Porto di Taranto: il traffico merci torna positivo ad aprile

CONDIVIDI

lunedì 20 giugno 2022

Dopo un primo trimestre negativo, torna a registrare valori positivi il traffico merci nel porto di Taranto. Il mese di aprile infatti si è chiuso con +51,8% rispetto allo stesso mese del 2021, pari a 579.676 tonnellate in più. Invece gennaio, febbraio e marzo scorsi hanno registrato rispettivamente, un calo del 31, 21 e 11% rispetto agli stessi mesi del 2021.

In questa prima fase del 2022 il porto di Taranto sembra aver imboccato una ripresa, a conferma del fatto che tutta l'area resta al centro di interessi imprenditoriali per nuovi investimenti.

Per insediarsi nella Zona economica speciale Ionica che fa capo a Puglia e Basilicata e ha il porto di Taranto come riferimento operativo, sono già state avanzate quattro proposte e tre manifestazioni di interesse.

"Le quattro domande di investimento per la ZES riguardano un'attività di logistica e l'Ecoindustrial Park, ovvero l'ex Distripark – spiega Sergio Prete, presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Ionio –. Abbiamo poi due impianti industriali di economia circolare. Le tre manifestazioni di interesse, invece, sono relative a due attività di logistica e ad una di cantieristica ma sono ancora in una fase embrionale".

L’Intesa per la promozione della ZES Ionica

Nei giorni scorsi il presidente Prete ha firmato un Protocollo con il commissario Floriana Gallucci, per mettere in campo azioni condivise per la promozione commerciale della ZES Ionica. Che ha una estensione complessiva di 2.579,41 ettari di cui 1.518,41 in Puglia.

Tra i progetti più significativi che si sono candidati per la ZES, c'è l'Eco Industrial Park, che comprende un hub logistico che si occuperà di gestione integrata della distribuzione delle merci attraverso tecnologie avanzate e un centro servizi e attività di natura turistico-ricettiva e terziaria.

 

 

Tag: porto di taranto, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Traffico in crescita nei terminal italiani: pubblicata l’analisi economico-finanziaria di Fedespedi

Analizzare le performance economico-finanziarie realizzate lo scorso anno dalle società di gestione di 13 importanti terminal italiani, per restiuire la fotografia di un comparto che gioca un...

Navi green: prorogato il termine per la presentazione delle richieste di contributo

La decarbonizzazione e l’abbattimento delle emissioni sono ormai imprescindibili per tutte le modalità di trasporto nel percorso verso il raggiungimento degli stringenti obiettivi...

Porto di Ortona: 34mln di euro per ristrutturare e potenziare lo scalo

In arrivo 34 milioni di euro a favore dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale per il potenziamento del Porto di Ortona (Chieti). La somma di 4 milioni è stata...

Assiterminal: verso la digitalizzazione di aziende terminalistiche e portuali con il progetto Port digital&Innovation

L'associazione Assiterminal, in collaborazione con C.I.S.C.O, ha presentato il progetto “Port digital&Innovation”. La maturità digitale delle aziende terminalistiche e imprese...

Trasporto marittimo: aggiudicati dalla Regione Sicilia i collegamenti con le isole minori

Aggiudicati dalla Regione Sicilia per i prossimi cinque anni i collegamenti in aliscafo con le isole minori in regime di servizio pubblico con compensazione finanziaria, che saranno operati a partire...

Porto di Taranto: la stagione delle crociere si chiude con oltre 100mila passeggeri

Con l’ultimo approdo del calendario 2022, il porto di Taranto ha chiuso nei giorni scorsi una stagione crocieristica contraddistinta da numeri importanti, frutto di un ottimo posizionamento...

Zeno d’Agostino nuovo presidente dell’Organismo europeo dei porti

Zeno d'Agostino è il nuovo presidente della European Sea Ports Organisation (Espo). Eletto all'unanimità dai rappresentanti dei 23 Paesi membri dell'Associazione nel corso...

Sviluppo della portualità e della logistica: dal Pnrr oltre 9 miliardi di investimenti

Gli investimenti previsti dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), dal Piano Nazionale Complementare (Pnc) e da risorse nazionali per lo sviluppo della portualità nel nostro Paese...