Mare: Pappalardo (Federagenti), ecco dove l'Ue è in crescita

CONDIVIDI

mercoledì 23 aprile 2014

L’industria dei trasporti marittimi in Europa produce un fatturato di 145 miliardi di euro, con un’occupazione di 2,3 milioni di addetti e un gettito fiscale pari a 41 miliardi. Ogni milione di euro di contributo dell’industria marittima alla formazione del Pil ne produce 1,6 indotti in altre attività nell’Unione europea.
Sono questi i risultati di uno studio condotto, su commissione di Ecsa (European shipowner association), da Oxford Economics.
Secondo Federagenti, associazione che tutela gli interessi delle navi che approdano nei porti italiani, sono tre gli elementi importanti di riflessione sull’importanza strategica delle attività marittime. Il primo è relativo a un trend in controtendenza. Nell’Europa della crisi, la flotta mercantile cresce e crescono tutte le attività indotte con l’effetto di una sempre maggiore incidenza sul Pil continentale.
"Il secondo elemento è relativo alle cause di questo fenomeno tanto in controtendenza da vedere ancora la flotta della Grecia (paese che maggiormente ha subito l’impatto della crisi e del rigore comunitario) in posizione di assoluta leadership: il trend positivo è sostanzialmente provocato - evidenza Michele Pappalardo, presidente di Federagenti - da politiche fiscali mirate a favorirne la crescita e comunque applicate con il fine prioritario di garantire alla flotta e all’industria marittima una capacità concorrenziale sui mercati internazionali. Il terzo elemento è relativo all’effetto volano delle attività marittime, in grado di innescare un effetto moltiplicatore unico, e dar vita - sottolinea ancora il presidente della Federazione degli agenti marittimi - a una positiva reazione a catena sia per quanto attiene la ricchezza prodotta, sia per quanto concerne l’occupazione. Reazione che diventa ancora più consistente prendendo in considerazione l’intera catena logistica. Fra il 2005 e il 2014 le flotte europee sono cresciute di oltre il 70%, e i paesi Ue controllano oltre il 40% della flotta mondiale con un peso specifico rilevante nei trasporti petroliferi e nel trasporto container". All’inizio di quest’anno, il 2014, la flotta dei paesi membri dell’Unione (comprendente sia le navi battenti bandiera europea sia quelle controllate da interessi europei, ma immatricolate sotto altri registri marittimi) contava su 23.000 unità per una portata complessiva di 430 milioni di tonnellate e una stazza di 660 milioni.
"Dati questi - conclude Pappalardo - che sarebbe suicida passare sotto silenzio. Dati che dovrebbero fare riflettere anche sulle conseguenze di un rigore indiscriminato, specie se posto a confronto con le conseguenze positive di una politica di crescita che può e dovrebbe produrre risultati ancora più rilevanti. Ecco dove la Ue non ha fallito”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Riduzione emissioni CO2: ACEA, pronti a obiettivi Ue più severi ma servono punti di ricarica e stazioni

Secondo l'Associazione europea dei produttori di automobili ACEA, la revisione del regolamento sulle emissioni di CO2 per le autovetture e i furgoni, ora sul tavolo dell'Ue,  dovrà...

2021 Anno europeo delle ferrovie: verso la realizzazione dello Spazio unico europeo

Il 2021 è l'“Anno europeo delle ferrovie” (European Year of Rail 2021). L'iniziativa parte da Bruxelles per accendere i riflettori su una delle modalità di...

Patenti: ecco tutte le novità in arrivo dalla Ue

L'ETSC (European Transport Safety Council - Consiglio Europeo per la Sicurezza dei Trasporti) ha presentato uno studio che evidenzia le criticità normative nell'ordinamento dell'U...

Turismo, Federagenti: parametri standard per salvare l'estate 2021

Gli agenti marittimi lanciano un allarme: l'isolamento, soprattutto delle isole, indotto dalle misure di contenimento anti Covid-19 rischia di compromettere del tutto la stagione...

Brennero, limitazioni alla circolazione: incontro tra Fai-Conftrasporto e Goetze (Commissione Ue)

Le difficoltà di transito lungo l’asse del Brennero sono state al centro di un recente incontro tra Fai-Conftrasporto e il capo di Gabinetto della Commissaria ai Trasporti della...

Pacchetto mobilità Ue: il ministero dell’Interno fornisce chiarimenti sulla riforma

Arrivano chiarimenti sul nuovo Pacchetto Mobilità dell’Ue. Il ministero dell’Interno ha pubblicato una circolare interpretativa che illustra le novità introdotte dalla...

Sostenibilità: carbon neutrality entro il 2050, 9 Paesi chiedono all'Ue di eliminare i motori a combustione interna

Fissare un cronoprogramma per l'eliminazione graduale della vendita di nuove autovetture e veicoli commerciali leggeri con motori a combustione interna in linea con l'obiettivo di una carbon...

Test Covid-19: chiarimenti per gli autotrasportatori in uscita da Regno Unito e Irlanda

Novità sui test Covid-19 per gli autotrasportatori che viaggiano in Europa uscendo dal Regno Unito e attraversando la Francia.Sono esentati dal test Covid-19 gli autisti professionisti al...