Marebonus: Confitarma, necessaria un'interpretazione chiara per garantire l'incentivo

CONDIVIDI

lunedì 18 settembre 2017

Alla vigilia del decreto attuativo del provvedimento, l'associazione Confitarma chiede chiarimenti sull'effettiva applicazione del Marebonus, l’incentivo pensato per consolidare il trasferimento modale dalla strada al mare. La risposta ad un quesito rivolto dal ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti alla Commissione, spiegano da Confitarma, sarà decisiva poiché conterrà l’interpretazione del termine “aiuto” utilizzato nella decisione del 19 dicembre 2016 con cui la Commissione europea ha autorizzato l’incentivo.

“La decisione – si legge nella nota dell'associazione - da un lato prevede l’obbligo per l’armatore di ribaltare almeno il 70% dell''aiuto' agli autotrasportatori; dall’altro prevede che lo stesso “aiuto” non possa superare l’importo degli investimenti sostenuti dall’armatore per poter far accedere gli autotrasportatori all’incentivo. Considerando che il Marebonus è rivolto all’autotrasporto e che gli armatori non ne devono beneficiare se non per compensare gli investimenti richiesti, secondo l’interpretazione logica, da sempre sostenuta da Confitarma, le compagnie di navigazione devono poter recuperare il costo degli investimenti effettuati per poter accedere al Marebonus, 'ribaltando' agli autotrasportatori almeno il 70% del contributo ricevuto. In pratica, considerati i 128 milioni di euro stanziati, gli armatori dovrebbero investire non meno di 38 milioni di euro per attivare l’incentivo di 90 milioni di euro a favore degli autotrasportatori (70% del contributo), con una compensazione di non più di 38 milioni di euro (30% del contributo) per gli investimenti effettuati".

"Invece, secondo l’interpretazione letterale più restrittiva - aggiungono da Confitarma -, l’intero contributo ricevuto dalle compagnie di navigazione viene considerato “aiuto” e pertanto, per garantire agli autotrasportatori gli stessi 90 milioni di euro, le compagnie di navigazione dovrebbero investire per miglioramenti dei servizi esistenti ben 128 milioni di euro, ovvero l’intero stanziamento previsto per il Marebonus, recuperando al massimo 38 milioni di euro. Se così fosse resterebbero privi di compensazione ben 90 milioni di investimenti che l’armamento dovrebbe sostenere per poter consentire all’autotrasporto di usufruire dell’incentivo”.
Confitarma valuta l'ipotesi “incoerente con le indicazioni della Commissione europea”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Incentivi automotive 2021: ecco quali saranno i bonus per gli automobilisti

Gli incentivi automotive introdotti dal Governo la scorsa estate hanno dimostrato la loro efficacia. Basti considerare che i fondi a disposizione per alcune fasce sono andati esauriti in poche...

Assarmatori-Confitarma: firmato accordo di rinnovo CCNL del settore marittimo

Confitarma, Assarmatori, Assorimorchiatori e Federimorchiatori hanno sottoscritto oggi a Roma con Filt-CGIL, Fit-CISL e Uiltrasporti l’accordo per il rinnovo di tutte le sezioni del contratto...

Seggiolini auto: ancora poche settimane per richiedere il bonus

C'è tempo fino al 31 dicembre 2020 per fare richiesta per il bonus seggiolini. Finora sono oltre 350 mila le registrazioni effettuate sulla piattaforma www.bonusseggiolino.it per...

Confitarma: Mattioli confermato presidente

Mario Mattioli è stato confermato presidente di Confitarma, la Confederazione Italiana Armatori. “Ringrazio gli amici e colleghi per la rinnovata fiducia nel mio operato - ha affermato...

Autotrasporto, investimenti 2020/2021: ecco l'elenco delle domande per gli incentivi

Pubblicato l’elenco delle domande di accesso all’incentivo con cui le imprese di autotrasporto hanno prenotato le somme previste (poco più di 61 milioni di euro) nella prima...

Anfia-Federauto-Unrae: rinnovare incentivi auto con la prossima Legge di Bilancio

Il mercato auto è fermo. L’emergenza sanitaria e l’esaurimento degli incentivi fanno crollare gli ordini e riportano il settore in profonda crisi. Da tutto il Paese giungono...

Economia del mare: Confitarma chiede una cabina di regia e sinergia tra tutti gli attori

“Occorre prendere coscienza del fatto che il mare per noi è fondamentale. Purtroppo  abbiamo perso terreno nei confronti dell'estero". Lo ha detto Mario Mattioli, presidente di...

Camion, contributi rinnovo parco: ricompresi i veicoli Euro 6 D TEMP tra i mezzi incentivati

All'interno dei finanziamenti previsti per gli incentivi del rinnovo del parco veicolare sono stati ricompresi i veicoli euro 6 D TEMP di massa complessiva a pieno carico pari o superiore a 3,5...