Porto di Vasto: al lavoro per operazioni internazionali sempre più ambiziose e spedizioni eccezionali

CONDIVIDI

giovedì 3 febbraio 2022

Il porto di Vasto lavora per accogliere traffici sempre più ambiziosi, grazie a un’infrastruttura proiettata verso nuovi e importanti traguardi che con l’ampliamento del bacino, previsto dal piano regolatore già approvato, consentirà – con l’aumento dei fondali e degli ormeggi – di garantire gli approvvigionamenti necessari alle industrie del polo di Atessa (CH), che oggi ricevono le materie prime da porti molto distanti, quindi con costi elevati di trasporto.

La crescita del porto abruzzese è frutto di un lavoro sinergico tra gli operatori portuali, che stanno investendo in attrezzature all'avanguardia, e l’Autorità Marittima di Vasto, che supervisionando sulla sicurezza delle operazioni e assicurando una corretta gestione dei traffici, ne sta garantendo efficacemente lo sviluppo.

In particolare operatori e Autorità sottolineano come l'inizio del nuovo anno segni per il porto di Vasto un passaggio importante nel settore project cargo.

Torri eoliche verso il Marocco

Partita ieri dal bacino portuale vastese l’ultima spedizione via mare di 14 torri eoliche, parte di una commessa di 64 sezioni destinate in Marocco, al Porto di Laayoune.

Le imponenti sezioni eoliche – le più lunghe della misura di 26 metri – sono state trasportate dall’industria di fabbricazione sita a Mozzagrogna (CH) fino allo scalo vastese esclusivamente nelle ore notturne, depositate temporaneamente all’interno dell’area portuale in attesa dell’imbarco sulla nave.

Con operazioni di questo genere il bacino abruzzese si accredita a gestire in maniera continua progetti internazionali e spedizioni complesse.

Uno sbarco eccezionale con l’utilizzo di gru banchina

Sempre nelle scorse settimane, nel porto di Vasto sono stati sbarcati da una General Cargo, la Mn Mont Blanc A battente bandiera moldava, 8 colli eccezionali del peso complessivo di 538,5 ton: si è trattato nello specifico di parti di pressa meccanica imbarcati nel Porto di Bilbao (Spagna) e destinati a una industria locale di Atessa.

Per sbarcare i due pezzi più pesanti, rispettivamente del peso di 140 e 160 ton, è stata necessaria tutta l’esperienza di squadre di operatori specializzati per l’impiego delle due più potenti gru presenti nel porto.

Come sottolineato dalle imprese che hanno gestito le operazioni, si è trattato di uno sbarco eccezionale, che ha stabilito un record nella storia dei project cargo nel Porto di Vasto, in quanto operazione senza precedenti con l'utilizzo di gru di banchina.

 

Tag: trasporti eccezionali, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti sardi: riallineamento dei traffici al pre-covid nonostante la crisi economica

I numeri registrati nel 2022 dagli otto porti di competenza dell'AdSP del Mare di Sardegna mostrano un totale riallineamento, e in alcuni casi una crescita rispetto al 2019. A partire dai traffici...

Decreto rinnovo flotta mercantile: Confitarma chiede di non disperdere risorse non assegnate

“Grazie al prezioso lavoro e alla dedizione della nostra Amministrazione, in primis della Direzione Generale competente, è stata portata a termine la prima fase di attuazione di questo...

Nuova linea container tra Venezia e il Far East

Inaugurata una nuova tratta di collegamento tra Venezia e il Far East. Al porto di Venezia, presso il terminal Psa Venice Vecon, è giunta la MV Rijnborg, nave portacontainer di 176...

Assiterminal chiude il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati

Il Gruppo Midolini, Alkion di Vado Ligure e Gruppo Amoruso di Salerno entrano in Assiterminal. L'associazione chiude così il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati: imprese...

Zone franche, energia, reshoring: Monti lancia l’appello per la Sicilia hub d’Europa

“Per la prima volta forse dal dopoguerra a oggi la Sicilia ha la possibilità di diventare il centro effettivo non solo del Mediterraneo ma anche di un’Europa che dovrà...

Fast corridor Gioia Tauro-Padova: terminato l'iter per la realizzazione del corridoio ferroviario veloce per le merci

Il nuovo Fast corridor Gioia Tauro-Padova consentirà il trasporto rapido delle merci, su rotaia, dall'hub portuale calabrese all'interporto veneto e, da lì, di raggiungere...

Italia e Grecia sempre più vicine: Grimaldi e Gruppo Smet potenziano i collegamenti marittimi dalla Puglia

Grimaldi Group e il Gruppo Smet uniscono le forze per potenziare due linee fondamentali per il turismo e il trasporto merci intermodale tra la Puglia e la Grecia. Una strategia che lavora nell'ottica...

Assologistica e Assiterminal: un accordo per efficientare il sistema portuale

Assologistica e Assiterminal rappresentano componenti fondamentali della catena del valore e concordano sulla necessità di sviluppare sinergie in grado di efficientare il sistema portuale...