Porto di Taranto: il traffico merci torna positivo ad aprile

CONDIVIDI

lunedì 20 giugno 2022

Dopo un primo trimestre negativo, torna a registrare valori positivi il traffico merci nel porto di Taranto. Il mese di aprile infatti si è chiuso con +51,8% rispetto allo stesso mese del 2021, pari a 579.676 tonnellate in più. Invece gennaio, febbraio e marzo scorsi hanno registrato rispettivamente, un calo del 31, 21 e 11% rispetto agli stessi mesi del 2021.

In questa prima fase del 2022 il porto di Taranto sembra aver imboccato una ripresa, a conferma del fatto che tutta l'area resta al centro di interessi imprenditoriali per nuovi investimenti.

Per insediarsi nella Zona economica speciale Ionica che fa capo a Puglia e Basilicata e ha il porto di Taranto come riferimento operativo, sono già state avanzate quattro proposte e tre manifestazioni di interesse.

"Le quattro domande di investimento per la ZES riguardano un'attività di logistica e l'Ecoindustrial Park, ovvero l'ex Distripark – spiega Sergio Prete, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ionio –. Abbiamo poi due impianti industriali di economia circolare. Le tre manifestazioni di interesse, invece, sono relative a due attività di logistica e ad una di cantieristica ma sono ancora in una fase embrionale".

L’Intesa per la promozione della ZES Ionica

Nei giorni scorsi il presidente Prete ha firmato un Protocollo con il commissario Floriana Gallucci, per mettere in campo azioni condivise per la promozione commerciale della ZES Ionica. Che ha una estensione complessiva di 2.579,41 ettari di cui 1.518,41 in Puglia.

Tra i progetti più significativi che si sono candidati per la ZES, c'è l'Eco Industrial Park, che comprende un hub logistico che si occuperà di gestione integrata della distribuzione delle merci attraverso tecnologie avanzate e un centro servizi e attività di natura turistico-ricettiva e terziaria.

 

 

Tag: porto di taranto, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Porto di Civitavecchia: partite 120 Maserati verso l’Oriente

Partito dal porto di Civitavecchia il primo viaggio con 120 auto Maserati trasportate su bisarche provevienti dallo stabilimento di Cassino e dirette in Oriente (Cina, Giappone e Australia le...

Norme IMO e Fit for 55: allarme per le conseguenze sui traghetti italiani in due studi di Assarmatori

Nel 2025 il 73% delle navi ro-ro e traghetti italiani risulteranno non ottemperanti alle nuove norme IMO sulle emissioni e quindi potenzialmente non più in grado di navigare. Un vero e proprio...

Porti: in arrivo 220 milioni di euro di contributi per impianti di liquefazione gas e trasporto Gnl

Arrivano contributi per 220 milioni di euro, finanziati dal Fondo Nazionale Complementare (Pnc), per la realizzazione di impianti di liquefazione di gas naturale, di punti di rifornimento nei porti...

Utili in crescita e bilanci positivi: i risultati delle compagnie di navigazione nell'indagine Fedespedi

Il 2021 è stato l’anno della ripresa dopo il difficile 2020 segnato dal Covid; il 2022 avrebbe dovuto essere l’anno della conferma della ripresa, ma lo scoppio del conflitto...

International Chamber of Shipping: Emanuele Grimaldi eletto presidente

L’Assemblea dell'International Chamber of Shipping (ICS) ha eletto Emanuele Grimaldi presidente dell'organizzazione che rappresenta a livello globale le associazioni armatoriali nazionali e...

Porto di Civitavecchia primo in Italia a consentire lo scarico del bitume ship to truck

Arrivata al porto di Civitavecchia la prima nave che scaricherà bitume direttamente sui camion, senza passare da depositi dedicati. Si tratta della Iver Ambassador, proveniente dalla Turchi...

Accessibilità e semplificazioni in area ZES: Intesa tra Autorità portuale del Mar Ionio e Commissario Straordinario del Governo

Individuare tecnologie digitali, semplificazioni operative e procedurali a favore degli operatori e delle imprese che beneficeranno dell’istituto della ZES, favorendo l'accessibilità...

Porto di Ravenna: merci in calo ad aprile ma volumi positivi nel primo quadrimestre 2022

Nonostante il calo a due cifre registrato nel mese di aprile, rimane positivo il risultato delle merci movimentate nel porto di Ravenna nei primi quattro mesi del 2022, ma iniziano a farsi sentire le...