Seafuture 2021: Confitarma, trasporto marittimo ruolo cruciale nel Green Deal europeo

CONDIVIDI

giovedì 30 settembre 2021

“Green e digitale sono le parole chiave che guidano e definiscono gli orientamenti per gli investimenti dell'UE in ricerca e innovazione nei prossimi anni. Il successo del Green Deal europeo dipende dalla nostra capacità di rendere l'intero sistema dei trasporti sicuro, resiliente e sostenibile. In questo contesto, il trasporto marittimo gioca un ruolo fondamentale per l'Ue garantendo l'approvvigionamento di beni essenziali per la vita quotidiana dei cittadini”.
Lo ha affermato Mario Mattioli, Presidente Confitarma, nel “Panel Driving the change in shipping & logistics: the Eu funding opportunities in the programming period 2021 – 2027", organizzato a La Spezia nell’ambito di Seafuture 2021.

“Ecco perché – ha proseguito il Presidente di Confitarma - anche nel campo della ricerca e dell'innovazione dell'UE, una strategia orientata al mare è indispensabile per affrontare con successo le nuove sfide”.
Mattioli ha spiegato che il trasporto marittimo è la modalità più sostenibile per unità di merci trasportate, considerando l’aumento costante del commercio marittimo. E lo shipping è un settore hard to abate ed è per questo che, "nonostante l'industria marittima sia fortemente impegnata nello sviluppo di nuove tecnologie verdi, c’è bisogno di tempo per attuare la transizione ecologica che richiede investimenti significativi nella ricerca e nell'innovazione che solo i finanziamenti dell'UE possono fornire".

Digitale: l’impegno delle compagnie di navigazione

Non meno importante l’impegno delle compagnie di navigazione per la trasformazione digitale per rendere più efficiente l’intero sistema dei trasporti. “Allo stesso tempo, però sappiamo che la digitalizzazione richiede livelli più elevati di sicurezza, protezione e affidabilità di tutti i mezzi di trasporto per migliorare la competitività globale dell'UE. E
in questo contesto la cyber security rappresenta uno strumento essenziale per garantire elevate performance digitali”.

E questo è particolarmente vero per l'ambiente marittimo poiché sia le navi che i porti sono potenziali veicoli per attacchi informatici. Dove c'è un flusso di dati, c'è un rischio concreto di una minaccia informatica.

“Ecco perché la transizione digitale deve essere accompagnata da una strategia di cyber security che, ancora una volta, non può fare a meno degli investimenti in ricerca e innovazione”.


“Gli investimenti in ricerca e innovazione sono i fattori determinanti che guidano il cambiamento nello shipping e nella logistica – ha concluso Mario Mattioli - la nuova programmazione UE 2021-2027 può certamente rappresentare una preziosa opportunità per valorizzare la posizione dell'industria marittima nello scenario europeo e mondiale”

Tag: trasporto marittimo, blue economy

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Bari: via al bando di gara per la realizzazione del nuovo terminal passeggeri

Un nuovo terminal moderno e funzionale che si svilupperà su una superficie di circa 3.000 mq. La caratteristica principale dell’edificio sarà la sua polifunzionalità: oltre...

Al porto di Civitavecchia la nave portacontainer più lunga mai ormeggiata

Continua il processo di sviluppo e ampliamento dei traffici nel porto di Civitavecchia, che punta a crescere ulteriormente tra i più importanti scali del Mediterraneo, oltre che per le...

Governance, riforme e semplificazioni: Confindustria presenta Progetto Mare

L’Economia del Mare è un comparto sul quale è più che mai necessario elaborare una strategia complessiva e specifica, valorizzandone le singole e già rilevanti...

Porti dell’Adriatico centrale: traffico merci in aumento rispetto ai numeri pre Covid

Dati più che positivi i per il traffico merci dei porti di Ancona e Ortona nel primo trimestre 2022, che registrano una netta crescita anche rispetto al periodo precedente alla pandemia....

Approvata la legge Salvamare: i pescatori potranno portare a terra la plastica recuperata con le reti

Giornata storica per il mare: Marevivo e Federazione del Mare, insieme ad Assonave, Assoporti, Confindustria Nautica, Confitarma, Federpesca, Lega Navale, Lega Italiana Vela, Stazione Zoologica Anton...

Ucraina: 500 marittimi bloccati a bordo delle navi nei porti nel Mar Nero e nel Mar d'Azov

500 marittimi sono ancora a bordo di 109 navi bloccate nei porti ucraini o nei mari vicini. Lo ha reso noto l’ICS – International Chamber of Shipping che chiede la conservazione dei...

Vado Ligure: operativa la seconda aerea di scambio del nuovo Container Terminal

A disposizione degli autotrasportatori 17 nuove postazioni e una “flotta” di gru di piazzale che operano in modo autonomo e sono supervisionate “in remoto” da operatori...

Porti di Spezia e Marina di Carrara: inizio d'anno con numeri in crescita

Nel primo trimestre 2022 nei porti della Spezia e Marina di Carrara sono state movimentate più di 4,3 milioni di tonnellate di merci. In particolare il porto toscano si conferma in forte...