Guardia Costiera e Assoporti: accordo per migliorare il monitoraggio del traffico navale

CONDIVIDI

giovedì 28 luglio 2022

Mettere a fattor comune dati e informazioni di reciproco interesse, attraverso la condivisione con le Autorità di Sistema di dati e informazioni acquisiti nell’ambito della rete nazionale AIS (Automatic Identification System), il sistema comunitario di monitoraggio del traffico navale e d'informazione accentrato presso il Comando Generale della Guardia Costiera.

Questi gli obiettivi dell’accorso di collaborazione siglato presso il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, dal Comando generale delle Capitanerie di porto - Guardia costiera e l’Associazione dei porti italiani (Assoporti).

A sottoscriverlo, il comandante generale, ammiraglio ispettore capo Nicola Carlone e il presidente di Assoporti, Rodolfo Giampieri, alla presenza del ministro Enrico Giovannini che, alla guida del Dicastero, si è fatto personalmente promotore di un processo di “ammodernamento” dei porti italiani e di supporto al dialogo tra Autorità di Sistema Portuale e Capitanerie di porto, “due facce della stessa medaglia” per assicurare un’efficace governance del sistema portuale nazionale con la promozione dei traffici e la garanzia della sicurezza degli scali nazionali.

“Con questo accordo – ha dichiarato il ministro Giovannini – si rafforza la collaborazione tra le Autorità di Sistema Portuale e le Capitanerie di porto per migliorare l'efficienza delle attività portuali e la sicurezza del traffico marittimo. Lo scambio di informazioni sulle navi in procinto di entrare in porto consentirà di ottimizzare le attività degli scali e migliorare i servizi portuali per le navi commerciali e da crociera”.

Monitorare le navi in partenza e in arrivo nei porti

Il Comando generale fornirà informazioni essenziali relative alle navi presenti nei porti e nelle rade ricadenti nella giurisdizione delle Autorità di Sistema Portuale, così da supportare una forma avanzata e condivisa di monitoraggio sia delle navi in arrivo, sia di quelle in partenza, dal porto di origine o destinazione.

“L’accordo – ha spiegato l’ammiraglio Carlone – è finalizzato ad omogeneizzare la risposta all’utenza su tutto il territorio italiano, in accordo col più ampio disegno di efficientamento auspicato dal Ministro. Condividere, oltre all’eventuale scambio di dati e informazioni, specifiche esperienze o problematiche in modo da generare soluzioni condivise e sostenibili in chiave propositiva e di uniformità di governance dei porti”.

Da parte loro, le Autorità di Sistema Portuale, destinatarie dello scambio di informazioni, risponderanno del processo di adeguamento tecnologico necessario a sostenere lo sharing di dati, che saranno così utilizzati per finalità connesse all’efficientamento degli scali e dei servizi assicurati alle unità in transito; ciò a vantaggio dello sviluppo della portualità italiana, del trasporto e della sicurezza attrattiva del settore marittimo nazionale, in linea con il più ampio disegno governativo di rafforzamento della competitività del Paese marittimo per eccellenza, l’Italia.

“Ritengo che la sottoscrizione di questo accordo rappresenti un ulteriore passo in avanti rispetto agli obiettivi che ci siamo prefissati come Assoporti, ovvero quello di creare un rapporto sinergico con tutte le istituzioni che operano in ambito portuale – ha dichiarato il presidente Giampieri, a margine della sottoscrizione –. È la prima volta che c’è un accordo a livello nazionale per lo scambio dati continuativo con chi ha diretto accesso a tutte le informazioni delle navi in arrivo e partenza dai nostri porti e chi gestisce le aree demaniali portuali”.

Tag: assoporti, Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili

© Trasporti-Italia.com - Riproduzione riservata

Leggi anche

Fondi per l'autotrasporto, cambiano le regole: priorità alle imprese italiane

Favorire le imprese italiane. Con questo obiettivo il neo ministro del MIT Matteo Salvini ha proposto e ottenuto, nel corso del Consiglio dei Ministri, una modifica delle regole dei fodni destinati...

Il MIMS cambia nome: torna il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Il dicastero guidato da Matteo Salvini cambia nome e torna alla vecchia denominazione di Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La decisione è stata presa dal Consiglio dei...

Non rischiare, segui la #StradadellaSicurezza: al via campagna di sensibilizzazione Mims-Inail

Parte una nuova campagna di comunicazione per promuovere comportamenti corretti che rendano sicura l’esperienza di guida per tutti gli utenti della strada. Inail e Ministero delle...

Ponte sullo Stretto, TAV Torino-Lione e divieti Tirolo al centro della telefonata tra Salvini e la Commissaria Ue Valean

Le priorità infrastrutturali e trasportistiche dell'Italia sono state al centro della telefonata del Vicepremier e Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, Matteo...

Governo, definita la squadra del Mims: Rixi e Bignami viceministri, Ferrante sottosegretario

Si definisce la squadra del MIMS. Oggi il Consiglio dei ministri, il secondo dalla nomina di Giorgia Meloni a capo del Governo, ha nominato i 31 sottosegretari e ha approvato i nomi dei...

Salvini al lavoro sul dossier TAV: telefonata al ministro delle Infrastrutture francese

Rafforzare la collaborazione tra Roma e Parigi e per fare il punto su alcuni dossier strategici a partire dalla Torino-Lione (TAV). Tra i primi atti del nuovo ministro delle Infrastrutture e della...

Matteo Salvini nuovo Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili

Matteo Salvini è il nuovo Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili del Governo Meloni. Ha 49 anni (è nato nel 1973) ed è il Segretario della Lega Nord....

Sviluppo sostenibile: il MIMS pubblica il documento strategico per la mobilità e la logistica

Dati, analisi e metodi innovativi su cui il MIMS si è basato per elaborare le linee di indirizzo per contribuire alla creazione di un sistema di trasporti e della logistica orientato alla...