Dal Mise 380 milioni di euro per ricerca e sviluppo delle imprese italiane

CONDIVIDI

giovedì 1 settembre 2016

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha presentato nei giorni scorsi due decreti che rendono disponibili 380 milioni di euro, risorse inquadrate nel Programma operativo nazionale Imprese & Competitività 2014-2020. I bandi saranno pubblicati dopo l'estate.

180 milioni di euro del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2014-2020 sono destinati a progetti di ricerca e sviluppo negli ambiti tecnologici identificati dal Programma quadro di ricerca e innovazione Horizon 2020. La dotazione finanziaria è destinata al sostegno di progetti finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo di tecnologie, riconducibili alle aree tematiche individuate dalla Strategia nazionale di specializzazione intelligente. In particolare, la dotazione finanziaria di 180 milioni di euro è così suddivisa: 150 milioni di euro per i progetti da realizzare nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia); 30 milioni di euro per i progetti da realizzare nelle Regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna).

Chi può concorrere? Imprese industriali, imprese artigiane, imprese agro-industriali, centri di ricerca e altri. Una quota pari al 60% delle risorse è riservata alle PMI e reti di imprese. Il Ministero ha previsto che i progetti congiunti possano essere realizzati, per una quota non superiore al 35% del totale, anche in altre aree del territorio nazionale al di fuori delle Regioni meno sviluppate e delle Regioni in transizione (regioni del Nord) beneficiando delle medesime misure agevolative, a condizione che tale quota sia necessaria al raggiungimento degli obiettivi del progetto e presenti effetti indotti sulla diffusione dell’innovazione nelle regioni meno sviluppate e in transizione (Il MISE ha espresso pubblicamente un desiderio del tipo: un'impresa del nord che in ottica di filiera, supporti un'impresa del sud in un progetto, beneficiando delle stesse misure agevolative, avendo riguardo sulle necessarie ricadute del progetto nel mezzogiorno).
I progetti devono prevedere una durata compresa tra i 18 e i 36 mesi e devono prevedere spese non inferiori a 800.000 euro e non superiori a 5M€. Sarà concesso un finanziamento agevolato (pari al 20% delle spese sostenute) ed un contributo diretto sulla spesa ammissibile, variabile in base alla dimensione dell’azienda e alla tipologia di attività come indicato al punto agevolazioni.

Per le sole regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), sono disponibili 200 milioni di euro per uno strumento destinato a Grandi progetti di ricerca e sviluppo destinato a due diversi interventi: Industria sostenibile e Agenda digitale. I progetti ammissibili alle agevolazioni devono prevedere la realizzazione nelle Regioni meno sviluppate di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale, strettamente connesse tra di loro in relazione all’obiettivo previsto dal progetto, finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo delle tecnologie abilitanti fondamentali.
I progetti devono avere durata compresa tra i 18 e i 36 mesi e spese tra 5 milioni e 40 milioni di euro. Possono concorrere: imprese industriali, imprese artigiane, imprese agro-industriali, centri di ricerca. Sarà concesso un finanziamento agevolato (pari al 20% delle spese sostenute) ed un contributo diretto sulla spesa ammissibile, variabile in base alla dimensione dell’azienda e alla tipologia di attività come indicato al punto agevolazioni.

Per la ricerca Industriale, i contributi ammissibili, sono così suddivisi: 60% piccola, 50% media, 40% GI; per lo Sviluppo Sperimentale: 35% piccola, 25% media, 15% GI. Finanziamento agevolato 20% sulla spesa ammissibile con tasso di riferimento (0,2%) nessuna garanzia reale a copertura; è possibile richiesto in forma di anticipazione (fidejussione o fdg interno per le risorse con trattenuta del 2%).
Il contributo a fondo perduto può ottenere le seguenti maggiorazioni:
- 5 punti percentuali nel caso in cui il progetto si concluda entro il 31 dicembre 2018;
- 10 punti percentuali qualora il progetto venga realizzato: con il contributo esterno di almeno un organismo di ricerca in misura non inferiore al 10% dei costi complessivi ammissibili (solo per bando “Grandi progetti”); nell’ambito di forme di collaborazione effettiva e stabile a livello internazionale tra imprese e ciascuno dei soggetti proponenti non sostenga da solo più del 70% dei costi complessivi ammissibili (solo per bando “Grandi progetti”); in forma congiunta attraverso una collaborazione effettiva tra imprese, di cui almeno una è una Pmi e ciascuno dei soggetti proponenti non sostenga da solo più del 70% dei costi complessivi ammissibili.

I Decreti Direttoriali stabiliranno la modulistica e definiranno gli aspetti operativi delle procedure, le misure di partecipazione e la data di apertura dello sportello. Per i bandi su agenda digitale e industria sostenibile, il DD sarà pubblicato a breve; le domande potranno essere presentate a partire presumibilmente dal 26 ottobre. 

Maggiorni informazioni nel decreto del Ministero 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Al via da oggi le prenotazioni dell'Ecobonus auto

Da oggi è possibie richiedere il contributo per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di categoria M1, accedendo alla piattaforma ecobonus.mise.gov.it. Il fondo automotive è...

Automotive, Patuanelli convoca associazioni e sindacati per il 18 ottobre

Il ministro Stefano Patuanelli convoca un tavolo sull'automotive per avviare un confronto a 360 su un settore strategico per l'Italia. L'incontro è previsto per il 18 ottobre 2019 alle ore 16...

Nuova Sabatini: riapre lo sportello per presentare le domande per i contributi

Lo sportello per la presentazione delle domande di accesso ai contributi alla Nuova Sabatini da parte delle imprese, è di nuovo operativo. Lo ha stabilito il Ministero dello Sviluppo Economico...

Camion: pubblicati i costi di esercizio per settembre 2018

Il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha pubblicato l’aggiornamento del costo del gasolio per autotrazione, al netto dell'Iva e/o dello sconto del maggior onere delle accise, utile...

Trasporti: firmato al Mise un decreto sull'uso del biometano

Promuovere l’uso del biometano nel settore dei trasporti e agevolare le imprese a forte consumo di gas naturale. Lo prevedono i decreti firmati recentemente al ministero dello Sviluppo...

Logistica: Confetra, positive le premesse del tavolo attivato al Mise

Il tavolo della logistica insediatosi nelle scorse settimane presso il ministero dello Sviluppo Economico allo scopo di definire misure che garantiscano la legalità negli appalti di magazzino...

Logistica e legalità: le proposte dei sindacati al ministero dello Sviluppo

“Oggi abbiamo presentato al Ministero un pacchetto organico di proposte utili ad interrompere i meccanismi distorti perpetrati nel settore, attraverso la pratica degli appalti ormai...

Sviluppo Capitale, Mise e Comune di Roma al lavoro: 5 aree sviluppo, 19 progetti

Diciannove progetti da attuare immediatamente o di particolare interesse strategico, dal piano per rinnovare la flotta di Atac e le pattuglie interforze contro l’abusivismo e la vendita di...