Porto di Trieste: il Ro-Ro cresce del 7% sul 2019, flessione dei contenitori (-2%)

CONDIVIDI

venerdì 12 febbraio 2021

L’impatto del Covid-19 sull’attività del porto di Trieste nel corso del 2020 è stato contenuto per alcuni settori fondamentali che hanno saputo resistere, dando anche qualche segnale di ripresa. Ma la pandemia ha causato effetti molto negativi sui traffici internazionali. 
 
Il comparto più dinamico e vitale dell’anno appena concluso si è rivelato il Ro-Ro che cresce del 7% sul 2019, grazie al consolidamento dei risultati positivi dell’ultimo trimestre del 2020 toccando le 243.500 unità transitate. E nel singolo mese di dicembre, vira ulteriormente al rialzo, registrando un aumento a doppia cifra (+25%).
 
Minima, tenendo in considerazione la crisi in corso, la flessione dei contenitori, (-2%) con 776.000 TEU movimentati, riconducibile al decremento del traffico TEU sui traghetti Ro-Ro da/per la Turchia e non a quello di lunga percorrenza con il Far East. Infatti, il terminal container del molo VII con 692.800 TEU, ha retto molto bene la crisi, attestandosi sui valori raggiunti nel 2019, senza riportare alcuna perdita.

Superati i 54.000.000 di tonnellate di merce

Guardando invece alla movimentazione complessiva del porto, sono stati superati i 54.000.000 di tonnellate di merce, con un ribasso del 13% su base annuale, che si traduce in quasi 8.000.000 di tonnellate in meno rispetto all’anno precedente. La contrazione è da ascriversi alla performance negativa delle rinfuse liquide (-13%) con 37.570.000 tonnellate movimentate, corrispondente a circa il 73% del calo dei volumi totali.
 
Fortemente colpito il segmento delle rinfuse solide (-70%), mentre decisamente più moderato  l’arretramento delle merci varie (-5% ), che nel mese di dicembre, in controtendenza, tornano a crescere (+3%). Se da un lato i valori delle merci varie e soprattutto delle rinfuse liquide, a cominciare dal petrolio, sono dovuti al crollo della domanda iniziata con il Covid, per le rinfuse solide il risultato è causato dal calo generalizzato dei prodotti metallurgici, minerali e del carbone, in seguito alla chiusura dell’impianto siderurgico triestino della Ferriera di Servola.

 

Movimentazione merci su ferro

Per quanto riguarda la movimentazione ferroviaria, nel 2020 lo scalo giuliano ha operato 8.000 treni (-17%). Anche in questo caso non ha pesato la pandemia, ma il ridimensionamento  della lavorazione dei treni alla Siderurgica Triestina. Senza di questi, la perdita complessiva del traffico ferroviario nel comprensorio portuale, sarebbe stata assai più contenuta (-8%).
 

Il commento di Zeno D’Agostino

“Nonostante la congiuntura, i dati ci restituiscono un’idea di un porto in salute e la curva di traffico si è un po’ rialzata a fine anno per alcuni settori, ma bisognerà attendere ancora, per tornare ai numeri dalla fase pre-Covid - commenta Zeno D’Agostino -. Se misuriamo il sistema sul valore prodotto per il territorio e non solo sui numeri statistici, va rilevato che quest’anno il porto ha fatto passi da gigante. Non solo ha continuato a  lavorare durante il lockdown, ma ha visto grandi trasformazioni e nuovi investimenti internazionali”.

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porti: quali prospettive di ripresa per il traffico delle merci?

Confermate le stime di perdita già anticipate nei mesi scorsi per il traffico delle merci nei porti italiani. A pesare sui risultati, la contrazione della produzione, della domanda e degli...

In Tirolo alto rischio Covid: quali conseguenze per trasporti, export italiano e mercato comune?

Il Tirolo è stato classificato quale “zona ad altissimo rischio Covid”. In seguito a ciò, il lavoro degli autotrasportatori italiani che devono arrivare in Germani...

Ue e pandemia: quali misure per l'autotrasporto?

L'Ue è al lavoro con i provvedimenti a sostegno dell’economia degli Stati membri e con le misure per limitare gli spostamenti, a causa della pandemia. L’Europarlamento ha approvato...

Trasporti Europa-Asia: Geodis noleggia una nave portacontainer

Geodis potenzia il servizio per far fronte alla carenza di capacità dei container nel commercio Asia-Europa. L'azienda, attraverso il noleggio di una nave portacontainer, offre ai propri...

Logistica: è nata la Carta di Padova, un patto per una rete sostenibile e competitiva

Nei mesi scorsi, un gruppo di attori che opera nella logistica, insieme con i rappresentanti del mondo della committenza e dei consumatori, ha sottoscritto la Carta di Padova, un documento per...

Autotrasporto: le misure per il comparto contenute nel Piano di Ripresa

Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza - la cui bozza è stata approvata dal Governo lo scorso 12 gennaio - sono inserite misure a favore dell'intermodalità marittima e ferroviari...

Brexit: conseguenze e nuove prospettive per l'autotrasporto

Con l'arrivo del 2021 finisce il periodo di transizione fra Unione europea e Regno Unito e comincia una nuova fase di rapporti commerciali in Europa. Una situazione che ha ripercussioni sulle...

Analisi Fedespedi: nella fase pre-Covid i terminal container italiani in crescita dell'1,4%

Nel 2019 i terminal italiani hanno registrato un aumento del traffico dell'1,4% rispetto al 2018. Il dato emerge dallo studio “I Terminal container in Italia: un’analisi...