Dl Rilancio: Confitarma, delusione per la norma che impedisce l'autoproduzione

CONDIVIDI

venerdì 10 luglio 2020

Confitarma ha espresso delusione per l’inserimento nel Disegno di legge di conversione del Decreto Rilancio, approvato il 9 luglio dalla Camera dei deputati, della norma che impedirà agli armatori svolgere le operazioni portuali in autoproduzione.
“Fin dalla prima formulazione dell’emendamento – afferma Mario Mattioli, presidente Confitarma - abbiamo fatto presente, in tutte le sedi, che la modifica dell’articolo 16 della legge n. 84 del 1994 rappresenta un passo indietro di trent’anni per la portualità italiana”.
Il diritto all’autoproduzione delle operazioni portuali da parte degli armatori è stato riconosciuto più volte sia dall’Antitrust nazionale che dalla Corte di Giustizia europea,
(quest’ultima emanò una sentenza già nel 1991).

“Negare ai vettori marittimi questo diritto rappresenta una violazione del principio di libera concorrenza. Non solo – prosegue Mattioli - nonostante l’emendamento e la proclamazione di uno sciopero nazionale marittimo-portuale, abbiamo manifestato, sia ai parlamentari sia alle Organizzazioni sindacali, l’immediata disponibilità ad un confronto su tale delicato tema - che nulla hanno a che vedere con la decretazione di urgenza per l’emergenza sanitaria che il Paese sta affrontando - al fine di trovare soluzioni condivise, senza forzature politiche”.

"A nulla sono valsi anche i pareri contrari del Governo, della Ragioneria Generale dello Stato e del Ministero delle Finanze che si fondano sulle stesse motivazioni di Confitarma e nei quali si ravvisa anche il rischio di una procedura di infrazione comunitaria con un conseguente danno erariale", spiega l'associazione.

“Invece, la determinazione ad approvare una norma così controversa e divisiva è stata più forte di ogni razionalità – sottolinea il presidente Mattioli - Durante questa emergenza sanitaria avremmo voluto vedere le Istituzioni dedicarsi con la stessa intensità e lo stesso coinvolgimento su altri temi che affliggono il trasporto marittimo come, ad esempio, la grande difficoltà nell’avvicendamento degli equipaggi italiani in tutto il mondo, anziché affossare l’autoproduzione!. Mi spiace invece dover rilevare che, a fronte del forte contributo che il settore marittimo in questi mesi ha dato al Paese, non solo al momento abbiamo ricevuto poco, per non dire nulla, visto che nessuna delle nostre richieste è stata ancora accolta, ma non avremmo mai immaginato che addirittura ci sarebbe stato tolto un diritto ormai acquisito da anni”.

“Ora la nostra speranza è rivolta al Senato anche se è difficile pensare che ci siano i tempi per cambiare ancora tale disposizione Di certo – conclude Mario Mattioli - se la modifica all’articolo 16 della legge 84/1994 diverrà norma dello Stato, Confitarma continuerà la sua battaglia per dimostrare che si sta prendendo un grosso abbaglio. 

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Piano nazionale di ripresa: Assarmatori contro il taglio dei fondi per la flotta delle navi traghetto

"Un errore fatale perché viene sprecata un’occasione storica di rinnovare la flotta italiana di navi traghetto, di renderla efficace ed efficiente rispetto alle esigenze di rilancio...

Assarmatori-Confitarma: firmato accordo di rinnovo CCNL del settore marittimo

Confitarma, Assarmatori, Assorimorchiatori e Federimorchiatori hanno sottoscritto oggi a Roma con Filt-CGIL, Fit-CISL e Uiltrasporti l’accordo per il rinnovo di tutte le sezioni del contratto...

Confitarma: Mattioli confermato presidente

Mario Mattioli è stato confermato presidente di Confitarma, la Confederazione Italiana Armatori. “Ringrazio gli amici e colleghi per la rinnovata fiducia nel mio operato - ha affermato...

Economia del mare: Confitarma chiede una cabina di regia e sinergia tra tutti gli attori

“Occorre prendere coscienza del fatto che il mare per noi è fondamentale. Purtroppo  abbiamo perso terreno nei confronti dell'estero". Lo ha detto Mario Mattioli, presidente di...

Firmato contratto di affidamento per la realizzazione dell’ Hub Portuale di Ravenna

Firmato questa mattina il contratto di affidamento per la realizzazione del Progetto “Hub Portuale di Ravenna”. Il compito di avviare l’opera, strategica per il territorio in...

Contship Italia presenta gli obiettivi al 2024: impegno strategico per La Spezia Container Terminal

Incrementare, entro il 2024, l’offerta verso i vettori globali con oltre 1,8 milioni di TEU di nuova capacità di movimentazione nei propri terminal gateway e di transhipment.Raggiunger...

Naples Shipping Week: presentato il 7° Rapporto Italian Maritime Economy, al centro l'impatto del Covid-19

Gli impatti della pandemia Covid-19 sul nostro sistema logistico-marittimo. Questo il focus del Settimo Rapporto Annuale “Italian Maritime Economy” che Srm, il Centro Studi collegato al...

GNV: due nuove unità per potenziare il comparto merci per la Sicilia

GNV potenzierà le linee da e per la Sicilia grazie al noleggio delle due navi Forza e Tenacia che entreranno a far parte della flotta della compagnia a partire dal 15 ottobre. Le due...