Pneumatici: ecco come risparmiare con il ricostruito

lunedì 29 luglio 2019 11:33:36

I vincoli che gravano sulla nostra rete stradale, sulle risorse naturali, sul clima, uniti al traffico crescente, non solo inducono a far più attenzione a tutto quello che riguarda la logistica ed il trasporto delle merci, ma impongono di ripensare totalmente ai trasporti, ai camion cosi come ai sistemi di propulsione.

Nel mondo del trasporti si ricercano tutti i modi per ottimizzare le voci di spesa che impattano sul bilancio, vagliando tutte possibilità, come il consumo di carburante e l’ottimizzazione dei percorsi di consegna.

Tra gli accorgimenti che si possono adottare per risparmiare carburante, riducendo anche l’impatto ambientale rientra ad esempio l’utilizzo di un telone ben teso e di uno spoiler adeguato che, migliorando l’aereodinamica influiscono sui consumi di un autocarro.

Il miglioramento dell’efficienza di un autocarro passa anche attraverso la gestione attenta dei pneumatici, che non significa soltanto controllare la pressione e lo stato d’usura delle gomme ma induce a considerare l’adozione di pneumatici ricostruiti.
Un pneumatico ricostruito ha prestazioni pari a quelle di un pneumatico nuovo ad un prezzo che mediamente è inferiore del 40%; questo si traduce in un vantaggio economico per il trasportatore, che inoltre può utilizzare anche più volte la stessa carcassa con
un impatto positivo sul costo chilometrico. La soluzione del “ricostruito” consente anche un risparmio del 70% della materia prima necessaria per la costruzione di un pneumatico nuovo abbattendo in maniera considerevole l’impatto ambientale.

L’industria del pneumatico ricostruito rappresenta un esempio di economia circolare che si pone come un modello di riferimento nel quadro dei sistemi produttivi anche in ottica futura, specialmente sotto la spinta delle dinamiche di crescita dei prezzi energetici e
delle risorse in genere.
I pneumatici di ultima generazione fabbricati da aziende che possono offrire i più alti standard qualitativi, consentono al prodotto di superare il suo primario ciclo di vita per essere ricostruiti anche più volte e poter contare così su più vite.

L’utilizzo di un pneumatico ricostruito consente di sfruttare tutto il potenziale della carcassa dove sono racchiuse delle tecnologie all’avanguardia che la rendono duratura e affidabile da nuova come da ricoperta. La carcassa, venendo concepita e costruita appositamente per questo scopo, fa si che l’impiego del pneumatico ricostruito si configuri come una scelta ecologica ed economica, vantaggiosa per tutti.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

CONDIVIDI
Leggi anche

Sostenibilità: Scania presenta la prima gamma di veicoli totalmente elettrici. Autonomia fino a 250 km

Scania ha presentato oggi nel corso di un evento online la sua prima gamma di veicoli elettrici. I nuovi veicoli ibridi plug-in ad alte prestazioni e quelli totalmente elettrici, saranno inizialmente...

Pneumatici ricostruiti, Airp: necessario rispettare la quota obbligatoria nelle flotte pubbliche

L’Airp si rivolge al Governo chiedendo di far rispettare la quota obbligatoria riservata ai pneumatici ricostruiti negli acquisti di pneumatici di ricambio da parte delle flotte pubbliche di...

Iveco consegna cinque S-Way NP alimentati a LNG alla Fulvi Trasporti srl

La Fulvi Trasporti srl, specializzata nel trasporto di materie, sceglie gli IVECO S-Way NP alimentati a LNG nel suo percorso verso i carburanti alternativi sostenibili. Gli S-Way NP sono stati...