Riforma dei porti: approvato il decreto, ecco l'elenco delle Autorità

CONDIVIDI

giovedì 21 gennaio 2016

Approvato dal Consiglio dei Ministri il decreto di Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle autorità portuali. Il provvedimento, presentato dal Ministro per la Semplificazione e la Pubblica Amministrazione, Marianna Madia, si inserisce nelle politiche e nelle azioni per il rilancio della portualità e della logistica intrapreso dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Una rivoluzione per i porti italiani, che vengono così riorganizzati in 15 Autorità di sistema portuale, centri decisionali strategici con sedi nelle realtà maggiori: Genova, La Spezia, Livorno, Civitavecchia, Cagliari, Napoli, Palermo, Catania, Gioia Tauro, Taranto, Bari, Ancona, Ravenna, Venezia e Trieste.

La riforma è nata dall'esigenza di semplificare le procedure del transito di merci e passeggeri e per attivare centri decisionali strategici rispetto all’attività di porti in aree omogenee, ma anche per ridare slancio all'organizzazione amministrativa e al coordinamento centrale con il Ministero.

Lo Sportello Unico Doganale e dei Controlli - sotto il coordinamento funzionale  dell’Agenzia delle Dogane - e lo Sportello Amministrativo Unico, sostituiranno gli attuali 113 procedimenti amministrativi, svolti da 23 soggetti.

Il decreto prevede che alle nuove Autorità di sistema portuale faranno riferimento 54 porti di rilevanza nazionale. Le Regioni possono chiedere l’inserimento nelle Autorità di Sistema di ulteriori porti di rilevanza regionale.

Le 15 Autorità di Sistema Portuale avranno un ruolo strategico di indirizzo, programmazione e coordinamento del sistema dei porti della propria area, con funzioni di attrazione degli investimenti sui diversi scali e di raccordo delle amministrazioni pubbliche. Stretta la relazione con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, in particolare per il Piano Regolatore di Sistema Portuale e i programmi infrastrutturali con contributi nazionali o comunitari.

L’Autorità di Sistema Portuale sarà governata in modo snello: il Presidente, il Comitato di gestione - cioè un board ristretto a  poche persone - il Segretario Generale, il Collegio dei Revisori dei Conti.  Rispetto agli attuali Comitati Portuali, si passa da circa 336 membri a livello nazionale si passa a circa 70.

Per garantire la coerenza con la strategia nazionale viene istituito al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il Tavolo nazionale di coordinamento delle Autorità di Sistema Portuale. Per il necessario dialogo con i soggetti economici e sociali attivi nei porti è previsto in ciascuna Autorità di Sistema Portuale un Tavolo di Partenariato della Risorsa Mare, con funzioni consultive di partenariato economico-sociale.

“I porti italiani ora faranno sistema  – afferma il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio - si compiono scelte strategiche, si semplificano i processi. La sfida è quella del confronto con le grandi potenze portuali del mondo, il Nord Europa, il Nord Africa, il Pireo, il Far East. La Risorsa Mare torna centrale in Italia. Queste innovazioni servono a rendere concreta quella ‘cura dell’acqua’ che abbiamo avviato e a valorizzare il Sistema Mare, che è uno dei nostri principali asset economici, attraverso il quale transita il 70% delle merci italiane”.

Ecco l'elenco delle 15 Autorità portuali:

1) Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale Genova, sede dell’Autorità di sistema portuale Savona, Vado Ligure

2) Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale La Spezia, sede di Autorità di sistema portuale Marina di Carrara

3) Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale Livorno, sede di Autorità di sistema portuale Piombino, Portoferraio, Rio Marina

4) Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro-Settentrionale Civitavecchia, sede di Autorità di sistema portuale Fiumicino, Gaeta

5) Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale Napoli, sede di Autorità di sistema portuale Salerno, Castellamare di Stabia

6) Autorità di Sistema Portuale dello Stretto Gioia Tauro, sede di Autorità di sistema portuale Crotone (porto vecchio e nuovo), Corigliano Calabro, Taureana di Palmi, Villa San Giovanni, Vibo Valentia, Reggio Calabria, Messina, Milazzo,Tremestieri

7) Autorità di Sistema Portuale del Mare Di Sardegna Cagliari, sede di Autorità di sistema portuale Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci, Oristano, Portoscuso-Portovesme , Santa Teresa di Gallura (solo banchina commerciale).

8) Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale Palermo, sede di Autorità di sistema portuale Termini Imerese, Porto Empedocle, Trapani

9) Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale Catania, sede di Autorità di sistema portuale Augusta

10) Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale Bari, sede di Autorità di sistema portuale Brindisi, Manfredonia, Barletta, Monopoli

11) Autorità di Sistema Portuale del Mar Ionio Taranto, sede di Autorità di sistema portuale

12) Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale Ancona, sede di Autorità di sistema portuale Falconara, Pescara, Pesaro, San Benedetto del Tronto (esclusa darsena turistica), Ortona

13) Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centro-Settentrionale Ravenna, sede di Autorità di sistema portuale

14) Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale Venezia, sede di Autorità di sistema portuale Chioggia

15) Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale Trieste, sede di Autorità di sistema portuale


Qui la cartina con la localizzazione geografica delle Autorità 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Unione doganale: la Commissione Ue propone sportello unico per razionalizzare i controlli e agevolare gli scambi commerciali

Per rendere più agevole per le diverse autorità coinvolte nello sdoganamento delle merci scambiare per via elettronica le informazioni trasmesse dagli operatori, la Commissione Ue ha...

Porti liguri: Laghezza (Confetra Liguria), non abbassare la guardia sui servizi alla merce

Efficienza dei controlli e competitività dei porti liguri. Alessandro Laghezza, presidente di Confetra Liguria, chiede di non abbassare la guardia sul tema dei servizi alla...

Porti, Uiltrasporti: la riforma non decolla

“A due anni dall’emanazione della riforma della governance dei porti italiani con il varo delle AdSP sotto un’unica regia in grado di fare sistema per il bene Paese, i risultati...

Mit: Toninelli incontra Delrio per il passaggio di consegne. Sul tavolo investimenti e qualità dei progetti

Programmazione oculata delle opere, potenziamento del project review affidato alla Struttura Tecnica di Missione e implementazione del metodo di valutazione costi-benefici. Ma anche minore...

Bolzano: nuove iniziative per ridurre l'inquinamento da biossido di azoto

La Giunta provinciale di Bolzano adotta misure anti-smog. Per raggiungere l'obiettivo di abbattere la concentrazione di biossido di azoto nell'aria e rientrare, entro il 2023, al di sotto del...

Logistica, Ravenna: Benevolo (Ram), lancia una strategia per il sistema infrastrutturale

Sviluppare i collegamenti marittimi e migliorare la connessione dei porti con la rete ferroviaria per rendere il sistema infrastrutturale e di trasporto maggiormente eco-compatibile. Questi i punti...

Blocco Tirolo camion: Uggè, intervenga il presidente del Consiglio

All’indomani della presentazione del volume “Connettere l’Italia” da parte del ministro dei Trasporti Graziano Delrio, il vicepresidente di Conftrasporto e di Confcommercio...

Connettere l'Italia: presentato il libro su presente e futuro di trasporti e logistica

E' stato presentato oggi alla Camera di Commercio di Roma, il libro “Connettere l’Italia. Trasporti e logistica in un Paese che cambia”. Il libro racconta cosa si è scelto di...