Navi ro-ro da passeggeri: Ministri dei Trasporti Ue adottano posizione su rafforzamento dei requisiti di stabilità

CONDIVIDI

martedì 7 giugno 2022

I Ministri dei Trasporti dell’Unione Europea hanno adottato la posizione (orientamento generale) sulla proposta di introdurre requisiti di stabilità più rigorosi per le navi ro/ro da passeggeri.
Per quanto di natura altamente tecnica, la proposta – spiega il Consiglio in una nota – è importante per aumentare il livello di sicurezza di tali navi e quindi proteggere meglio i cittadini.

Le navi ro-ro da passeggeri operano infatti su numerose rotte marittime all'interno degli Stati membri, tra Stati membri e con Paesi terzi e hanno quindi grande importanza per la mobilità dei passeggeri e delle merci in Europa. Inoltre, la direttiva in corso di revisione è anche conseguenza diretta di uno dei più gravi incidenti marittimi verificatisi nelle acque europee, il naufragio della nave "Estonia".

Rafforzamento dei requisiti di sicurezza 

La proposta di modifica garantisce, per quanto possibile, la coerenza con le norme internazionali in materia di stabilità in condizioni di avaria per le navi da passeggeri, recentemente aggiornate dall'Organizzazione marittima internazionale (IMO) nella convenzione SOLAS 2020.

L'IMO introduce così un nuovo regime per valutare le possibilità di sopravvivenza delle navi ro/ro da passeggeri in condizioni di avaria e nuovi requisiti associati. Le nuove norme internazionali appaiono tuttavia insufficienti alla luce dei requisiti già in vigore nell'Unione per le nuove navi di piccole dimensioni, motivo per cui la proposta prevede il mantenimento di requisiti di sicurezza di livello equivalente a quello previsto dal diritto dell'Unione vigente.

La proposta ha inoltre l’obiettivo di rafforzare i requisiti per l'entrata in flotta nell'Unione delle navi di grandi dimensioni esistenti e non ancora certificate a livello dell'Unione.

Il testo del Consiglio ha mantenuto l'orientamento generale della proposta della Commissione, fatta eccezione per una proroga del termine di recepimento che, conformemente alla posizione del Consiglio, passerebbe da 12 a 24 mesi.

L'adozione dell’orientamento generale consentirà alla presidenza del Consiglio di avviare i negoziati con il Parlamento europeo non appena quest'ultimo avrà approvato la sua posizione.

Tag: traghetti, trasporto marittimo

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Assologistica e Assiterminal: un accordo per efficientare il sistema portuale

Assologistica e Assiterminal rappresentano componenti fondamentali della catena del valore e concordano sulla necessità di sviluppare sinergie in grado di efficientare il sistema portuale...

Porti della Calabria: tasse di ancoraggio ridotte per le navi commerciali

Abbattere il gap di concorrenza con i porti che operano nel circuito internazionale del Mediterraneo e mantenere il primato nazionale nel settore del transhipment. Con questi obiettivi...

Porti, aumento dei costi energetici e contrazione dei traffici: Assiterminal chiede l'intervento del Governo

Aumento costi energetici e indicizzazione dei canoni concessori demaniali, Assiterminal chiede l'intervento del Governo: "In arrivo la tempesta perfetta". Si sono svolti in questi giorni iniziative e...

Porti e crisi energetica: l'appello di Uniport in un incontro alla Camera

Misure urgenti per neutralizzare gli effetti della crisi energetica sui porti. L'appello di Uniport, l’associazione che rappresenta le imprese che operano in ambito portuale, è stato...

Assarmatori: modal shift a rischio in caso di tempi e modalità diverse dell'ETS tra mare e strada

Appello di Assarmatori ai negoziatori UE in vista dell’accordo provvisorio di compromesso che dovrebbe essere raggiunto questa sera sull’inserimento del trasporto marittimo nell’ETS...

La Puglia protagonista delle Autostrade del mare grazie a Gruppo Grimaldi

Avviare un confronto finalizzato a individuare punti di forza, criticità, potenzialità e strategie per favorire e accrescere l’attrattività e la competitività dei...

Traffico in crescita nei terminal italiani: pubblicata l’analisi economico-finanziaria di Fedespedi

Analizzare le performance economico-finanziarie realizzate lo scorso anno dalle società di gestione di 13 importanti terminal italiani, per restiuire la fotografia di un comparto che gioca un...

Navi green: prorogato il termine per la presentazione delle richieste di contributo

La decarbonizzazione e l’abbattimento delle emissioni sono ormai imprescindibili per tutte le modalità di trasporto nel percorso verso il raggiungimento degli stringenti obiettivi...