Porti sardi: riallineamento dei traffici al pre-covid nonostante la crisi economica

CONDIVIDI

mercoledì 25 gennaio 2023

I numeri registrati nel 2022 dagli otto porti di competenza dell'AdSP del Mare di Sardegna mostrano un totale riallineamento, e in alcuni casi una crescita rispetto al 2019. A partire dai traffici passeggeri che, dalla somma dei volumi movimentati nei principali porti commerciali (Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golfo Aranci ed Arbatax), registrano un più 22 per cento rispetto al 2021 (anno di netta ripresa), con numeri prossimi ai 5 milioni di unità. In risalita anche il traffico delle rotte inferiori alle 20 miglia (Santa Teresa e Portovesme), che si attestano a poco meno di 826 mila passeggeri, per un più 21% sull'anno precedente.

Mercato delle crociere in forte crescita

Il mercato delle crociere ha chiuso il 2022 con un più 284,5% rispetto al 2021, raggiungendo quota 220 mila e 595 passeggeri, 152 mila dei quali nel porto di Cagliari. Questa crescita a tre cifre rappresenta un trend positivo per questo settore, nonostante la pesante crisi economica determinata dal conflitto russo-ucraino.

Analisi del settore portuale in Italia nel 2022

Il settore portuale in Italia nel 2022 ha visto una minima flessione rispetto all'anno precedente, nonostante la differenza del numero di scali sia stata ridotta a causa delle restrittive misure sanitarie per il contenimento del contagio. Tuttavia, il fattore riempimento nave è stato incisivo per tutta la prima metà dell'anno.

Il settore delle merci, in generale, ha chiuso il 2022 con 43.814.388 tonnellate (circa 31 milioni nel porto di Cagliari) e una lieve diminuzione rispetto al 2021 (poco meno di 100 mila tonnellate di differenza). In particolare, le rinfuse liquide (principalmente petrolio e raffinati) hanno registrato un aumento del 1,2% rispetto al 2021, mentre quelle solide (cereali, carbone e minerali) hanno registrato un aumento del 26%. Al contrario, le merci su gommato hanno registrato un calo del 11,4% (circa un milione e mezzo di tonnellate in meno), evidenziando un rallentamento degli approvvigionamenti dovuto all'attuale crisi mondiale determinata dal conflitto russo-ucraino.

Anche la movimentazione dei contenitori nel compendio del Porto Canale ha mostrato segnali positivi, con un incremento del 68% rispetto al 2021 e del 54,6% rispetto al 2019, dopo la revoca della concessione alla CICT.

Tag: trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Riforma dei porti italiani: il Viceministro Rixi annuncia l'apertura di un tavolo di studio

Il Viceministro al Mit Edoardo Rixi ha annunciato che l'Associazione dei Porti (Assoporti) sarà incaricata di aprire un tavolo di studio per la riforma dei porti italiani. La presentazione dei...

Mare: dall'Istituto Italiano di Navigazione la rotta per tutelare gli interessi nazionali

L'Istituto Italiano di Navigazione ha organizzato un importante incontro per discutere della sfida sempre attuale della protezione degli interessi e delle attività nazionali attraverso il...

Decreto rinnovo flotta mercantile: Confitarma chiede di non disperdere risorse non assegnate

“Grazie al prezioso lavoro e alla dedizione della nostra Amministrazione, in primis della Direzione Generale competente, è stata portata a termine la prima fase di attuazione di questo...

Nuova linea container tra Venezia e il Far East

Inaugurata una nuova tratta di collegamento tra Venezia e il Far East. Al porto di Venezia, presso il terminal Psa Venice Vecon, è giunta la MV Rijnborg, nave portacontainer di 176...

Assiterminal chiude il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati

Il Gruppo Midolini, Alkion di Vado Ligure e Gruppo Amoruso di Salerno entrano in Assiterminal. L'associazione chiude così il 2022 con un attivo di 83 operatori portuali associati: imprese...

Zone franche, energia, reshoring: Monti lancia l’appello per la Sicilia hub d’Europa

“Per la prima volta forse dal dopoguerra a oggi la Sicilia ha la possibilità di diventare il centro effettivo non solo del Mediterraneo ma anche di un’Europa che dovrà...

Fast corridor Gioia Tauro-Padova: terminato l'iter per la realizzazione del corridoio ferroviario veloce per le merci

Il nuovo Fast corridor Gioia Tauro-Padova consentirà il trasporto rapido delle merci, su rotaia, dall'hub portuale calabrese all'interporto veneto e, da lì, di raggiungere...

Italia e Grecia sempre più vicine: Grimaldi e Gruppo Smet potenziano i collegamenti marittimi dalla Puglia

Grimaldi Group e il Gruppo Smet uniscono le forze per potenziare due linee fondamentali per il turismo e il trasporto merci intermodale tra la Puglia e la Grecia. Una strategia che lavora nell'ottica...