Porto di Livorno: traffico merci in calo nel primo trimestre 2022

CONDIVIDI

mercoledì 1 giugno 2022

Cominciano a farsi sentire sui dati dei traffici portuali del nostro Paese gli effetti della pesante crisi geopolitica legata al conflitto in Ucraina, ma anche alla carenza di materie prime e alla pesante contrazione della filiera e del mercato automotive.

Con oltre 7 milioni di tonnellate di merce movimentata tra gennaio e marzo di quest’anno il Porto di Livorno registra un calo del 17,2% rispetto al primo trimestre 2021. Anche il resto del sistema portuale del Mar Tirreno Centro settentrionale (Livorno-Piombino e i porti elbani), archivia un primo trimestre negativo, con una movimentazione generale di 9,5 milioni di tonnellate di merce, pari a -14,5% rispetto a quanto movimentato nei primi tre mesi del 2021.

 

In calo i prodotti petroliferi e i cereali

In particolare nel porto di Livorno la battuta di arresto, come spiegano dall'AdSP, è dovuta al "collasso” registrato nella movimentazione delle rinfuse liquide, i cui volumi si sono dimezzati rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, attestandosi a 928.877 tonnellate.

Si tratta di un risultato cui ha contribuito soprattutto la drastica riduzione sia dello sbarco di petrolio greggio (-98,9%) che dell'imbarco di prodotti raffinati (-92,8%).

"Un andamento – sottolinea l’AdSP – che è da imputare in parte alla crisi aziendale della raffineria Eni, in parte agli effetti della guerra in Ucraina".

Battuta d'arresto anche per il traffico delle rinfuse solide, che è diminuito del 24,5% nel trimestre, a 156.000 tonnellate di merce. Sull'andamento di questa tipologia di traffico ha inciso soprattutto il trend negativo registrato dai cereali (-96,3%) e in misura ridotta dai minerali (-14,4%).

 

Positivo il traffico container

Positivo, invece, l’andamento delle merci in container, caratterizzate da una crescita del 5,2% rispetto a gennaio-marzo 2021. L'aumento dei volumi è stato trainato soprattutto dalle ottime performance del traffico da e per l'hinterland, cresciuto del 22,5%. Non a caso, i container pieni sono aumentati complessivamente del 15,5% rispetto al primo trimestre dello scorso anno. In crescita sia l'import (+4,8%) che l'export (+22,7%).

Il traffico di trasbordo chiude il trimestre con un calo del 37,2%, rappresentando oggi il 17,3% del totale dei container movimentati. Lo scorso anno, il suo peso era pari al 28,9% del totale.

Buone notizie anche dal comparto dei prodotti forestali in break bulk. Il trimestre si è chiuso con un aumento del 13,7% sullo stesso periodo del 2021, con una movimentazione complessiva di 500mila tonnellate di merce.

Diminuiscono, invece, sia il traffico rotabile (-5,6% totalizzando 121 mila mezzi commerciali) che quello delle auto nuove (-18,2% con una movimentazione di 110 mila unità), che risentono anche della situazione di difficoltà in cui versa l'intero settore automotive.

Tag: porto di livorno, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assologistica e Assiterminal: un accordo per efficientare il sistema portuale

Assologistica e Assiterminal rappresentano componenti fondamentali della catena del valore e concordano sulla necessità di sviluppare sinergie in grado di efficientare il sistema portuale...

Porti della Calabria: tasse di ancoraggio ridotte per le navi commerciali

Abbattere il gap di concorrenza con i porti che operano nel circuito internazionale del Mediterraneo e mantenere il primato nazionale nel settore del transhipment. Con questi obiettivi...

Porti, aumento dei costi energetici e contrazione dei traffici: Assiterminal chiede l'intervento del Governo

Aumento costi energetici e indicizzazione dei canoni concessori demaniali, Assiterminal chiede l'intervento del Governo: "In arrivo la tempesta perfetta". Si sono svolti in questi giorni iniziative e...

Porti e crisi energetica: l'appello di Uniport in un incontro alla Camera

Misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti. L'appello di Uniport, l’associazione che rappresenta le imprese che operano in ambito portuale, è stato...

Assarmatori: modal shift a rischio in caso di tempi e modalità diverse dell'ETS tra mare e strada

Appello di Assarmatori ai negoziatori UE in vista dell’accordo provvisorio di compromesso che dovrebbe essere raggiunto questa sera sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS...

La Puglia protagonista delle Autostrade del mare grazie a Gruppo Grimaldi

Avviare un confronto finalizzato a individuare punti di forza, criticità, potenzialità e strategie per favorire e accrescere l’attrattività e la competitività dei...

Traffico in crescita nei terminal italiani: pubblicata l’analisi economico-finanziaria di Fedespedi

Analizzare le performance economico-finanziarie realizzate lo scorso anno dalle società di gestione di 13 importanti terminal italiani, per restiuire la fotografia di un comparto che gioca un...

Porto di Livorno: via alla digitalizzazione delle procedure doganali

Semplificare le procedure doganali e decongestionare il traffico all'interno del porto, compiendo un passo avanti nel percorso di digitalizzazione, che permetterà di ottimizzare ulteriormente...