che rappresentano i tre rami del delta del fiume Ota a Hiroshima. L’emblema Mazda raddrizzò progressivamente le linee e inserì una M piatta al centro di ciascuna di esse. Le tre M stavano per Mazda Motor Corporation, mentre le lunghe estensioni laterali rappresentavano le ali per l’agilità, la velocità e la capacità di raggiungere nuove vette.
Nel 1959 Mazda si preparava a presentare la sua prima autovettura e quindi approntò un logo adatto a una casa automobilistica: il simbolo diventò un semplice cerchio con al centro una M cromata e allungata ai lati in alto e in basso sino ad incontrare la circonferenza esterna.
Il desiderio di un logo sempre più identificativo tornò all’inizio degli anni ‘90 e nel 1991 Mazda introdusse una forma a diamante incastonata in un cerchio, che era stata concepita per richiamare figurativamente ali e sole in un cerchio di luce. Tuttavia, il logo è stato cambiato solo un anno dopo smussando i bordi del diamante per differenziarlo da quello similare di Renault, ed è questo il logo che diventerà familiare a molti clienti Mazda.
Nel 1997 sono stati poi aggiornati sia il marchio sia il simbolo, ed è salito alla ribalta il logo che conosciamo oggi: la foggia del paio di ali a forma di lettera M è stata concepita per rappresentare la spinta di Mazda nel perseguire miglioramenti e crescita continua con flessibilità di pensiero, creatività e resilienza.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Mercato automotive: confermato il segno positivo a novembre (+10,7%)

Secondo dati Istat, a novembre 2020, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 10,7%, mentre chiude i primi undici mesi del 2020 a...

Il 2021 elettrico di Volvo Italia

Il 2021 sarà un anno elettrico e tutte le case automobilistiche stanno preparando la loro offensiva “sostenibile” di prodotto. È anche il caso di Volvo che si appresta a...

Automotive: crescita a due cifre a ottobre 2020 (+14,5%)

A ottobre 2020, secondo i dati Istat, la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un aumento tendenziale del 14,5%, mentre chiude i primi dieci mesi del 2020 a...

Automotive: verso il 2030, le sfide e le opportunita' per i fornitori italiani in uno studio Anfia

“Il futuro del settore automotive – Sfide e opportunità per i fornitori italiani verso il 2030”. Questo il tema dello studio presentato online da Anfia e Roland Berger....

Industria automotive: a settembre calo tendenziale del 4%

Secondo dati Istat, a settembre 2020 la produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra un calo tendenziale del 4%, mentre chiude i primi nove mesi del 2020 a -30,9%....

Mazda: officine e saloni aperti in tutta Italia

Il nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del 3 novembre ha suddiviso il territorio nazionale in tre fasce, contraddiste dai colori rosso, arancione e giallo, in base al livello...

Michele Crisci confermato presidente dell'Unrae, Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri

Michele Crisci, Presidente uscente dell’UNRAE e Presidente di Volvo Car Italia, è stato confermato per un nuovo mandato al vertice dell’associazione che rappresenta le Case...

Brexit: 23 associazioni dell’automotive europea chiedono un accordo di libero scambio tra UE e UK

A sole 15 settimane dalla fine del periodo di transizione della Brexit, l’industria automotive europea lancia un appello per chiedere che la Gran Bretagna e l’Unione Europea, si...