Masucci (Fit-Cisl Lazio): indispensabile inserire il porto di Civitavecchia nella rete core europea

CONDIVIDI

mercoledì 22 settembre 2021

Inserire il porto di Civitavecchia tra gli hub ‘core’ della rete Ue. Il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Marino Masucci auspica che gli incontri previsti in questi giorni a Bruxelles possano portare a questo esito.

Il porto di Civitavecchia non fa ancora parte del sistema “core” delle reti transeuropee di trasporto. Le reti TEN-T sono un insieme di infrastrutture fondamentali per lo sviluppo dell’Unione Europea; i nodi logistici sono cruciali per i traffici all’interno dell’UE e pertanto sono previsti specifici fondi per progetti e per lo sviluppo di quelle realtà.

Secondo Masucci l’accesso ai possibili finanziamenti che deriverebbe dal nuovo status potrebbe rendere possibile, oltre alla riconversione orientata al ‘green’, anche un potenziamento "che potrebbe essere fondamentale per l’intero tessuto produttivo e turistico di Roma e del Lazio”.

Puntare al potenziamento infrastrutturale e intermodale

"Lo scalo di Civitavecchia è ‘il porto di Roma’, l’hub della Capitale, e in quanto tale è da ritenersi uno snodo ‘core’. Inoltre, data la sua vocazione croceristica, il porto ha risentito pesantemente della situazione relativa al Covid: ora più che mai, dunque, si dovrebbe puntare al potenziamento infrastrutturale e intermodale, con un ulteriore rafforzamento nella movimentazione delle merci, anche perché il Lazio è il quinto bacino per i consumi a livello europeo, e il secondo in Italia.

“L’effetto incrociato della classificazione tra i porti core, dell’accesso ai finanziamenti, dei potenziamenti infrastrutturali previsti nel Lazio dal PNRR, e l’eventuale costituzione di una zona logistica speciale, potrebbe essere un vero volano per l’economia, l’import e l’export del territorio. Come sappiamo, una logistica semplificata e intermodale è un fattore fondamentale di competitività per i territori”.

Tag: porto di civitavecchia, logistica, intermodalità, trasporto merci

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Protesta Green pass: nel porto di Trieste l'operatività torna a regime

L'operatività del porto di Trieste sta tornando a regime. Lo scrive in una nota l'Autorità di sistema portuale del mare Adriatico orientale precisando che il traffico stradale recupera...

Porto di Gioia Tauro: 50 milioni di euro per potenziare il terminal

Un piano di sviluppo per potenziare la capacità di trasbordo, incrementare i volumi gestiti nell'area portuale di Gioia Tauro e aumentare i livelli occupazionali. La società Medcente...

Manuale CQC 2021: in arrivo integrazioni e modifiche

Arrivano integrazioni per il Manuale CQC 2021. (Ultimo aggiornamento qui).Una nuova circolare della Direzione Generale della Motorizzazione, che sostituisce completamente le precedenti, fornisce...

Marebonus e Ferrobonus: ecco gli importi per il 2021

Ridefiniti gli importi complessivi delle misure per l'intermodalità Marebonus e Ferrobonus. La Corte dei Conti ha registrato il decreto dirigenziale del 6 agosto 2021. 45 milioni di euro per...

Protesta Green pass: al porto di Genova proseguono le manifestazioni

Quinta giornata consecutiva per la protesta no Green pass davanti ai varchi del porto di Genova. Il blocco con presidio davanti all'accesso di ponte Etiopia è ancora presente, ma la...

Green pass e autotrasporto: chiarimenti dal Governo

Arrivano nuovi chiarimenti da parte del Governo sull'applicazione del Green Pass per l'accesso nei luoghi di lavoro, in particolare per l'autotrasporto. Il Green pass può scadere durante...

Una logistica più funzionale, condizioni fiscali migliori e minore burocrazia: la Regione Lombardia punta a istituire Zone Logistiche Semplificate

Creare condizioni economiche e fiscali migliori, favorire lo sviluppo produttivo e occupazionale e snellire i processi burocratici. Questi gli obiettivi alla base della proposta di legge approvata...

Autotrasporto: carenza autisti anche in Germania, mancano 60mila professionisti

La carenza di conducenti di mezzi pesanti che sta affrontando tutto il settore autotrasporto e logistica avrà riflessi anche in Germania entro due o tre anni. L'allarme è stato...