Uniport: valutare meglio i tempi di adozione delle misure Fit for 55 per non vanificare gli effetti positivi del PNRR

CONDIVIDI

martedì 8 febbraio 2022

“Le misure oggi previste nel Fit for 55 rischiano di vanificare i positivi effetti generati dagli investimenti del PNRR e del Fondo Complementare sugli hub portuali del Paese, causando ricadute negative dal punto di vista economico e sociale”.

Questo l’allarme lanciato da Fise Uniport (l’Associazione che rappresenta tutte le imprese che operano in ambito portuale) nel corso del ciclo di audizioni presso il Dipartimento Politiche Europee della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Al centro dell’audizione il pacchetto di proposte adottato lo scorso luglio dall’Ue per ridurre le emissioni nette di gas a effetto serra di almeno il 55 % entro il 2030.

“La riduzione dell'impatto ambientale dello shipping – ha sottolineato il segretario generale di Fise Uniport, Giuseppe Rizzi – non deve passare da una limitazione dei trasporti via mare che anzi, considerato l'indiscusso minore impatto rispetto alle altre modalità di trasporto, devono essere promossi e incoraggiati”.

In particolare Rizzi ha spiegato come la penalizzazione del trasporto marittimo si tradurrebbe in una penalizzazione di tutte le attività del cluster portuale, con un aumento dei costi per tutti i servizi, e conseguenti ricadute negative che renderebbero insostenibile il processo di transizione energetica.

“Per questo motivo – ha concluso – suggeriamo una migliore valutazione dei tempi di adozione delle misure oggi previste nel piano”.

 

I rischi per il settore portuale e logistico italiano

In particolare l’Associazione ha evidenziato come gli aumenti dei costi del carburante per le grandi navi, dovuti all’eliminazione dell'esenzione di pagamento delle accise sui carburanti marini e il pagamento dei certificati ETS per le compagnie marittime comporterebbero una serie di effetti dannosi per il settore portuale e logistico nazionale, con ricadute negative dal punto di vista economico e sociale.

In primis, le grandi navi per trasporto container che oggi approdano nei porti di transhipment italiani, si sposterebbero rapidamente nei porti del Mediterraneo dislocati in Nord Africa, con conseguenti perdite di traffico per il sistema portuale nazionale. L’intera catena logistica nazionale rischia di subire incremento dei costi oltre che perdite di traffico.

Infine si verificherebbe l’aumento dei costi delle tariffe di trasporto, soprattutto per i segmenti Ro-pax e Ro-Ro. Considerata la conformazione del nostro Paese, caratterizzato da una forte insularità: sulle isole abita oltre il 10% della popolazione italiana che dipende, quasi esclusivamente, dal traffico marittimo per ogni tipo di rifornimento di merci e materie prime, oltre a rappresentare la condizione sine qua non per l'industria turistica locale.

Tag: trasporto marittimo, container, costo gasolio

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assarmatori: modal shift a rischio in caso di tempi e modalità diverse dell'ETS tra mare e strada

Appello di Assarmatori ai negoziatori UE in vista dell’accordo provvisorio di compromesso che dovrebbe essere raggiunto questa sera sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS...

La Puglia protagonista delle Autostrade del mare grazie a Gruppo Grimaldi

Avviare un confronto finalizzato a individuare punti di forza, criticità, potenzialità e strategie per favorire e accrescere l’attrattività e la competitività dei...

Traffico in crescita nei terminal italiani: pubblicata l’analisi economico-finanziaria di Fedespedi

Analizzare le performance economico-finanziarie realizzate lo scorso anno dalle società di gestione di 13 importanti terminal italiani, per restiuire la fotografia di un comparto che gioca un...

Navi green: prorogato il termine per la presentazione delle richieste di contributo

La decarbonizzazione e l’abbattimento delle emissioni sono ormai imprescindibili per tutte le modalità di trasporto nel percorso verso il raggiungimento degli stringenti obiettivi...

Porto di Ortona: 34mln di euro per ristrutturare e potenziare lo scalo

In arrivo 34 milioni di euro a favore dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale per il potenziamento del Porto di Ortona (Chieti). La somma di 4 milioni è stata...

Assiterminal: verso la digitalizzazione di aziende terminalistiche e portuali con il progetto Port digital&Innovation

L'associazione Assiterminal, in collaborazione con C.I.S.C.O, ha presentato il progetto “Port digital&Innovation”. La maturità digitale delle aziende terminalistiche e imprese...

Porto di Gioia Tauro: cresce la movimentazione dei container (+12%)

La movimentazione di container nel porto di Gioia Tauro è cresciuta del 12% nei primi nove mesi dell'anno, rispetto al corrispondente periodo dell'anno scorso. Prosegue quindi la fase positiva...

Trasporto marittimo: aggiudicati dalla Regione Sicilia i collegamenti con le isole minori

Aggiudicati dalla Regione Sicilia per i prossimi cinque anni i collegamenti in aliscafo con le isole minori in regime di servizio pubblico con compensazione finanziaria, che saranno operati a partire...