Sicurezza, sostenibilità e digitalizzazione: il progetto INTESA per l’efficienza dei trasporti nel Mare Adriatico

CONDIVIDI

giovedì 16 dicembre 2021

Le best practice mirate a migliorare la sicurezza marittima, la sostenibilità ambientale e la digitalizzazione del trasporto nel Mar Adriatico sono state al centro dell’incontro "Information Technology for Safety: synergies on National Single Windows integration for the Adriatic and Ionian Sea". Incontro svoltosi nell’ambito dell’evento nazionale del Progetto INTESA “Improving Maritime Transport Efficiency and Safety in the Adriatic", organizzato da RAM Logistica, Infrastrutture e Trasporti Spa, in collaborazione con il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto.

Rendere più efficienti e sicuri i trasporti tra le due sponde dell’Adriatico

Entro giugno 2022 il progetto INTESA potrà fare affidamento su un budget di quasi 2,9 milioni di euro per rendere più efficiente e sicuro il trasporto marittimo tra le due sponde dell’Adriatico, di rilevanza anche per la Strategia EUSAIR, che vede RAM al fianco del MIMS per la sua attuazione.

I 12 partner sono enti amministrativi e autorità portuali italiane e croate che, sotto il coordinamento dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Settentrionale, hanno avviato una serie di azioni pilota prevalentemente concentrati su processi dell’Information Technology (IT) per lo scambio di informazioni tra Port Community Systems (PCS) nella macroregione Adriatico-Ionica.

“La digitalizzazione e le soluzioni innovative sono elementi fondamentali per un sistema logistico efficiente – spiega Francesco Benevolo, direttore operativo di RAM –. In particolare, grazie alle attività svolte nel progetto Intesa, gli elementi legati alla digitalizzazione si sono rivelati elementi chiave per lo sviluppo intermodale. Come RAM ci siamo concentrati sul un’analisi focalizzata sulle tecnologie disponibili rispetto ai bisogni logistici dei porti dell’Adriatico. Tra le migliori tecnologie abbiamo individuato, in particolare, Slot Booking, Digital Twin e Block Chain”.

A beneficiare delle azioni implementate dal progetto saranno non solo i porti ma anche le compagnie di navigazione, le autorità doganali e tutto il reparto della logistica, compreso il settore intermodale.

Al Progetto INTESA partecipano, oltre RAM e il CGCCP, le AdSP del Mar Adriatico (Venezia - in qualità di Lead Partner, Trieste, Ravenna, Ancona e Bari) il Ministero del Mare, dei Trasporti e delle Infrastrutture della Croazia, i porti di Ploce e Spalato e il Centro meteorologico e idrico della Croazia.

 

 

Tag: trasporto marittimo, autorità portuale

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti dell’Adriatico meridionale: nel primo semestre 2022 merci in aumento rispetto ai numeri pre-pandemia

I porti del Sistema dell’Adriatico meridionale chiudono il primo semestre del 2022 confermando e consolidando la performance positiva già delineatasi all’inizio dell’anno e...

Porti del Mare Adriatico centrale: approvato il Piano operativo 2022-2024

Sicurezza sui luoghi di lavoro e controllo portuale; efficientamento energetico, cold-ironing e gestione dei rifiuti portuali; attività di dragaggio necessarie a promuovere lo sviluppo degli...

Porti di Ancona e Ortona: traffico merci in crescita nei primi sei mesi dell’anno

“Questi dati confermano come i principali porti di Marche e Abruzzo siano protagonisti e a servizio della realtà economica e sociale di entrambi le regioni, con ricadute positive sia...

Trasporto marittimo Reggio-Calabria Messina: bando di gara da oltre 35 milioni

C’è tempo fino all’8 settembre 2022 per partecipare al bando di gara da oltre 35 milioni di euro – gestito da Invitalia per conto del ministero delle Infrastrutture e della...

Assarmatori: il trasporto marittimo ha bisogno di decisioni, non di una crisi di governo

Evitare gli impatti potenzialmente devastanti che il trasporto marittimo italiano accuserebbe dal combinato disposto delle norme dettate dall’IMO e dal pacchetto Fit for 55 dell’Unione...

Federazione del Mare: gli operatori marittimi hanno bisogno di una governance unica e forte

Gli operatori dell’economia del mare hanno l'esigenza di fare riferimento a una governance unica e forte. La richiesta è stata ribadita dal presidente Mario Mattioli in apertura dei...

Sportello unico per le dogane: Commissione Mercato Interno del Parlamento UE approva l'accordo

Le imprese e gli operatori commerciali potranno fornire i dati doganali e non doganali necessari per lo sdoganamento delle merci e completare le formalità in un unico portale in un determinato...

Annual Meeting 2022 Assarmatori: necessarie decisioni e non aperture di crisi

"L’attuazione del PNRR e la ripresa economica richiedono decisioni e non aperture di crisi: il mondo armatoriale chiede uno sforzo a tutte le controparti istituzionali per superare ogni impasse...