Stefano Messina confermato presidente di Assarmatori: affrontare la transizione ecologica in modo ragionato e responsabile

CONDIVIDI

mercoledì 19 gennaio 2022

“La transizione ecologica, per il settore marittimo ma anche per tutto il mondo del trasporto e della logistica, rischia di essere solo un’operazione mediatica se gli obiettivi non saranno tarati sulle tecnologie effettivamente disponibili”.

Questo il punto centrale delle dichiarazioni rilasciate da Stefano Messina, presidente del Gruppo Messina e vice presidente esecutivo della Ignazio Messina & C., a margine della riconferma per altri quattro anni alla presidenza di Assarmatori. Il nuovo mandato gli è stato affidato all’unanimità dall’Assemblea privata dell’Associazione, che si è tenuta oggi a Roma.

Insieme a Messina è stato eletto anche il nuovo Consiglio Direttivo, che sarà composto dai due vicepresidenti, il confermato Achille Onorato e il nuovo eletto Vincenzo Romeo e da altri otto consiglieri: Stefano Beduschi, Gaudenzio Bonaldo Gregori, Matteo Catani, Franco Del Giudice, Luigi Merlo, Salvatore Ravenna, Pasquale Russo (tutti confermati) e la neo-eletta Maria Celeste Lauro. Infine, sempre all’unanimità è stato confermato anche il Collegio dei Probiviri, composto da Giuseppe Giacomini, Anna Ummarino e Salvatore Lauro e dai componenti supplenti Stefano Beduschi e Franco Del Giudice.

La grande sfida della transizione ecologica non sia solo un’operazione mediatica

“Quella della transizione ecologica – ha aggiunto Messina – è una grande sfida che richiede altrettanto grande serietà”, sottolineando che gli armatori, da anni impegnati a fondo per rispettare gli obbiettivi fissati dall’IMO nel percorso di decarbonizzazione del trasporto marittimo, condividono lo spirito dell’accelerazione impressa dall’Unione europea in questo percorso, ma chiedono che si affronti la questione in modo ragionato e responsabile, sostenendo in primo luogo la ricerca tecnologica per individuare le soluzioni energetiche attivabili nel comparto, e avviare nei tempi più stretti la conseguente produzione su larga scala delle quantità di carburanti puliti necessarie per l’industria di settore e la relativa costruzione di infrastrutture di distribuzione e stoccaggio degli stessi, incentivando parallelamente il rinnovo delle flotte o il loro adeguamento all’uso dei nuovi fuel ecologici.

“Fissare gli obiettivi senza tenere conto delle tecnologie disponibili – ha dichiarato Messina – è solo un’operazione mediatica. E stabilire penalizzazioni fiscali in assenza di alternative all’uso dei carburanti fossili, servirebbe solo ad alzare i costi del trasporto, senza alcuna contropartita per la collettività e per l’ambiente”.

Gli obiettivi per i prossimi quattro anni

Ringraziando gli associati per la fiducia accordatagli, Messina ha elencato gli obiettivi che caratterizzeranno questo nuovo mandato.

In primo luogo, mettere in sicurezza e fare applicare nella sua interezza il nuovo regime di aiuti alle imprese marittime approvato dall’Unione europea nel giugno 2020. Va infatti completato l’iter legislativo e regolamentare del nuovo regime, che aggiorna la normativa un tempo legata al solo Registro Internazionale e oggi allargata alle bandiere della Ue. “Una grande occasione che, se si saprà cogliere a pieno – ha sottolineato Messina – servirà a rilanciare l’occupazione marittima italiana (e non solo) che rimane uno degli obiettivi principali della nostra organizzazione”.

Un altro impegno assunto dal Presidente di Assarmatori e dal nuovo Consiglio è sollecitare Governo, Parlamento e Istituzioni affinché si ponga mano alla “necessaria e non più differibile” opera di semplificazione e sfoltimento delle varie burocrazie che tolgono competitività al sistema marittimo italiano, per finire con il “ridondante e talvolta vessatorio meccanismo delle certificazioni” che riguardano sia l’attività delle navi sia quella degli stessi marittimi. “Per un sistema sicuro e competitivo – ha concluso Messina – servono poche regole e controlli efficienti”.

Tag: AssArmatori, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Nuovo consiglio direttivo per Wista Italy: Costanza Musso alla guida dell'associazione delle professioniste dello shipping

A margine della Naples Shipping Week, Wista Italy ha eletto il nuovo consiglio direttivo. Confermate Costanza Musso, Gabriella Reccia, Barbara Pozzolo mentre entrano Lucia Nappi e...

Assarmatori: prevedere esenzione dall’ETS per i collegamenti insulari e le Autostrade del Mare

Nei giorni in cui le forze politiche uscite vittoriose dall’ultima tornata elettorale stanno lavorando alla composizione del nuovo esecutivo che riceverà il testimone dal Governo Draghi...

I porti risorsa per l’economia e la transizione ecologica: il ministro Giovannini alla Conferenza delle Autorità Portuali

“Con Assoporti e con le Autorità di Sistema Portuale abbiamo avviato una forte collaborazione perché i porti sono una risorsa per l’economia del Paese e possono contribuire...

Porto di Vado Ligure: avviati test sull’impianto di accumulo di energia elettrica

In un momento storico in cui i prezzi dell’energia sono in drammatica ascesa, poter disporre di un impianto di accumulo di energia elettrica per un porto significa poter dare concretezza a...

Per una settimana Napoli capitale del trasporto marittimo

Una settimana di eventi, networking, approfondimento e confronto per la comunità marittima sulle novità in ambito shipping, logistica e innovazione tecnologica. Dal 26 settembre al...

Assicurare i commerci rispettando le specie marine: Msc modifica le rotte

Le compagnie di navigazione stanno intensificando il loro impegno per ridurre sempre di più l’impatto ambientale delle loro operazioni, sia in termini di emissioni nocive e di...

Riciclo dei rifiuti: ecco cosa stanno facendo i porti

Promuovere iniziative volte allo sviluppo dell’economia circolare, nel contesto delle misure del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), in particolare la Misura 2 - Rivoluzione Verde e...

Porto di Gioia Tauro: nuova asta ferroviaria per il caricamento delle autovetture Stellantis

Passo avanti del porto di Gioia Tauro verso il compimento della piena intermodalità e l’incremento dei trasporti internazionali, in un comparto altamente strategico e significativo come...